Si sta per entrare in un importante re-set regionale – Il risultato della Siria danneggerà coloro che hanno iniziato questa guerra

Strategic Culture

Pubblicità

Il Medio Oriente sta metamorfosando. Nuove linee di faglia stanno emergendo, eppure i “falchi” di politica estera di Trump cercano ancora di inscenare “vecchi film” in un nuovo “teatro”.

Il “vecchio film” vuole che gli Stati Uniti “alzino” gli stati sunniti e arabi e li conducano a confrontarsi con il “cattivo attore”, l’ Iran. ‘Team Bolton’ sta tornando al vecchio  script di Clean Break del 1996  , come se nulla fosse cambiato. I funzionari del Dipartimento di Stato giovedi hanno  informato  su ciò che il Segretario Pompeo al Cairo era “destinato a dire  (anche se potrebbe non nominare l’ex presidente), ovvero che Obama ha ingannato il popolo mediorientale sulla vera fonte del terrorismo, compreso ciò che ha contribuito all’ascesa dello Stato islamico. Pompeo insisterà sul fatto che l’Iran, un paese che Obama ha tentato di coinvolgere, è il vero colpevole del terrorismo. Le bozze del discorso dicono anche Pompeo che suggerisce che l’Iran possa imparare dai sauditi sui diritti umani e sullo stato di diritto “.

Bene, almeno quel discorso dovrebbe suscitare una risatina [per ciò che viene detto] intorno alla regione. In pratica, tuttavia, la linea di demarcazione regionale è passata: [la preoccupazione ] non è più tanto l’Iran. Gli Stati del  Gulf Cooperation Council (GCC) hanno una nuova agenda, e ora sono molto più preoccupati di contenere la Turchia, e di porre un freno all’influenza turca che si sta diffondendo in tutto il Levante.

Gli Stati del GCC temono che il Presidente Erdogan, vista l’ondata emotiva e psicologica di antipatia scatenata dall’omicidio di Khashoggi, possa mobilitare i Fratelli Musulmani recentemente riaccesi, [adoprando] le reti del Golfo. L’obiettivo era quello di sfruttare le attuali difficoltà economiche del Golfo e il generale svuotamento di ogni più ampia visione del GCC, al fine di indebolire il rigido sistema arabo del Golfo (monarchia tribale). La Fratellanza favorisce una morbida riforma islamista delle monarchie del Golfo – in linea con quella sostenuta da Jamal Khashoggi.

La leadership turca in ogni caso è convinta che siano stati gli Emirati Arabi Uniti (in particolare Mohammed bin Zayed Al Nahya, principe di Abu Dhabi) gli autori  del buffer curdo in costruzione, e la “trama” del mini-stato contro la Turchia – in collaborazione con Israele e gli Stati Uniti. Comprensibilmente, gli stati del Golfo ora temono possibili retribuzioni turche per addolcire la repressione sulle aspirazioni curde.

E la Turchia è vista (dagli Stati GCC) come stia già lavorando in stretto coordinamento con il Qatar, il suo collega fratellastro musulmano e membro del GCC, per dividere il Consiglio che crolla. Questo prefigura un nuovo round alla fratellanza musulmana contro il wahhabismo saudita dell’Islam sunnita.

GGC dichiara quindi, spera riuscire a bilanciare la Turchia nel Levante. E a tal fine, sta cercando di reclutare il presidente Assad di nuovo nelle pieghe arabe (vale a dire, nella Lega araba), e di farlo agire, insieme a loro, come un contrappeso arabo alla Turchia.

Pubblicità

Il punto qui è ovvio: il presidente Assad è strettamente alleato con l’Iran – così come Mosca e Turchia. Essere iranofobi “di moda” – come Pompeo desidera, semplicemente rovinerebbe il “gioco” anti-Turchia del GCC. La Siria potrebbe essere (giustamente) scettica nei confronti delle azioni e delle intenzioni della Turchia in Siria, ma dal punto di vista del presidente Assad, l’Iran e la Russia sono assolutamente cruciali per la gestione di una Turchia ambigua. La Turchia rappresenta una preoccupazione esistenziale siriana. E cercare di far uscire il presidente Assad – o il Libano o la Turchia – dall’Iran, sarebbe assurdo. Non succederà. E gli stati del GCC hanno abbastanza senno per capirlo ora (dopo la loro pungente sconfitta in Siria).  Per questo, la posizione anti-iraniana del Golfo è mutata bruscamente, (tranne quando il loro bisogno è di accarezzare le penne degli Stati Uniti).

Possono vedere chiaramente che il Maestro delle Cerimonie nel Levante – mettendo insieme il nuovo “ordine” regionale – non è il signor Bolton,  ma Mosca , con Teheran (e occasionalmente Ankara), che recita la loro parte uguale “da dietro le quinte”.

