Evoluzione dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti

emirates

Foto di RODNAE Productions da Pexels

Riforma dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti: evoluzione socio-politica naturale o strategia posizionale?

Reem Saeed (fonte: https://www.e-ir.info)

Nel mondo in cui i record sui diritti umani stanno generando sempre più dibattiti politici, potrebbero essere necessarie modifiche alle leggi nazionali sui diritti umani, in particolare per i paesi emergenti in riforma sociale come gli Emirati Arabi Uniti (EAU). Concettualmente, la teoria dell’identità sociale internazionalizzata (SIT) spiega perché la necessità di riforme dei diritti umani può portare all’emergere di uno status gerarchico in cui un paese cerca di scalare questa classifica di status, mentre contemporaneamente si consolida sullo status acquisito per ottenere risultati economici e geopolitici vantaggi. Per quanto riguarda gli Emirati Arabi Uniti, questo articolo mostra che le riforme sui diritti umani possono non solo migliorare la posizione degli Emirati Arabi Uniti come nazione socialmente riformatrice, ma anche promuovere il suo obiettivo di diventare un centro di ospitalità, militare ed economico regionale.

A mezzo secolo dalla sua formazione, la trasformazione economica degli Emirati Arabi Uniti, in gran parte attraverso le sue risorse energetiche, gli ha anche permesso di investire nello sviluppo del soft power (diplomazia internazionale e aiuti esteri) e dell’hard power (capacità militari e intervento nei conflitti internazionali) . Tuttavia, la crescente influenza economica e geopolitica degli Emirati Arabi Uniti ha anche attirato l’attenzione sul suo sviluppo socio-politico, che non ha tenuto il passo con la sua evoluzione come attore economico e geopolitico (Salisbury, 2020). Al centro del dibattito sullo sviluppo socio-politico degli Emirati Arabi Uniti c’è il suo record sui diritti umani, che spesso attira l’attenzione e le critiche internazionali.

Economicamente, gli Emirati Arabi Uniti dipendono dal lavoro migrante, che rappresenta circa il 90 percento della sua popolazione. Ciò pone l’accento sui diritti di questi cittadini stranieri, che a volte provoca tensioni diplomatiche tra gli Emirati Arabi Uniti e i paesi di origine dei lavoratori migranti. Inoltre, la crescita degli Emirati Arabi Uniti come hub internazionale per gli investimenti finanziari e turistici ha anche sollevato dubbi sui suoi diritti umani poiché gli investitori e le organizzazioni internazionali diventano sempre più consapevoli dei record sui diritti umani dei paesi con cui investono o trattano.

Politicamente, le questioni relative ai diritti umani negli Emirati Arabi Uniti si concentrano anche sul fatto che le leggi esistenti sui diritti umani offrano protezioni sufficienti, con domande sollevate sui trattamenti dei dissidenti politici, delle donne e dei difensori dei diritti umani. Le organizzazioni per i diritti umani tengono sotto i riflettori le presunte violazioni dei diritti umani segnalate, esercitando pressioni sul governo degli Emirati Arabi Uniti per difendere i suoi record sui diritti umani e, negli ultimi anni, hanno adottato misure per migliorare i diritti umani in termini di diversità, uguaglianza di genere, diritti dei lavoratori e rappresentazioni.

Geopoliticamente, gli Emirati Arabi Uniti sono diventati sempre più assertivi nelle sue relazioni regionali e internazionali, il che solleva anche dibattiti sui suoi diritti umani. In particolare, nell’esercitare il proprio potere attraverso l’acquisizione di armi, l’intervento militare e la creazione di basi militari in paesi stranieri, agli Emirati Arabi Uniti vengono spesso ricordati gli obblighi in materia di diritti umani – sia dai fornitori di attrezzature militari occidentali che dagli attivisti per i diritti umani sulle loro strategie militari, risorse e obiettivi all’estero.

Tuttavia, nell’ultimo decennio, c’è stato un cambiamento nella protezione dei diritti umani sia per gli Emirati che per i lavoratori migranti. Ma la domanda che sorge è se la recente mossa degli Emirati Arabi Uniti per riformare ulteriormente i diritti umani sia solo un’evoluzione socio-politica naturale o un cambiamento di politica misurato nel mantenimento dell’influenza economica e geopolitica? Pertanto, questo articolo analizza la recente tendenza nei diritti umani, evidenziando il ruolo che considerazioni economiche e geopolitiche possono aver svolto nel plasmare questi recenti cambiamenti.

