Elezioni USA: i democratici rilanciano la propaganda delle ‘interferenze russe’

Superficialmente, il mezzo con cui il potere si nasconde è attraverso le storie. Ha bisogno di narrazioni – principalmente su coloro che sembrano potenti – per creare drammi politici e sociali che ci distraggono dal pensare al potere profondo. Ma soprattutto, il potere dipende dall’ideologia. L’ideologia nasconde il potere – in un certo senso, è potere – perché è la fonte dell’invisibilità del potere.
Siamo incoraggiati a credere che i media – nel senso più ampio possibile – abbiano l’autorità da soli di raccontarci queste storie, di promuoverle come ortodossia. È l’obiettivo attraverso il quale ci viene rivelato il mondo. La realtà filtrata attraverso l’obiettivo del potere.
Ho tradotto il seguente post della giornalista francese di Karine Bechet che ha postato sul suo blog  Russie Politics, credo che sia molto chiaro e che ci siano evidenze in questo senso, anche perché analizza un articolo del New York Times. Sono commenti e valutazioni giudicabili. Tutti possono fare le proprio personali deduzioni su ciò che ha scritto il NYT e sulla insensatezza delle questioni che pone. Qui non si tratta di colore politico, qui si tratta di una campagna politica monotona molto povera e ripetitiva che mira solo sullo spauracchio per indirizzare la politica in modo che si voti ma che non cambi mai.

@vietatoparlare

di Karine Bechet – Russie Politics

La politica americana non smette mai di ripetersi, fino all’assurdo, alla noia, all’esasperazione, agli attacchi dettati dagli stati d’animo. I democratici, che non sono riusciti a ottenere l’ Impeachment di Trump e che non riescono a riscrivere la storia della loro sconfitta elettorale, siccome si sentono male in vista delle prossime elezioni presidenziali, accusano la Russia – e Putin personalmente – del loro futuro fallimento.

In effetti, come possiamo rischiare di credere che la loro ideologia mortale non soddisfi la popolazione, che vuole rompere l’impasse socio-economica in cui è stata immersa? Trump ha davvero ottime possibilità, che lo Stato profondo non può accettare. Un pezzo di propaganda degno delle grandi opere di Pravda sul New York Times questa mattina riprende: sono sicuri, la Russia cercherà di eleggere Trump. La prova? Che importanza ha? Ne sono convinti .

I deputati democratici, avvertiti dall’intelligence, annunciano con la mano sul fuoco che la Russia potrebbe destabilizzare le prossime elezioni presidenziali e ovviamente le Primarie dei Democratici. Perché la Russia in generale e Putin in particolare, amano Trump e vogliono che vinca. Lo affermano, ne sono certi, sono pronti a giurarlo. Cosa ti serve di più?

Quindi si ripete. Sempre la stessa storia. Ancora e ancora. E l’opposizione tra Trump e alcuni servizi non può fermarsi, finché continua anche la lotta politica. Trump ha accusato questi servizi di essersi prestati al gioco dei Democratici:

Trump ha accusato a lungo la valutazione della comunità dell’intelligence sulle interferenze della Russia nel 2016 come il lavoro di un’intenzione di cospirazione dello “stato profondo” per minare la validità delle sue elezioni.

E non è l’unico, sostengono i repubblicani, quando i servizi accusano personalmente Putin di aver ordinato di influenzare le elezioni statunitensi a favore di Trump:

Molto semplicemente, alcuni fanno discendere le loro conclusioni dal fatto che sarebbe più facile per la Russia lavorare con Trump anzichè con Sanders, per esempio. Soprattutto perché le relazioni russo-americane sarebbero peggiori sotto Sanders.  E secondo i democratici, la Russia si sarebbe allenata a condurre ciber-attacchi per le elezioni statunitensi, specialmente in Georgia.

È patologico? A questo livello, è possibile. In ogni caso, èun caso disperato. E l’articolo non si ferma qui. Perché il problema, oltre ogni immaginazione, rimane sempre quello della prova. E finora da questo lato, sono oggettivamente nei guai. Quindi apprendiamo che i “servizi Putin” stanno sviluppando metodi quasi non rilevabili .
Che opportunità! Ora non sarà più necessario dimostrare le accuse di interferenza russa, poiché le interferenze non sono rilevabili. Solo i risultati delle elezioni ci consentiranno di sapere se le elezioni americane sono state manipolate o meno. Se saranno conformi agli interessi dello Stato profondo , tutto andrà bene, il voto sarà stato libero e i risultati potranno essere considerati legittimi. Altrimenti, e ci sono buone possibilità che ciò accada, la Russia avrà manipolato la volontà degli elettori. Non c’è che dire, questo sistema è ancora più comodo.
I democratici non potrebbero provare a fare una campagna per vincere davvero queste elezioni? In effetti no. Sono in un vicolo cieco. Difendono, come la maggior parte delle élite oggi, una posizione ideologica minoritaria nella società che convince – alla luce del deterioramento e dei servizi pubblici, e dell’economia, e quindi del tenore di vita – , sempre meno . Diventa quindi sempre più difficile per questa élite rimanere al potere attraverso meccanismi democratici, che implicano la volontà della maggioranza. Ed è ancora più difficile tornare ad essa. Se mantiene nelle sue mani i meccanismi indiretti del potere, la governance diretta è ancora essenziale, importante per padroneggiare le istituzioni.