Fonti azere: pronti a ritirarci se l’Armenia propone un programma per il ritiro delle sue forze dalle città della regione contesa

il presidente azero Ilham Aliyev (foto Ufficio stampa presidenziale azero tramite AP)

I principali combattimenti nella contesa regione del Caucaso meridionale del Nagorno-Karabakh sono iniziati domenica scorsa, con entrambe le parti che si accusano a vicenda di aver provocato il conflitto e affermano che le proprie forze hanno ucciso migliaia di truppe nemiche .

Baku sarebbe pronta a cessare le sue operazioni nel Nagorno-Karabakh se l’Armenia proponesse un programma per il ritiro delle sue forze dalle città della regione contesa, lo ha annunciato il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev.

“Siamo d’accordo sul punto di vista che il problema con l’Armenia dovrebbe essere risolto attraverso il dialogo, ma ci deve essere un fondamento per questo. Il primo ministro armeno deve dichiarare la sua adesione ai precedenti accordi, secondo i quali i territori del Nagorno-Karabakh sono stati riconosciuti come territori azeri occupati ”, ha detto Aliyev, parlando ad Al-Arabiya domenica.

Secondo il presidente,  i combattimenti saranno cessati ma questo richiederà le scuse del primo ministro Nikol Pashinyan, che “ha definito armene le terre azerbaigiane occupate”.

Altrimenti, ha detto Aliyev, le operazioni azerbaigiane continuerebbero e Baku dopo la liberazione delle sue terre, cercherà di stabilire normali relazioni con il popolo armeno.

Il presidente azero ha anche chiesto che anche il presidente francese Emmanuel Macron ritrattasse la affermazione secondo la quale centinaia di jihadisti siriani sarebbero stati trasferiti nella regione per svolgere operazioni ostili in Nagorno-Karabakh.

“Non ci sono mercenari. Abbiamo un esercito di 100.000 soldati. Voglio che la Francia si scusi e mostri responsabilità “, ha detto Aliyev.

Il ​​portavoce ufficiale del ministero della Difesa armeno Hovhannisyan riferisce che oggi le forze armene e azere hanno ingaggiato una battaglia senza sosta che è durata sei o sette ore.

Secondo il portavoce, le forze azere hanno subito gravi perdite nel corso dello scontro. L’ultimo giorno, le truppe armene hanno colpito 49 veicoli corazzati azeri, dieci droni, tre aerei e un elicottero. Inoltre, tre dei  sistemi di lancio multiplo Smerch (MLRS) sono stati distrutti.

@vietatoparlare

 

Exit mobile version