Elezioni USA, come sono distribuiti i voti, quanti americani hanno già votato…

Photo by Monika Kozub on Unsplash

Dall’istituto Statista, alcune interessanti rilevamenti sulle elezioni statunitensi di domani.

ELEZIONI 2020
Come vengono distribuiti i voti elettorali
di
Martin Armstrong ,

30 ottobre 2020
Il risultato delle elezioni statunitensi non dipende dal numero totale di voti ricevuti da ciascun candidato, ma piuttosto da come questi si traducono nei voti del collegio elettorale assegnati a ciascuno stato. Se, ad esempio, il candidato repubblicano ottenesse la quota maggiore del voto popolare in Florida, riceverebbe 29 voti del collegio elettorale verso il loro obiettivo generale di raggiungere la soglia di 270 per la vittoria.

Tuttavia, il modo in cui vengono distribuiti i voti è oggetto di contesa. Stati come la California e il Texas possono avere un gran numero di voti – 55 e 38 rispettivamente – ma se paragonato alla quantità di persone che vi vivono, il ‘peso’ del voto di ogni cittadino è tecnicamente inferiore a quello di qualcuno che vota in Wyoming, per esempio. Tanto per darvi alcune cifre a questa [stranezza NDA], circa 700.000 californiani condividono un voto del college elettorale, rispetto ai soli 200.000 del Wyoming.

Elezioni 2020: quanti americani hanno votato in anticipo?
di
Niall McCarthy ,

30 ottobre 2020
Il servizio postale degli Stati Uniti ha dichiarato che ci vogliono sette giorni per consegnare le schede in modo sicuro, il che significa che ora è troppo tardi per gli americani per continuare a votare per posta prima delle elezioni di martedì . Dati dal progetto elettorale degli Stati Uniti mostra che finora sono stati espressi 28.378.765 voti di persona e 53.663.285 schede per corrispondenza, circa 82 milioni in totale al 30 ottobre 2020 all’1: 47 ET. È già significativamente superiore ai 56 milioni di voti anticipati espressi nelle elezioni presidenziali del 2016. La pandemia di coronavirus è sicuramente la forza trainante dietro l’ondata di voti anticipati, ma ci sono altri motivi come un alto livello di entusiasmo degli elettori. Ciò è particolarmente chiaro tra gli elettori più giovani di età compresa tra i 18 ei 29 anni, il 46% dei quali si è presentato nel 2016. Quest’anno, un sondaggio giovanile di Harvard ha previsto che potrebbe salire al 63%.

L’ondata di votazioni anticipate è stata più alta negli Stati che hanno la popolazione più numerosa. La California ha aperto la strada con 9,17 milioni di voti di persona e per posta finora, seguita dal Texas con 8,53 milioni. La Florida completa le prime tre posizioni con 7,39 milioni. I dati mostrano che il numero di persone che hanno votato finora è circa il 60 percento del numero totale di voti conteggiati nelle elezioni del 2016, con una quota notevolmente più alta in alcune parti del paese. In Texas, ad esempio, il numero totale di elettori anticipati rappresenta il 95% dell’intero voto del 2016 dello stato. Ciò ha alimentato le scarse speranze dei Democratici di ribaltare la roccaforte del GOP martedì.

ELEZIONI 2020
Trump vs Biden: cronologia
di
Willem Roper ,

1 novembre 2020
Una cronologia della preferenza media degli elettori nei confronti del candidato alla presidenza democratica Joe Biden e del presidente in carica Donald Trump mostra come, testa a testa, Biden abbia mantenuto un vantaggio significativo su Trump per tutto il 2020.

Negli ultimi due mesi, Biden ha goduto di uno dei suoi maggiori vantaggi di favore su Trump, con una media di circa 7-10 punti percentuali in più rispetto all’attuale presidente. Anche quando Biden non era il favorito per vincere la nomination democratica a gennaio e febbraio, aveva ancora un considerevole vantaggio su Trump.

