Eruzione vulcano la Palma, nelle Canarie

Il vulcano di Palma è in eruzione dall’ ottavo giorno. Secondo gli esperti, la lava ha distrutto più di 400 edifici, la maggior parte dei quali residenziali. Più di 6mila persone sono state evacuate dalla zona del disastro. Secondo le previsioni dell’Istituto di Vulcanologia delle Isole Canarie, l’eruzione potrebbe durare dai 24 agli 84 giorni.

Alcune fonti dicono che l’isola di La Palma nelle Isole Canarie rischierebbe di subire una grande frana e che questo tipo di evento potrebbe causare uno tsunami nell’Oceano Atlantico.

Le isole vulcaniche e i vulcani sulla terraferma spesso subiscono grandi frane/crolli, che sono stati documentati ad esempio alle Hawaii. Un esempio recente è Anak Krakatau, che è crollato per causare lo tsunami dello Stretto della Sonda del 2018.

Tuttavia, alcuni esperti dicono che il rischio tsunami è esagerato. Essi dicono che gli tsunami generati dalle faglie di subduzione sono caratteristiche lineari lunghe centinaia di miglia, che consentono loro di attraversare i bacini oceanici con una perdita di energia minima. Una frana di La Palma genererebbe uno tsunami localmente grave, ma pur sempre una sorgente puntiforme che si dissiperebbe.

Ecco alcuni video sulla situazione sull’Isola:

 

Reuters riferisce che “circa 300 residenti locali nelle aree costiere di San Borondon, Marina Alta e Baja e La Condesa sono stati confinati nelle loro case poiché il momento del contatto tra la lava e il mare rischia di innescare esplosioni ed emettere nuvole di gas di cloro.

La compagnia aerea locale Binter, che aveva programmato di riprendere i voli da e per le isole lunedì pomeriggio, ha affermato che le condizioni non sono ancora sicure e che tutti i trasferimenti sarebbero stati cancellati fino a martedì.

Dopo che un nuovo condotto è stato aperto domenica, i filmati dei droni di Reuters hanno mostrato un fiume di lava incandescente che scorreva lungo le pendici del cratere, passando sopra le case e fasce di terreno ed edifici inghiottiti da una massa nera di lava più vecchia e più lenta.

Non sono stati segnalati decessi o feriti gravi, ma circa il 15% del raccolto di banane dell’isola potrebbe essere a rischio, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.