L’evoluzione dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti

Le riforme dei diritti umani negli Emirati Arabi Uniti hanno avuto luogo gradualmente, ma l’ultimo decennio ha visto i maggiori cambiamenti. Una rassegna di queste riforme sui diritti umani è riassunta di seguito.

Gli sforzi per proteggere i diritti dei bambini negli Emirati Arabi Uniti sono iniziati con l’istituzione del Comitato supremo per la protezione dei bambini nel 2009 e del Centro per la protezione dei bambini nel 2011. Ma per garantire i diritti fondamentali dei bambini, compreso il diritto alla vita, all’istruzione e alla salute, la legge federale Il n. 3 del 2016 è stato emanato per fornire un quadro giuridico per la protezione dei bambini. Inoltre, nel 2017 sono state introdotte ulteriori misure, tra cui il Piano strategico per i diritti dei bambini con disabilità 2017-2021 e la Strategia nazionale per la maternità e l’infanzia 2017-2021, per rafforzare la determinazione del governo a creare un ambiente favorevole ai bambini in cui la loro sicurezza è fondamentale e diritti garantiti.

Di fronte alle critiche internazionali sui rapporti sulla tratta di esseri umani e all’accusa di scarsi sforzi nell’affrontare la piaga della tratta di esseri umani, il paese ha intrapreso la lotta a tutte le forme di reati di tratta di esseri umani all’interno del paese, lavorando con i paesi regionali e internazionali per sradicare questi crimini. Gli Emirati Arabi Uniti hanno assunto un ruolo di primo piano nella campagna globale contro la tratta di esseri umani e sono stati il ​​primo paese della regione a promulgare una legge globale contro la tratta di esseri umani con la legge federale 51 nel 2006 e hanno istituito il Comitato nazionale per la lotta alla tratta di esseri umani ( NCCHT) per sovrintendere alla sua applicazione (Mofaic, 2021). Per garantire che le sue leggi sulla tratta di esseri umani rimangano efficaci,

Nel complesso, gli Emirati Arabi Uniti hanno adottato la strategia nazionale 5P per la tratta di esseri umani: prevenzione, persecuzione, punizione, protezione delle vittime e promozione della cooperazione internazionale (NCCHT, 2016). Inoltre, vengono forniti servizi di riabilitazione alle vittime della tratta di esseri umani, inclusi i rifugi Ewaa per donne e bambini vittime di reati di tratta di esseri umani, l’Abu Dhabi Centre for Sheltering and Human Care, la Dubai Foundation for Women and Children (DFWAC) e la Women’s Protection Centro del dipartimento dei servizi sociali di Sharjah.

Il record degli Emirati Arabi Uniti sui diritti delle donne, in particolare per quanto riguarda l’uguaglianza di genere, ha sollevato interrogativi sulla pretesa del paese di essere uno stato globale e tollerante. In risposta alle sue critiche, il paese ha intrapreso cambiamenti politici e legali per eliminare i pregiudizi di genere contro le donne (Hamel e Dexter, 2021). Nell’ultimo decennio, gli Emirati Arabi Uniti hanno realizzato importanti riforme dei diritti delle donne, introducendo ulteriori protezioni contro la violenza domestica, ma permane una significativa discriminazione contro donne e ragazze (Human Rights Watch, 2021).

Ma negli ultimi anni, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha dedicato maggiori sforzi al miglioramento dei diritti delle donne. Introducendo il Gender Balance Council (GBC), gli Emirati Arabi Uniti hanno compiuto progressi significativi nei diritti delle donne, mirando in particolare all’emancipazione sociale ed economica. Le recenti riforme sull’emancipazione delle donne includono la possibilità di richiedere passaporti, il diritto a diventare capofamiglia, le leggi contro la violenza domestica, la criminalizzazione delle molestie sessuali sul posto di lavoro e la discriminazione contro le donne (Hamel e Dexter, 2021). In effetti, gli sforzi rapidi e sostenuti verso l’uguaglianza di genere negli Emirati Arabi Uniti hanno ricevuto un riconoscimento internazionale. Gli ultimi dati disponibili per il Gender Inequality Index (GII) del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) mostrano che gli Emirati Arabi Uniti sono al primo posto a livello regionale e al 18° a livello globale (UNDP, 2020). Inoltre, le donne della Banca mondiale, L’indice Business and the Law (WBL) 2021 evidenzia un balzo dei diritti delle donne negli Emirati Arabi Uniti, nonostante la regione MENA nel suo complesso sia ancora la più bassa nell’indice WBL, con le donne che hanno meno della metà dei diritti esercitati dagli uomini. Più specificamente, l’indice WBL mostra il punteggio totale degli Emirati Arabi Uniti da 30 punti su 100 nel 2019 a 82,5 punti su 100 nel 2021 (Hamel e Dexter, 2021).

