Ex consigliere della Merkel risponde alla domanda “quali sono gli obiettivi della guerra ucraina?”

Ecco, in sintesi dal sito “Emma” della redattrice Annika Ross, le lungimiranti risposte di Erich Wad (generale tedesco in pensione ed ex consigliere della Merkel per la politica militare):

Annika Ross: «Cosa ne dice della consegna di 40 carri armati “Marder” in Ucraina?»
Erich Wad: «Siamo su un pendio scivoloso. Certo, il sostegno all’Ucraina era e rimane giusto, ma ora bisogna pensare alle conseguenze! È possibile concludere negoziati fornendo carri armati? L’Ucraina vuole conquistare il Donbass o la Crimea? O vogliono sconfiggere completamente la Russia? Non esiste una fine realistica del conflitto. E senza un concetto politico e strategico comune, le consegne di armi sono puro militarismo. Abbiamo uno stallo militare che non possiamo risolvere militarmente. A proposito, il capo dello staff americano, Mark Milley, è della stessa opinione. Ha detto che la vittoria militare dell’Ucraina non dovrebbe essere prevista e che i negoziati sono l’unica via possibile. Qualsiasi altra cosa significherebbe uno spreco di vite umane.»

Annika Ross: «La dichiarazione del gen Milly ha causato molta rabbia a Washington Ha detto una verità scomoda.»
Erich Wad: « Vero, tra l’altro, che non è stato quasi mai pubblicato sui media tedeschi. L’intervista di Milley non è apparsa da nessuna parte in un formato più ampio, eppure è il capo dello staff di una delle principali potenze occidentali. Quella che sta accadendo in Ucraina è una guerra di logoramento.
Ho messo in guardia dal sopravvalutare le azioni offensive degli ucraini nei mesi estivi. Esperti militari che sanno com’è sul campo e cosa significa effettivamente la guerra sono in gran parte esclusi dal discorso. Non si adattano ai media che formano l’opinione. In larga misura, stiamo assistendo a una conformità dei media che non ho mai visto in Germania.
La maggioranza della popolazione si oppone da tempo a ulteriori trasferimenti di armi. Ma niente di tutto questo viene riportato. Non c’è più una discussione onesta e aperta sulla guerra in Ucraina, e lo trovo molto inquietante.
La natura unidimensionale dell’attuale politica estera della Germania è difficile da sopportare. Sono contento che una donna ministro degli Esteri sia apparsa in Germania, ma non è sufficiente impegnarsi nella retorica militare e andare in giro per Kiev o nel Donbass con elmetto e giubbotto antiproiettile. Questo non è abbastanza.
Consiglierei a Scholz di fornire supporto militare all’Ucraina, ma in modo equilibrato e attento per non scivolare lungo la china scivolosa verso il partito della guerra. E gli consiglierei di influenzare il nostro più importante alleato, gli Stati Uniti. Dopotutto, la chiave per risolvere la guerra sta a Washington e Mosca.»

Annika Ross: «E se i carri armati Leopard venissero consegnati all’Ucraina?»
Erich Wad: « I Marder e Leopard non bastano per catturare la Crimea o il Donbass. I russi stanno avanzando nell’Ucraina orientale. Forse presto conquisteranno completamente il Donbass. L’Occidente può inviare 100 “leopard”, non cambieranno la situazione generale. E la domanda più importante è come superare un simile conflitto con una potenza nucleare? A proposito, possiede l’arsenale nucleare più potente del mondo! Ed è esattamente ciò a cui politici e giornalisti non pensano qui in Germania!»
Puoi continuare a logorare i russi, il che a sua volta significa centinaia di migliaia di morti da entrambe le parti. E questo significa un’ulteriore distruzione dell’Ucraina. Cosa resterà di questo paese? Sarà cancellata dalla faccia della terra. La chiave per risolvere il conflitto non sta a Kiev, non a Berlino, Bruxelles o Parigi, ma a Washington e Mosca. È assurdo dire che l’Ucraina dovrebbe decidere qualcosa.
Questa è una lotta per l’indipendenza dell’Ucraina e la sua integrità. Questo è vero. Ma questa non è tutta la verità. E’ anche una guerra per procura tra Stati Uniti e Russia, e nella regione del Mar Nero sono in gioco interessi geopolitici molto specifici.
Devi solo chiedere alle persone nel Donbass e in Crimea a chi vogliono appartenere. L’integrità territoriale dell’Ucraina deve essere ripristinata con determinate garanzie dall’Occidente. E anche i russi hanno bisogno di quel tipo di garanzia di sicurezza. Pertanto, non ci sarà alcuna adesione alla NATO per l’Ucraina.
Se l’obiettivo è un’Ucraina indipendente, a lungo termine bisogna anche chiedersi come dovrebbe essere un ordine europeo con la Russia. La Russia non sparirà semplicemente dalla mappa. Altrimenti ci sveglieremo una mattina e ci ritroveremo nel bel mezzo della Terza Guerra Mondiale.».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.