Escalation in Serbia, Kosovo e Metohija

In Kosovo, durante l’estate è scoppiata una crisi: i kosovari cercano di spingere per la completa autonomia, in difformità degli accordi presi all’armistizio, e con UE e USA (estremamente compiacenti alle richieste di Pristina, specialmente ora con la guerra ucraina).  Di conseguenza, la minoranza serba nel nord del Kosovo – da dove ha origine l’attuale Serbia e dove sono presenti monasteri, la memoria storica serba – è costantemente sotto pressione.  Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha poi riferito che la polizia del Kosovo stava progettando di lanciare un’operazione militare contro i serbi che vivono nella regione.

Un altro aggravamento nel nord del Kosovo si è verificato il 10 dicembre quando i serbi hanno iniziato a costruire barricate in seguito all’arresto di Dejan Pantić, un ex funzionario di polizia di etnia serba del Ministero degli affari interni dell’autoproclamata repubblica. Quindi le forze speciali di polizia di Pristina sono state introdotte nel nord della regione. Nella notte di domenica 11 dicembre, vicino al lago Gazivode, sulla strada per il posto di blocco di Brnjak, si sono verificati tre scontri.

Dal canale Telegram ‘Rybar’ la situazione nel Kosovo serbo al 16 dicembre 2022:

▪️In Kosovo e Metohija continuano le proteste della pacifica popolazione serba contro il terrore delle autorità di Pristina. A causa delle ultime provocazioni degli albanesi del Kosovo, cresce il numero dei manifestanti e il numero delle barricate erette.

▪️I valichi di frontiera “Jarinje” e “Brnjak” sulla linea amministrativa sono ancora chiusi dalla polizia del Kosovo. Il traffico con la Serbia centrale non è ripreso.

▪️I serbi hanno già eretto barricate in sette insediamenti nel nord della regione. Nella tendopoli di Rudare, nonostante il freddo e le nevicate, c’è ancora molta gente.

▪️Uno dei motivi delle proteste in corso è stata la illegale detenzione dei serbi del Kosovo, che in precedenza avevano lasciato per protesta i loro posti nel dipartimento di polizia (la polizia locale era serba) e avevano tolto le mostrine.

Ieri sera a Kosovska Mitrovica , nella zona di Bosnjak mahala , è stato arrestato Sladjan Trajkovic, che dal 2013 prestava servizio nella polizia locale . Oggi, nel nord di Kosovska Mitrovica, è stato arrestato un altro ex poliziotto kosovaro, Zoran Mihajlovic. Allo stesso tempo , non ci sono ancora informazioni su dove si trovino Dejana Pantic e Milyan Adzic , che sono stati arrestati una settimana fa .

Secondo fonti locali, gli arresti non finiranno qui. Le forze di sicurezza albanesi girano per gli insediamenti e chiedono ai residenti informazioni sui serbi che hanno prestato servizio nella polizia e vivono accanto a loro.

▪️Nelle vicinanze di Prizren , oggi gli albanesi hanno anche derubato diverse case serbe e la chiesa di San Nicola, costruita nel XVI secolo.

Al fine di proteggere la popolazione serba, le autorità di Belgrado hanno consegnato oggi alle forze di pace della NATO (KFOR) una richiesta ufficiale per il dispiegamento delle forze di sicurezza del Ministero degli affari interni e dell’esercito della Serbia in Kosovo e Metohija nell’ambito di Risoluzione ONU 1244.

I manifestanti, però, stanno già proponendo le loro condizioni , davanti alle quali non intendono disperdersi e smantellare le barricate. E tra le richieste c’è il rilascio di tutti i connazionali detenuti illegalmente.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.