Tuttavia, gli Emirati Arabi Uniti hanno continuato a introdurre ulteriori strumenti legali per rafforzare e proteggere i diritti delle donne. Ad esempio, nuove leggi prendono di mira la violenza domestica e il delitto d’onore, con misure legali contro tutte le forme di violenza contro le donne. Inoltre, sono state adottate nuove leggi che consentono alle donne di svolgere il lavoro notturno e di essere impiegate nei ruoli precedentemente riservati agli uomini, consentendo alle donne la libertà di carriera. Infine, gli Emirati Arabi Uniti, dopo aver compiuto progressi significativi nell’uguaglianza di genere in patria, hanno avviato una campagna globale per sostenere i diritti delle donne in altri paesi utilizzando il loro soft power attraverso gli aiuti esteri. Di conseguenza, gli Emirati Arabi Uniti sono in cima alla lista in termini di quantità di aiuti esteri dedicati all’emancipazione e alla protezione di ragazze e donne in cui è ancora praticata la discriminazione.

La maggior parte delle recenti riforme introdotte per migliorare i diritti umani negli Emirati Arabi Uniti sono quelle mirate ai diritti dei lavoratori, in particolare dei lavoratori migranti. Per sviluppare il proprio quadro giuridico sui diritti dei lavoratori, gli Emirati Arabi Uniti hanno ratificato nove convenzioni chiave dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) relative ai diritti dei lavoratori, tra cui sei convenzioni fondamentali, una convenzione sulla governance e due convenzioni tecniche (ILO, 2021). Si stanno introducendo leggi e regolamenti sul lavoro per riformare i mercati del lavoro e garantire ai lavoratori, in particolare al lavoro migrante, maggiori diritti legali. Ad esempio, dal 2009, gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto il Wage Protection System (WPS), che ha trasformato il rapporto tra datori di lavoro e dipendenti, in particolare i lavoratori domestici, garantendo la protezione dei salari, uno sforzo importante per migliorare i diritti dei lavoratori.

Nel 1991, le Nazioni Unite hanno convocato una conferenza mondiale a Parigi per la consultazione sulla creazione di istituzioni nazionali per i diritti umani (NHRI) per la protezione e la promozione dei diritti umani. Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i diritti umani, l’esito della conferenza del 1991, e della successiva Conferenza mondiale sui diritti umani di Vienna del 1993, sono i cosiddetti Principi di Parigi, che delineano lo status delle NHRI atteso a livello internazionale garantire la loro indipendenza, legittimità, credibilità ed efficacia (OHCHR, 2010).

Mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno compiuto sforzi per migliorare i propri record sui diritti umani, sono stati criticati per non essere riusciti a creare un NHRI indipendente per difendere la protezione dei diritti umani e, nonostante le affermazioni di essere uno dei principali sostenitori dei diritti umani nella regione, ha trascinato altri abissi vicini come Bahrain, Oman, Qatar e Arabia Saudita, che hanno tutti istituito i loro NHRI (IFEX, 2018; DW, 2021). Nel tentativo di mostrare che le sue riforme sui diritti umani stanno proseguendo in una direzione positiva, gli Emirati Arabi Uniti hanno promulgato la legge federale numero 12 del 2021, che istituisce un’istituzione nazionale indipendente per i diritti umani (DW, 2021). La nuova istituzione per i diritti umani è costituita in conformità con i cosiddetti Principi di Parigi, suggerendo che il governo intende consentirle di essere indipendente, con autonomia amministrativa e finanziaria. Tuttavia,

Possibili ragioni economiche e geopolitiche per le riforme dei diritti umani degli Emirati Arabi Uniti

Mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno compiuto progressi incrementali nelle riforme dei diritti umani negli ultimi decenni, l’accelerazione delle disposizioni e delle tutele in materia di diritti umani, incluso l’ultimo annuncio della legge che istituisce un’istituzione nazionale per i diritti umani, ha sollevato la questione della vera ragione dietro il drammatico verso la liberalizzazione delle sue leggi socio-culturali. L’argomento è incentrato sul fatto che le recenti riforme dei diritti umani seguano un naturale progresso socio-culturale di uno stato moderno o un posizionamento strategico progettato per massimizzare i guadagni economici o geopolitici.

