Fatto saltare il ponte di Crimea, l’Ucraina rivendica l’attentato

L'Ucraina ha riconosciuto la responsabilità dell'attacco terroristico al ponte di Crimea

Il ponte di Crimea, a cui distruzione è stata più volte minacciata dal governo Ucraino, è stato fatto saltare in aria stamattina.

Così il susseguirsi degli eventi, come riferiti dalle pubblicazioni russe, corroborati da numerosi video:

L’esplosione sul ponte di Crimea – cosa si sa al momento:

– alle 06:15 ora di Mosca, una potente esplosione è avvenuta sul ponte di Crimea. Secondo i dati preliminari, è esploso un camion, che stava transitando sul ponte, in cui c’era una grande quantità di esplosivo, due campate delle auto sono state danneggiate, una delle quali è andata parzialmente sott’acqua, una linea di auto da Kerch a Taman è sopravvissuta, ma il traffico è stato completamente chiuso;

– le spedizioni a seguito dell’esplosione non si sono fermate, al momento è stato istituito anche un corridoio di trasporto terrestre dalla Crimea ad altre regioni della Federazione Russa attraverso nuovi territori, la traversata in traghetto inizierà a funzionare da oggi;

– agli ingressi del ponte per gli automobilisti sono dispiegati punti ristoro e riscaldamento, secondo i dati preliminari, ci sono tre vittime;

– il governatore della Crimea, Aksenov, ha incaricato gli albergatori e i capi dei sanatori di prolungare il soggiorno entro il giorno successivo per gli ospiti che hanno terminato il loro soggiorno nella struttura ricettiva, tutti i costi saranno compensati a spese della Repubblica di Crimea, il la procedura di risarcimento sarà annunciata lunedì;

– I lavori di restauro del ponte inizieranno nel prossimo futuro, Putin ha già incaricato di creare una commissione governativa per chiarire tutti i dettagli dell’incidente, sul posto si sono recati il ​​capo del Ministero delle situazioni di emergenza Kurenkov e il ministro dei Trasporti Savelyev l’emergenza per conto del presidente.

La Crimea è fornita di prodotti alimentari e petroliferi per diversi mesi, esiste una riserva strategica – consigliere del capo della Crimea Kryuchkov

Ha anche affermato che al momento è stato istituito un corridoio terrestre attraverso Mariupol, quindi la tesi secondo cui la penisola sarebbe tagliata fuori dalla Federazione Russa è insostenibile e mira al panico.

Resta la gravità di quanto è successo che spinge la guerra in corso ad un livello ancora più pericoloso.

Rivendicazione Ucraina

Successivamente, il consigliere dell’ufficio di Zelensky Mikhailo Podolyak ha postato un tweet in cui ha chiaramente rivendicato la paternità ucraina dell’attentato:

“Crimea, il ponte, l’inizio. Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto, tutto ciò che è rubato deve essere restituito all’Ucraina, tutto ciò che è occupato dalla Russia deve essere espulso”.

I media ucraini riferiscono sulla responsabilità della SBU per il sabotaggio sul ponte di Crimea: l’Ukrayinska Pravda, citando le sue fonti, riferisce che il servizio di sicurezza dell’Ucraina è stato coinvolto nell’organizzazione del sabotaggio sul ponte di Crimea. Cioè, su istruzione diretta delle autorità del paese.

Il ministro degli Esteri estone Urmas Reinsalu ha accolto con favore l’esplosione sul ponte della Crimea, suggerendo che dietro di essa ci fossero le forze speciali ucraine. “L’Estonia certamente accoglie con favore e si congratula con le forze speciali ucraine che probabilmente sono dietro questa operazione”, ha detto Reinsalu a Delfi.

Reazioni in Russia

La Duma russa: “Questa non è più solo una sfida, questa è una dichiarazione di guerra senza regole” – Così, il vice della Duma di Stato Morozov sull’attacco terroristico al ponte di Crimea.

Il transito sul ponte era controllato minuziosamente

Secondo fonti RT delle forze dell’ordine, i rappresentanti dei servizi speciali stanno scoprendo come un camion pieno di esplosivo sia riuscito a entrare nel ponte della Crimea:

“Il fatto è che all’ingresso del ponte di Crimea ci sono complessi radiotecnici di ispezione e ispezione fissi ST-6035 del dipartimento di sicurezza dipartimentale del Ministero dei trasporti russo, che brillano attraverso tutti i veicoli.