A partire dal 1 novembre, il vantaggio medio di Biden su Trump si era stabilizzato a circa 7 punti percentuali. Con solo due giorni prima delle elezioni , questo è uno dei più grandi sondaggi di uno sfidante nella storia. Altri fattori storici, come il record nel paese con oltre 80 milioni di voti in anticipo e le assenze già espresse, sembrano favorire una vittoria di Biden su Trump. Tuttavia, uno dei grandi fattori decisivi per Biden sarà se i restanti Democratici accoreranno alle urne, in tanti quanti i repubblicani il giorno delle elezioni. Se i blocchi di voto in stati oscillanti come Florida, Texas e Pennsylvania favoriscono Trump, ci sono ancora possibilità statistiche per l’attuale presidente di ottenere voti sufficienti per il collegio elettorale per mantenere la presidenza.

ELEZIONI 2020
Margini tra i due candidati alle elezioni americane
di
Felix Richter ,

27 ottobre 2020
Con l’avvicinarsi della fase finale delle elezioni negli Stati Uniti, le proiezioni per il collegio elettorale e per la chiave della vittoria per entrambi i partiti stanno diventando più prevalenti. Anche se c’è ancora molto da decidere, i dati della US National Archives and Records Administration mostrano che i Democratici non hanno bisogno di riportare in blu troppi stati per ottenere i voti cruciali necessari per la vittoria.

Sebbene all’epoca Trump affermasse che la sua vittoria “è stata la più grande vittoria del college elettorale dai tempi di Ronald Reagan”, il suo trionfo non è stato una frana come avrebbe voluto farci credere. In effetti, ha vinto meno voti elettorali di tutti i presidenti tranne uno dai tempi di Ronald Reagan: con 271 (2000) e 286 (2004) voti, George W. Bush è stato l’unico a vincere con un margine minore.

[su_section border=”3px double #ffe01c” margin=”20px 0″]Ed infine … le preferenze degli europei, dimostrano come la maggior parte dei cittadini dei vari paesi europei siano ampiamente disinformati sulle due figure che si fronteggiano alle elezioni e sulla posta in gioco.[/su_section]

ELEZIONI 2020
Per chi fa il tifo l’Europa nelle elezioni presidenziali statunitensi?
di
Niall McCarthy ,

13 ottobre 2020
Le elezioni presidenziali statunitensi sono dietro l’angolo e la stragrande maggioranza delle persone in tutta Europa vuole che Joe Biden vinca, secondo un recente sondaggio di YouGov . La ricerca ha intervistato oltre 7.000 adulti in sette principali paesi europei: Danimarca, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svezia e Regno Unito. La Danimarca ha la quota più alta di pubblico che spera in una vittoria di Biden all’80% con solo il 6% delle persone che fanno il tifo per altri quattro anni per il presidente Trump . L’Italia ha avuto i livelli più alti di sostegno a Trump nel sondaggio, appena il 20%, mentre una significativa maggioranza del 58% spera che il suo sfidante democratico vinca le elezioni. Nel Regno Unito, che è stato amaramente diviso dalla politica populista e dalla Brexit, la maggioranza del 61% è a favore di Biden.

Nonostante il crescente sostegno per la scelta democratica in tutta Europa, YouGov ha scoperto che una fetta considerevole del pubblico rimane scettica sulla vittoria di Biden. Solo in Danimarca la metà degli intervistati ritiene che Biden vincerà il 3 novembre. La ricerca è dannosa per quanto riguarda la correttezza delle elezioni negli Stati Uniti, con solo il 2-11% degli intervistati nei sette paesi che concordano sul fatto che saranno “completamente libere ed eque “. L’Italia ha avuto il maggior numero di intervistati concordando che le elezioni saranno “completamente libere ed eque” solo all’11% e che la quota scenderà fino al 2% in Germania e al 4% in Danimarca. YouGov ha scoperto che la grande maggioranza del pubblico in tutta Europa considera Trump un “poveretto” o “terribile”

Link alla risorsa: https://www.statista.com/topics/5387/2020-presidential-election/

Exit mobile version