Teoricamente, Gotz (2021) riassume le teorie esistenti utilizzate nello studio dell’aumento di status nelle relazioni internazionali competitive in tre prospettive. In primo luogo, la prospettiva razionalista-strumentale, guidata da Renshon (2017), che spiega come la natura strategica della ricerca dello status nella politica mondiale possa portare a una gerarchia di deferenza, in cui gli stati competono per scalare a spese degli altri. In secondo luogo, la prospettiva socio-psicologica, basata sulla teoria dell’identità sociale (SIT), è sostenuta da Larson e Shevchenko (2003, 2010, 2019a, 2019b). Questa prospettiva teorica spiega come uno stato in cerca di status si posiziona strategicamente per raggiungere un ordine di rango più elevato in una gerarchia caratterizzata da attributi di valore, incluso il progresso socio-culturale. Terzo, una prospettiva costruttivista, che, secondo Murray (2019),

In questo articolo, la teoria dell’identità sociale internazionalizzata (SIT) di Larson e Shevchenko viene utilizzata per esplorare il motivo per cui le riforme dei diritti umani intraprese dagli Emirati
Arabi Uniti possono essere un tentativo di cercare uno status socialmente guidato e utilizzarlo per ottenere potenzialmente un vantaggio competitivo economico e geopolitico. Larson e Shevchenko (2003) suggeriscono la mobilità sociale, la competizione sociale e la creatività sociale come tre strategie che uno stato può impiegare per posizionarsi per uno status internazionale più elevato.

La prima strategia è la mobilità sociale, che implica che uno Stato identifichi uno specifico impegno sociale internazionale di valore, in cui si colloca in basso, accetti i criteri di valutazione per avanzare in uno status più elevato e, quindi, cerchi sistematicamente di emulare lo sforzo sociale di uno stato di alto rango allo scopo di raggiungere esso stesso un rango più elevato. Nel contesto della strategia internazionale di posizionamento dello status dei diritti umani da parte degli Emirati Arabi Uniti, la mobilità sociale implica il tentativo di seguire lo standard dei diritti umani sostenuto dai paesi più democraticamente avanzati o codificati dalle convenzioni internazionali. Inoltre, nell’esercitare il proprio potere attraverso l’acquisizione di hardware militare e l’intervento militare, gli Emirati Arabi Uniti sono costretti a migliorare i propri record nazionali sui diritti umani per due ragioni. Primo, Il governo occidentale deve affrontare una seria sfida da parte dei propri cittadini e parlamenti quando fornisce armi a paesi con scarsi diritti umani. In Arabi Uniti possono essere un tentativo di cercare uno status socialmente guidato e utilizzarlo per ottenere potenzialmente un vantaggio competitivo economico e geopolitico. Larson e Shevchenko (2003) suggeriscono la mobilità sociale, la competizione sociale e la creatività sociale come tre strategie che uno stato può impiegare per posizionarsi per uno status internazionale più elevato.

critiche internazionali o boicottaggio durante la competizione o il forum internazionale. es. Dubai Expo 2021.

Infine, la terza strategia della creatività sociale implica una situazione in cui uno stato di rango relativamente basso si sforza di ricreare criteri di valutazione come un modo per avanzare in uno status più elevato (Larson e Shevchenko 2019a). Questo può essere fatto identificando un’area in cui è superiore ai suoi concorrenti e cerca di spostare i criteri di classificazione su tale base. Ad esempio, nel caso dei diritti umani si sviluppa nel Golfo e nel Medio Oriente, gli Emirati Arabi Uniti, sfidati dalle riforme sui diritti umani intraprese dai paesi confinanti, hanno virato verso un nuovo modo di posizionarsi come paladini della liberalizzazione nella regione sbandierando l’espansione del suo soft power, in particolare attraverso la sua assistenza internazionale allo sviluppo sui diritti umani. Più specificamente, in qualità di donatore leader per la protezione globale dei diritti delle donne e delle bambine, gli Emirati Arabi Uniti potrebbero obiettare che non si tratta solo di riformare i diritti umani in patria, ma anche di facilitarli all’estero. Tuttavia, sarà ipocrita per gli Emirati Arabi Uniti fornire sostegno finanziario ad altri paesi per affrontare le violazioni dei diritti umani quando non ha fornito una protezione simile alle sue donne e ragazze. Pertanto, gli Emirati Arabi Uniti potrebbero vedere la necessità di implementare diritti umani ancora maggiori come un modo per ottenere legittimità per le relazioni e l’influenza internazionali.