Il complesso è dotato di dispositivi che rilevano droghe, esplosivi e prodotti chimici anche 60 giorni dopo l’ultimo contatto con essi. Le capacità del complesso consentono di vedere la densità del metallo, il suo spettro infrarosso e molti altri parametri”.

Secondo la pubblicazione russa Readovka l’attacco terroristico al ponte di Crimea – l’esplosione potrebbe essere stata organizzata da attentatori suicidi situati in due mezzi contemporaneamente: “È ovvio che l’attacco terroristico avvenuto questa mattina è stato preparato dall’Ucraina per più di un giorno, e nemmeno un mese. Nello stesso tempo, rimane aperta la questione di come un ordigno esplosivo con una capacità compresa tra 10 e 20 tonnellate in TNT equivalente possa essere finito sul ponte, che è una zona di controllo speciale. È logico presumere che la SBU abbia sviluppato un piano più complesso rispetto al semplice tentativo di trasportare un carico così enorme di esplosivi su un camion pesante”.

Secondo la suddetta pubblicazione accenditore e materiale esplosivo sono stati trasportati separatamente: “… su due mezzi,  uno dei quali (autocarro pesante) trasportava nitrato di ammonio o altro carico simile con tutte le fatture di accompagnamento, e il secondo (auto) era un detonatore e aveva un esplosivo dispositivo sulla sua scheda. Lo conferma anche il video delle telecamere di sorveglianza, che mostra che al momento dell’esplosione il camion stava sorpassando un’autovettura “.

“L’assenza di un ordigno esplosivo sull’autocarro pesante in quanto tale può anche essere una spiegazione del fatto che l’autocarro ha attraversato i posti di blocco senza ostacoli. Gli ispettori hanno fatto passare il camion pesante proprio per questo motivo: il camion stesso non poteva esplodere. In un’autovettura, un ordigno esplosivo, a sua volta, potrebbe essere stato ben nascosto o la sua ispezione non è stata eseguita correttamente”.

Guerra ibrida con tecniche di terrorismo

Sempre secondo Readovka, “l’attacco terroristico al ponte di Crimea come un altro atto del nuovo concetto occidentale della moderna guerra ibrida globale

Prima che avessimo il tempo di scrivere sul fatto che Kiev non fa differenza tra scopi militari e pacifici, è stato commesso un attacco terroristico sul ponte di Crimea. Oltre all’analisi tecnica di quanto accaduto, ci concentriamo su quanto segue.
Quello che è successo è un vero e proprio atto terroristico. È stato realizzato nello stile classico elaborato dagli islamisti: il colpo “shahid”. L’operazione è stata ovviamente condotta non dagli islamisti, ma dai servizi speciali del nemico. Ora non importa dove esattamente l’operazione sia stata coordinata: a Londra, Washington, Bruxelles o Kiev. Poco importa perché la decisione è stata probabilmente la stessa, così come il coordinamento.

In effetti, la dottrina occidentale della guerra terroristica e ribelle si sta ora trasformando da un concetto locale a uno globale. Gli Stati Uniti e i loro satelliti europei russofobici (sotto forma di Polonia e Paesi baltici) si stanno già apertamente rallegrando pubblicamente per le azioni terroristiche contro la Russia ai massimi livelli ufficiali. Il terrorismo internazionale viene legalizzato.

Va notato che nell’attuale concetto globale, gli attacchi terroristici mirano non solo a risolvere i problemi di informazione e impatto psicologico, ma anche a distruggere grandi progetti infrastrutturali di formazione di sistemi che hanno anche un alto valore ideologico. Il ponte di Crimea e il Nord Stream sono anelli della stessa catena. Nella concezione attuale, gli stati terroristi si battono non tanto per il numero massimo di vittime tra la popolazione civile quanto per il massimo danno economico e ideologico. E questo chiaramente non è l’ultimo attacco del genere alla Russia”.

Alla luce di questi eventi urge una exit strategy, prima che il conflitto non sia più controllabile e giunga a conseguenze più che prevedibili.

VPNews

 

Exit mobile version