Presumibilmente, i servizi di intelligence americani sanno (e certamente gli Stati del Golfo ne sono consapevoli) che, in ogni caso, le forze iraniane sono quasi tutte uscite dalla Siria (anche se ovviamente la “connessione iraniana” della Siria rimane più ferma che mai) – anche se Pompeo e Israele dicono esattamente il contrario: che stanno facendo una pesante pressione sulla ‘minacciosa’ ‘impronta militare’ iraniana ‘in Siria. Ma pochi nella regione crederanno a questo.

La seconda evidente faglia regionale emergente quindi, evidentemente, è quella che si sta aprendo tra Turchia, Stati Uniti e Israele.

Erdogan sa molto chiaramente che Washington ora lo diffida profondamente, sospetta che la Turchia stia accelerando verso l’orbita di  Mosca e di Pechino, e che la Casa Bianca sarebbe felice di vederlo andare via – con un leader più favorevole alla NATO installato al suo posto.

E dovrebbe essere chiaro anche a Washington il “perché” la Turchia starebbe andando ad “Oriente”. Erdogan ha bisogno esattamente della Russia e dell’Iran per moderare le sue difficili relazioni con Damasco per il futuro. Erdogan ha bisogno ancora di più della Russia e dell’Iran, per mediare un’adeguata soluzione politica ai curdi in Siria. Ha bisogno anche della Cina, per sostenere la sua economia.

Ed Erdogan è pienamente consapevole che Israele (più degli Stati del Golfo) continua ad appagare il vecchio ideale di Ben Gurion di uno stato etnico curdo – alleato con Israele, e seduto in cima a grandi risorse petrolifere – da inserire proprio nel perno verso sud-ovest e Asia centrale: e al ventre vulnerabile della Turchia.

Gli israeliani hanno espresso chiaramente il loro sostegno a uno stato curdo al tempo della fallita iniziativa indipendentista di Barzani in Iraq. Ma Erdogan semplicemente, inequivocabilmente, ha detto questo “mai” (a Bolton, questa settimana). Nondimeno, Ankara ha ancora bisogno della collaborazione russa e iraniana per permettere a Bolton di “scalare il suo albero” di un mini-stato curdo in Siria. Ha bisogno della Russia per fare da intermediario a un buffer a guida siriana, invece che una zona amministrativa americana-curda, intorno al suo confine meridionale.

Pubblicità

È improbabile, tuttavia, che nonostante la reale minaccia che l’armata americana dei curdi rappresenta  per la  Turchia, Erdogan voglia davvero invadere la Siria – anche se lo minaccia – e sebbene le “condizioni” di John Bolton possano alla fine, costringere la Turchia senza altra possibilità. Dal momento che, di sicuro, Erdogan capisce che un’invasione turca della Siria avrebbe mandato la lira turca delicatamente equilibrata, in caduta libera.

Tuttavia … Turchia, Siria, Iran e Russia ora vogliono tutti che gli Usa ,ascino la Siria. E per un momento, sembrava che potesse procedere senza intoppi dopo che Trump aveva acconsentito agli argomenti di Erdogan, durante la loro celebre telefonata. Ma poi – ha ammesso il senatore Lindsay Graham (sullo sfondo di ululati di angoscia emessi dai think tank della politica estera di Beltway). Bolton ha fatto il walk-back, rendendo il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria condizionato dalle condizioni (quelle apparentemente progettate per non essere soddisfatte) legate a una linea temporale specifica. Ma il presidente Erdogan non era divertito da tutto questo.

Ora dovrebbe essere ovvio che stiamo entrando in un grande riassetto regionale: gli Stati Uniti stanno lasciando la Siria. Il tentativo di annullamento del ritiro di Bolton è stato respinto. E gli Stati Uniti, in ogni caso, hanno perso la fiducia dei curdi come conseguenza della dichiarazione di Trump. I curdi ora sono orientati verso Damasco e la Russia sta mediando un accordo.

Potrebbe volerci un po ‘, ma gli Stati Uniti se ne  stanno andando. Le forze curde (diverse da quelle legate al PKK) saranno probabilmente assimilate all’esercito siriano, e il “cuscinetto” non sarà diretto contro la Turchia, ma sarà un mix di esercito siriano e elementi curdi – sotto il comando siriano – ma la cui condotta complessiva nei confronti della Turchia sarà vigilata dalla Russia. E l’esercito siriano, a tempo debito, libererà Idlib da un risorgente al-Qaida (HTS).

Gli stati arabi stanno riaprendo le loro ambasciate a Damasco – in parte per paura che il frustato della politica americana, la sua polarizzazione radicale e la sua tendenza a essere del tutto o parzialmente “respinti” dallo Stato profondo – potrebbero lasciare il Golfo inaspettatamente ” orfano ‘in qualsiasi momento. In effetti, gli stati del GCC stanno “proteggendo” da questo rischio cercando di ricollegare una sfera araba biforcuta e dargli un nuovo “scopo” e credibilità – come equilibrio contro la Turchia, il Qatar ei Fratelli Musulmani (la vecchia nemesi della Siria) .