Conclusione

I dibattiti sui diritti umani sono diventati un discorso importante in molte aree della politica e delle relazioni internazionali, con gravi implicazioni economiche e geopolitiche. Di conseguenza, gli stati socialmente in via di riforma come gli Emirati Arabi Uniti hanno sempre più cercato di migliorare le proprie credenziali in materia di diritti umani. Riconoscendo i propri potenziali doppi benefici, i potenziali obiettivi degli Emirati Arabi Uniti per la riforma dei diritti umani sono duplici: cercare il riconoscimento dello status di primo tra i suoi vicini del Golfo o regionali in termini di nazione socialmente amichevole e; utilizzando lo status come strategia posizionale per massimizzare i vantaggi economici e geopolitici.

Riferimenti

DW (2021) Il nuovo istituto per i diritti umani degli Emirati Arabi Uniti: vero cambiamento o “lavaggio dell’immagine”? [Online)] Disponibile su: https://www.dw.com/en/uaes-new-human-rights-institute-genuine-or-joke/a-59061415 [consultato l’11 ottobre 2021].

Götz, E., (2021). Lo status conta nella politica mondiale. Rassegna di studi internazionali, 23 (1), pp.228-247.

Hamel, I. & Dexter, G A. (2021) Emirati Arabi Uniti: il cielo è il limite per la riforma di genere. [Online)] Disponibile su: https://blogs.worldbank.org/arabvoices/gender-reforms-united-arab-emirates [consultato l’11 ottobre 2021].

Human Right Watch (2021a) Emirati Arabi Uniti: sono necessari maggiori progressi sui diritti delle donne. [Online)] Disponibile su: https://www.hrw.org/news/2021/03/04/uae-greter-progress-needed-womens-rights [consultato l’8 ottobre 2021].

Human Rights Watch (2021b) World Report 2021: United Arab Emirates – Events of 2020. [Online)] Disponibile all’indirizzo: https://www.hrw.org/world-report/2021/country-chapters/united-arab-emirates [consultato l’11 ottobre 2021].

IFEX (2018) Gli Emirati Arabi Uniti devono attuare le raccomandazioni delle Nazioni Unite sui diritti alla libertà di espressione, associazione e riunione. [Online)] Disponibile su: https://ifex.org/uae-must-implement-un-recommendations-on-rights-to-freedom-of-expression-association-and-assembly/ [consultato l’11 ottobre 2021].

ILO (2021) Ratifiche per gli Emirati Arabi Uniti. [Online)] Disponibile su: https://www.ilo.org/dyn/normlex/en/f?p=1000:11200:0::NO:11200:P11200_COUNTRY_ID:103495 [consultato l’11 ottobre 2021].

Larson, DW e Shevchenko, A., (2003) Scorciatoia per la grandezza: il nuovo pensiero e la rivoluzione nella politica estera sovietica. Organizzazione internazionale, 57(1), pp.77-109.

Larson, DW e Shevchenko, A., (2010) Cercatori di status: risposte cinesi e russe al primato degli Stati Uniti. Sicurezza internazionale, 34(4), pp.63-95.

Larson, DW e Shevchenko, A., (2019a). Ricerca di status: politica estera cinese e russa. New Haven, CT: Yale University Press.

Larson, DW e Shevchenko, A., (2019b) Lost in Misconceptions sulla teoria dell’identità sociale. Trimestrale di studi internazionali, 63(4), pp.1189-1191.

Mofaic (2021) Tratta di esseri umani: combattere la tratta di esseri umani. [Online)] Disponibile su: https://www.mofaic.gov.ae/en/The-Ministry/The-Foreign-Policy/Human-Trafficking [consultato il 15 ottobre 2021].

Murray, M., (2019). La lotta per il riconoscimento nelle relazioni internazionali: status, revisionismo e poteri emergenti. Oxford: Oxford University Press.

NCCHT (2016) Rapporto annuale del Comitato nazionale per la lotta alla tratta di esseri umani. [Online)] Disponibile su: https://lib.ohchr.org/HRBodies/UPR/Documents/Session29/AE/A_HRC_WG.6_29_ARE_1_UAE_Annex%201_E.pdf [consultato l’8 ottobre 2021]

OHCHR (2010) Istituzioni nazionali per i diritti umani: storia, principi, ruoli e responsabilità

Renshon, J., (2017). Lotta per lo status: gerarchia e conflitto nella politica mondiale. Princeton, NJ: Princeton University Press.

fonte: https://www.e-ir.info/2021/12/10/human-rights-reform-in-the-uae-natural-socio-political-evolution-or-positional-strategy/

Exit mobile version