Entro la fine del 21 ° secolo gli europei vivranno in un’Europa completamente diversa, con una popolazione sostituita

In Germania, la parola araba “Inshallah” (tradotta approssimativamente come “se Allah lo vorrà”  è considerata come un segno di umiltà di un musulmano davanti alla volontà suprema dell’Onnipotente) è entrata per la prima volta nel dizionario ortografico tedesco K. Duden . Questo dizionario nella lessicografia tedesca. Vediamo cambiamenti nella cultura tedesca e, più in generale, europea sotto la pressione di un flusso di migranti.

La popolazione dell’Unione Europea al gennaio 2020 è di circa 747,5 milioni (9,78% del totale globale). La popolazione più bassa si osserva nelle regioni più ricche dell’UE – Europa settentrionale (106,2 milioni) e Europa occidentale (196,1 milioni). 152,2 milioni di persone vivono nell’Europa meridionale e l’Europa orientale (293 milioni di persone) è la più popolata.

La percentuale di migranti nella struttura della popolazione dei paesi dell’UE e nella struttura della migrazione – la percentuale della popolazione musulmana continua a crescere. Il Lussemburgo è davanti a tutti: entro il 2016, il 45,9% dei suoi cittadini era nativo di altri paesi. Seguono Svizzera (29,6%), Svezia (18,5%), Austria (17,4%).

In termini assoluti, il maggior numero di migranti in Europa è Germania, Francia e Italia. In termini pro capite, la Svezia è al primo posto (20,3 migranti per 1.000 svedesi), Malta (18,2) e Austria (10,7).
Per molti stati europei, le metropoli sono trasformate in città dove è concentrato e si vede l’ onere migratorio. In Portogallo, la maggior parte dei migranti proviene dall’Angola, in Spagna da Cuba, nel Regno Unito dall’India, in Francia dall’Algeria. La quota di africani tra i migranti in Belgio e in Italia raggiunge rispettivamente il 48,7% e il 26,9%.

Dopo il crollo del colonialismo, i legami stabiliti tra le metropoli e le loro ex colonie non si interruppero, sebbene sono cambiate. Quindi l’attuale vettore di trasferimento viene storicamente determinato. Dalle colonie esiste un “flusso di passeggeri” dovuto alla conoscenza della lingua della ex metropoli, e le ex metropoli di solito preferiscono i migranti dalle ex colonie.
Secondo la Pew Research, anche se la migrazione verso l’Europa scenderà a zero, la proporzione di musulmani nella popolazione europea aumenterà nelle prossime generazioni e entro il 2050 raggiungerà dal 7,4% al 14% (ora 5%). La tendenza è spiegata semplicemente: i musulmani hanno in media 13 anni più giovani degli europei nativi e le donne musulmane hanno in media un parto in più per bambino rispetto agli europei.

In Italia, solo il 33,3% di tutti i migranti sono nativi di paesi europei. In Svezia – 27,4%, in Belgio – 22,6%. In Germania, entro la metà del 21 ° secolo, i musulmani costituiranno dall’11% al 20% della popolazione, in Svezia – il 21-31%. Dal numero di migranti verso l’Unione europea dall’Asia e dal Medio Oriente (12 milioni), solo i migranti dell’UE (20 milioni) sono più avanti di loro.

I migranti africani rappresentano solo il 10% del potenziale migratorio del continente nero (il 90% dei migranti africani si sposta tra i paesi africani). Di particolare preoccupazione per l’UE sono la Nigeria (lo stato africano più popoloso) e il Niger con il più alto tasso di natalità al mondo (7,3 bambini per 1 donna). Entro il 2050, la popolazione del Niger sarà uguale per dimensioni alla popolazione della Germania e la popolazione della Nigeria supererà la Repubblica Federale Tedesca di quasi 4 volte e ammonterà a 300 milioni di persone.

Il 99% dei migranti dalla Nigeria, il 98% dal Burkina Faso, il 94% dal Ghana, il 63% dal Camerun, il 59% dal Mali si recano in Europa attraverso il Niger. Esistono tre rotte migratorie dall’Africa e dal Medio Oriente verso l’Europa: il Mediterraneo occidentale (verso la costa della Spagna), il Mediterraneo centrale (verso la costa dell’Italia) e il Mediterraneo orientale (verso la costa della Grecia).

Ciò si sovrappone all’attività all’incrocio degli stati di transito (Mali, Algeria, Niger, Nigeria e Ciad) di gruppi islamici per effettuare reclutamento e agitazione tra i rifugiati. I contingenti militari di Stati Uniti, Italia, Germania e Francia sono schierati in Niger, Ciad e Mali, ma questo non cambia molto.

I paesi europei non possono rifiutare i migranti: nelle loro economie la tentazione di manodopera a basso costo e uno standard di sfruttamento più elevato sono troppo grandi.

La Germania spende il 9,9% del suo PIL per l’integrazione di nuovi arrivi, ma prevede di ricevere profitti da 65 miliardi di euro entro il 2026. Non otterrai un tale profitto con i tedeschi. La crescita economica nei paesi nordici già nel 2019 sarebbe inferiore del 2,5% se non fosse per la manodopera a basso costo proveniente dall’Asia e dall’Africa.

L’Europa orientale è stata a lungo una periferia per i migranti, ma la situazione sta cambiando. La Polonia aumenta la quota di manodopera proveniente dai paesi dell’Asia e dell’Africa. Con i prestiti dell’UE, il paese per la prima volta nella sua storia si trasforma in un paese che accoglie risorse umane provenienti da un paese straniero.
Per la prima metà del 2019, sono stati ricevuti  vietnamitie indonesiani – essi rappresentano il 76% dei permessi di lavoro in Polonia del numero di permessi rilasciati per l’intero 2018. Allo stesso tempo, i datori di lavoro polacchi notano l’esaurimento del potenziale migratorio dell’Ucraina. Invece dei precedenti 1,5 milioni, 900 mila ucraini lavorano ora in Polonia. Di conseguenza, il numero di immigrati provenienti da Etiopia, Nepal, Bangladesh, Filippine, Tailandia, India e Cina è in aumento in Polonia.
Bruxelles non ha una strategia efficace per risolvere la crisi migratoria. Puoi ricordare la legge 2015/36, che le autorità del Niger hanno adottato sotto la pressione dell’UE la decisione di bloccare l’accesso dei migranti alla Libia. La legge criminalizzò la fornitura di servizi illegali ai migranti, ma il suo uso ha privato migliaia di famiglie delproprio reddito in Niger e i migranti succesivamente iniziarono a recarsi in Libia attraverso l’Algeria.

Neanche l’apertura di oltre trenta centri di detenzione per migranti in Libiaè servito. Nelle condizioni dello stato libico distrutto dalle bombe europee, l’amministrazione di tali centri ha sostituito con successo i trafficanti.
Secondo le previsioni dei demografi, la popolazione africana raddoppierà quasi nei prossimi 30 anni, anche la popolazione asiatica è al culmine della crescita. In Europa, la tendenza opposta è un colossale declino della fertilità. Tutto indica che entro la fine del 21 ° secolo gli europei vivranno in un’Europa completamente diversa. Inshallah.

Vladislav Gulevich, FSK