Eppure – rimane ancora un altro livello in questo calcolo, come  descritto  dal giornalista veterano del Medio Oriente, Elijah Magnier:

“In effetti il ​​Levante sta tornando al centro del Medio Oriente e all’attenzione mondiale in una posizione più forte che nel 2011. La Siria ha installato missili di precisione che possono colpire qualsiasi edificio in Israele. Assad ha anche un sistema di difesa aerea che non avrebbe mai immaginato prima del 2011, grazie alla continua violazione da parte di Israele del suo spazio aereo e alla sua sfida all’autorità russa. Hezbollah ha costruito basi per i suoi missili di precisione a lungo e medio raggio sulle montagne e ha creato un legame con la Siria che non avrebbe mai potuto stabilire – se non fosse stato per la guerra. L’Iran ha stabilito una fratellanza strategica con la Siria, grazie al suo ruolo nella sconfitta del piano di cambiamento di regime.

Il sostegno della NATO alla crescita di ISIS ha creato un legame tra Siria e Iraq che nessun legame musulmano o baathista avrebbe mai potuto creare: l’Iraq ha una “carta bianca” per bombardare le posizioni dell’ISIS in Siria senza il consenso della leadership siriana e gli iracheni le forze di sicurezza possono entrare in Siria ogni volta che ritengono opportuno combattere l’ISIS. L’asse anti-israeliano non è mai stato più forte di oggi.Questo è il risultato della guerra 2011-2018 imposta alla Siria “.

Sì. Questa è la terza delle nuove linee di faglia emergenti: quella di Israele da una parte, e la realtà emergente nel nord della Siria, dall’altra – un’ombra che è tornata a perseguitare gli istigatori originari della “guerra” per minare la Siria. PM Netanyahu da quando ha messo tutte le uova israeliane nel “cesto” della famiglia Trump. E ‘stato il rapporto di Netanyahu con Trump che è stato presentato in Israele come il vero “Affare del secolo” (e non quello palestinese). Tuttavia, quando Bibi si è lamentato con forza per il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria (lasciando la Siria vulnerabile, afferma Netanyahu, a un inserimento iraniano di missili intelligenti), Trump ha replicato con nonchalance che gli Stati Uniti concedono a Israele 4,5 miliardi di dollari all’anno – “Andrà tutto bene”.

Ciò è stato visto in Israele come uno straordinario schiaffo sul volto del Primo Ministro. Ma gli israeliani non possono evitare, ma riconoscere, una certa responsabilità nel creare esattamente le circostanze di cui ora si lamentano a voce alta.

Conclusione: le cose non sono andate secondo i piani. L’America non sta dando forma al nuovo “ordine” levantino – lo sta facendo Mosca. E il continuo e palese disprezzo di Israele nei confronti degli interessi della Russia nel Levante, in primo luogo ha fatto infuriare, e alla fine ha provocato l’alto comando russo a dichiarare il Medio Oriente settentrionale una presunta zona di non-volo per Israele. Ciò rappresenta un’importante svolta strategica per Netanyahu (e gli Stati Uniti).

E infine, è questo schema ripetuto di affermazioni fatte dal Presidente degli Stati Uniti sulla politica estera che sono poi quasi casualmente contraddette, o “condizionate”, da parte di qualche altra parte della burocrazia statunitense, che pone alla regione (e oltre) la domanda da un milione di dollari. Il modello è chiaramente uno di un presidente isolato, con i funzionari che svuotano le sue dichiarazioni di autorità esecutiva (fino a quando successivamente approvate, o negate, dalla burocrazia statunitense). Rende Trump quasi irrilevante (in termini di impostazione della politica estera).

Si tratta quindi di un processo stealth – deliberatamente inventato – per rimuovere gradualmente Trump dal potere? Uno svuotamento delle sue prerogative presidenziali (lasciandolo solo come un discontinuo ‘cinguettante’) ha raggiunto, senza tutti gli sconvolgimenti e il disordine, la rimozione formale dal suo incarico? Vedremo.

E poi? Bene, come osserva Simon Henderson  , nessuno è sicuro: tutti si chiedono:

“Cosa succede al lungo tour del Segretario Pompeo in Medio Oriente? La risposta breve è che sta cercando di vendere / spiegare la politica del presidente Trump “stiamo lasciando la Siria” agli amici dell’America … Amman, Giordania; Cairo, Egitto; Manama, Bahrain; Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti (EAU); Doha, Qatar; Riyadh, Arabia Saudita;Muscat, Oman; Kuwait City, Kuwait. Wow, anche con il suo jet privato e senza problemi di immigrazione, questo è un itinerario estenuante … Il fatto che ora ci siano otto fermate in otto giorni, probabilmente riflette la quantità di spiegazioni che devono essere fatte “.

Source link