L’EMA europea è pagata per l’85,70% da royalties pagate dall’industria farmaceutica

foto tratta da twitter

L’articolo che segue è stato pubblicato su France Soir, dice cose che neanche 24 ore di ascolto in TV , di TG, trasmissioni analisi e talk show, lasciano trasparire. Sembra incredibile, ma siamo proprio in questa situazione. E tutto questo è manifestatamente insopportabile, mentre l’Italia distratta si spacca sui problemi sanitari senza affrontare anzitutto questo problema.

@vietatoparlare


(…) Inizialmente, il rilascio di un’autorizzazione all’immissione in commercio (MA) spettava a ciascuno Stato membro. Un regolamento del 1993, sostituito da un regolamento del 2004 regolarmente modificato, ha istituito un’agenzia di valutazione: l’Agenzia europea per i medicinali (EMA).

L’EMA è composto da un consiglio di amministrazione di 36 membri, la maggior parte dei quali rappresenta gli Stati membri (più spesso il direttore o il presidente della loro agenzia nazionale). Il consiglio di amministrazione nomina un direttore esecutivo circondato da sette comitati di esperti.

L’agenzia fa parte dell’ampia categoria degli organismi più o meno decentrati, con diverse denominazioni (agenzia, ufficio, osservatorio, ecc.) creati per consigliare la Commissione europea in materia tecnica.

La Commissione, nella sua qualità di istituzione politica, resta libera di seguire o meno questo consiglio, ed è lei che concede l’AIC. Tuttavia, l’EMA, avendo competenza esperta, soprattutto in campo medico, svolge un ruolo preparatorio cruciale.

Sembra impossibile, ma il budget operativo di questa agenzia (346 milioni di euro) proviene per l’85,70% da royalties pagate dall’industria farmaceutica e solo per il 14,30% da finanziamenti pubblici dell’Unione Europea…

In qualità di agenzia della Commissione Europea, gli obblighi dell’EMA in materia di trasparenza e accesso ai documenti derivano da direttive che stabiliscono che qualsiasi documento detenuto dall’EMA nel corso delle sue attività è di fatto un documento pubblico.

Infatti, la rivista Prescrire ha mostrato che l’EMA si rifiuta di rilasciare molti documenti, e che quelli che vengono trasmessi sono in gran parte omessi .

La sua mancanza di trasparenza è stata denunciata quando si è rifiutata di comunicare ai parlamentari le basi su cui sono stati scelti i laboratori che hanno prodotto i vaccini e l’importo dei prezzi pagati per questi vaccini.

La “prevedibilità” dell’EMA è così grande che l’industria americana ci invidia, in particolare il “think tank” neoconservatore Pacific Research Institute , finanziato dall’industria biotecnologica, che sostiene un intervento sempre minore del governo. E per una buona ragione! Il giorno dopo la sua partenza dall’EMA nel 2011, il direttore esecutivo Thomas Lönngren è entrato nel consiglio di amministrazione di NDA Ltd, una società di lobbying al servizio delle aziende farmaceutiche, che lo ha reclutato come “un influencer di primo piano “.

Le porte girevoli sono una piaga. In un settore sanitario molto redditizio e altamente regolamentato, le aziende hanno un grande interesse a collocare i propri uomini negli enti pubblici e ad attuare questa strategia di piazzare i propri uomini.

L’italiano Guido Rasi è stato poi nominato direttore dell’EMA nel 2011, poi costretto a dimettersi dalla Giustizia Europea per un conflitto di interessi non dichiarato, prima di essere riconfermato direttore dell’EMA nel 2015.

L’attuale Direttore, Emer Cooke , ha trascorso sette anni in l’EFPIA, la principale lobby dell’industria farmaceutica nell’Unione Europea, che organizza incontri al Parlamento Europeo con rappresentanti di GSK, Roche, Novartis, Pfizer…

Un audit europeo della Corte dei Conti del 2012 conferma gravi problemi di conflitto di interesse all’interno EMA (e altre 3 agenzie:. EASA (sicurezza aerea) dell’EFSA (sicurezza alimentare) e l’ECHA (sicurezza nei confronti delle sostanze chimiche)

Il  rapporto evidenzia gravi irregolarità, la gestione dell’EMA favorendo la presenza, nei comitati scientifici, di esperti in conflitto di interessi con le aziende farmaceutiche di cui valutano i prodotti.

The Chained Duck ha rivelato che alcuni esperti dell’EMA sono stipendiati o possiedono azioni di aziende farmaceutiche di cui dovrebbero valutare i prodotti redditizi.

Gli informatori hanno denunciato questo problema : “Per mesi, la nostra azienda ha tranquillamente pagato un esperto per fare pressioni per il nostro prodotto. La retribuzione è esorbitante, ma la cosa più grave è che lui officia come esperto all’EMA.

Nel caso Mediator, l’Ispettorato Generale degli Affari Sociali ha coinvolto diversi esperti francesi, che sedevano presso l’Agenzia Europea dei Medicinali, nel bando tardivo del Mediatore e nel successivo dramma sanitario .

La stessa EMA offre, in tutta opacità, alle aziende farmaceutiche, “consulenze scientifiche” fatturate per aiutarle a superare il loro fascicolo di domanda MA, in particolare condizionale , come quelle per i vaccini anti-covid (AMMc).

Tuttavia, i farmaci immessi sul mercato in maniera accelerata vanno spesso a scapito della qualità della valutazione clinica. Peggio ancora, questa valutazione non è sufficientemente completata neanche dopo la commercializzazione.

Un rapporto 2017 rileva” un’accettazione generale della corruzione “all’interno dell’EMA e:

– una generale accettazione della corruzione
– strutture di gestione inefficienti
– meccanismi di finanziamento inadeguati
– distribuzione iniqua delle risorse

“L’industria farmaceutica tiene saldamente le redini di una vasta macchina di lobbying, riccamente dotata, che ha accesso quasi sistematico ai decisori della Commissione […] e delle istituzioni di Bruxelles, inclusa l’Ema “.

Nel giugno 2020, l’EMA prende la decisione di concedere in licenza il remdesivir di Gilead.

La rivista Prescrire commenta: “Ancora una volta, l’EMA ha mancato di rigore nei suoi rapporti con le aziende, a scapito di pazienti e caregiver, lasciati nell’incertezza”.

A ottobre, a seguito di questa folle decisione a priori, la Commissione firma un contratto spettacolare con Gilead, mentre l’industriale ha appena appreso dell’ultimo studio dell’OMS che invalida l’efficacia del suo trattamento .

La salute dei francesi merita di meglio di una dittatura sanitaria, merita un centro pubblico per la i farmaci, competenze pubbliche trasparenti e indipendenti, un processo decisionale democratico e politiche sanitarie intelligenti, benevole e non coercitive.

Fonte: FranceSoir

https://www.francesoir.fr/opinions-tribunes/conflits-dinteret-et-corruption-lagence-europeenne-du-medicament

Exit mobile version