Esiste una epoca d’oro di Kabul svanita per la ‘guerra fredda’, ma correntemente nessuno ne parla

Esiste una epoca d'oro di Kabul svanita per la 'guerra fredda', ma correntemente nessuno ne parla 1

studentesse a Kabul

Lo storico britannico Sir Rodrik Braithwaite, ex ambasciatore britannico dal 1988 al 1992 e autore di Russia at War: From the Mongol Conquest to Afghanistan, Chechnya, and Beyond, scrive:

“All’inizio degli anni ’70, molti elementi di uno stato moderno si erano sviluppati in Afghanistan. Il paese era relativamente sicuro: era possibile viaggiare, fare picnic e visitare la città. Diplomatici, scienziati, uomini d’affari, ingegneri, insegnanti, lavoratori delle ONG, hippy che vivevano a Kabul negli ultimi giorni prima del golpe comunista, hanno poi ricordato quell’età dell’oro che viveva a Kabul e in molte altre grandi città.

Con l’arrivo delle truppe sovietiche nel 1979, la vita a Kabul è rimasta invariata per molti versi. “Anche allora”, ha ricordato una donna, “andavamo ancora a scuola. Le donne hanno lavorato come insegnanti, medici, funzionari. Andavamo a picnic e feste, indossavamo jeans e gonne corte e pensavo che sarei andato all’università come mia madre e avrei guadagnato da vivere”.

Jonathan Steele, un giornalista britannico che si trovava a Kabul in quel momento, ha scritto: “Nel 1981, c’erano folle di studentesse in due università di Kabul, oltre a studenti. La maggior parte girava per il campus anche senza velo. Centinaia di persone sono andate nelle università sovietiche per studiare ingegneria, agronomia e medicina. La sala banchetti dell’hotel di Kabul pulsava per l’eccitazione dei matrimoni la sera. I mercati stavano bollendo. Dal Pakistan arrivavano carovane di camion dipinti che consegnavano televisori giapponesi, videoregistratori, macchine fotografiche e stereo. I russi non hanno fatto nulla per porre fine a questa dinamica impresa privata”.

Come scrisse un giornalista, pochi mesi dopo la partenza dei russi per Kabul, “benché fosse ancora sotto la legge marziale, c’era un clima di festa. Era giugno, il mese del matrimonio, quando i fiori riempiono l’aria di aromi, il fiume Kabul si gonfia di neve che si scioglie e io mi sono seduta al sole a leccare il gelato in un caffè dell’università con giovani donne vivaci con i tacchi alti. Tra loro c’erano bionde tinte e il petto prominente di una di loro era coperto da una maglietta con la scritta: “Questo idiota non è con me”.

Ho ballato a una festa nell’appartamento di un funzionario che conoscevo. Una famosa cantante di nome Wajiha strimpellava la sua chitarra, tirando costantemente una boccata dalla sua sigaretta. Gli unici veri segni di guerra, a parte la moltitudine di uomini e donne in uniforme militare e il ronzio degli aerei, erano le code all’alba alle panetterie: la gente aspettava le razioni giornaliere, cinque naan per famiglia – oltre alla musica e gli slogan ideologici degli oratori appesi agli alberi in tutta la città. A volte queste trasmissioni, stranamente, erano intervallate da esercizi mattutini e da una sigla della “Storia d’amore”.

Ma il paradiso era già perduto. La guerra civile scoppiata dopo la partenza dei russi ha trasformato Kabul in rovina e i talebani, che hanno posto fine alla guerra, hanno posto fine alla loro vecchia vita. Palazzi e hotel furono distrutti, il museo fu saccheggiato e la musica, la danza e l’istruzione per le donne caddero nel dimenticatoio. ”

Sappiamo come è andata dopo, il supporto statunitense ai ribelli, il ritiro della Russia e giù fino in fondo, fino ai giorni d’oggi.

Fonte: Braithwaite, Rodrik

Exit mobile version