Elezioni russe – La UE sfrutta l’occasione per esacerbare la situazione ed aumentare la propaganda

Dopo elezioni USA (e lo scandalo dei brogli che ne è seguito), mi chiedo come si possa ancora premere questo tasto sulle elezioni russe. Basterebbe considerare che la Russia è un paese praticamente nel mirino dell’occidente e quindi praticamente si trova in piena guerra fredda versione 2.0. In altri termini, bisognerebbe capire che l’approccio stesso dell’ingombrate vicino (Nato e UE) influenza negativamente la Russia. 

Ovviamente qualsiasi paese in emergenza e sotto pressione, si comporta come tale, un paese in una guerra non dichiarata. E quindi in simili circostanze il maggior interesse è stabilità politica e preservare la sovranità. La resistenza a ingerenze esterne è tanto più forte, quanto più ci sono segnali esterni di aggressione alla società e le istituzioni, con il fine ultimo di sostituire una leadership sovrana con governi fantoccio.
Del resto, noi italiani conosciamo sia l’impossibilità di una normale prassi politica in emergenza e sia i progetti egemonici esterni che vogliono sostituire del tutto il nostro parlamento.

Altro punto che la UE non considera è che il soft power che Ella usa nel perpetuare la propria leadership politica, è anch’esso una manifestazione anti-democratica. Una democrazia non è solo il momento delle elezioni ma anche perseguire il bene comune. Ed in questo senso, nel nostro paese da anni vige la sospensione di sovranità, ove le elezioni sono salvaguardate come meccanismo ma  subito dopo manipolate a piacimento.
Infine, è davanti a tutti il tentativo continuo di voler imporre ad altri paesi la propria visione del mondo e dell’uomo. Persino paesi come l’Ungheria o la Polonia non corrispondono ai canoni propagandati dalla UE, e sono considerati come paria , non allineati ai ‘valori europei’.

Quindi sono attinenti le osservazioni che seguono. Sono tratte dal blog Anti-Spiegel che solleva fondate questioni sulla prassi della UE che generalmente non concede la patente di democrazia a chi considera nemico , mentre soprassiede su altri stati quando inseriti nella propria cerchia. Sullo sfondo si vede chiaramente che non sono i diritti civili a tema della tutela, ma usare le elezioni russe, per creare ennesimi argomenti di discredito e di conflitto. 

@vietatoparlare


Il Parlamento Ue non vuole riconoscere le elezioni russe e Der Spiegel sta diffondendo nuove bugie

Le elezioni in Russia gettano la loro ombra e l’Occidente sembra prepararsi a una grande offensiva propagandistica. Sapremo entro la prossima settimana se è davvero così.

Il 15 settembre ho riferito che il giorno seguente il Parlamento europeo avrebbe discusso una relazione sul rapporto con la Russia , che in 32 pagine elenca innumerevoli misure anti-russe che dovrebbero costituire la base della politica dell’UE nei confronti della Russia. Si dovrebbe fare praticamente di tutto contro la Russia, tranne un attacco militare. Tra l’altro, il rapporto prevede anche che le imminenti elezioni parlamentari russe del fine settimana non saranno riconosciute se “riconosciute come falsificate”.

Ma chi dovrebbe riconoscere le elezioni come “false”? Dopotutto, l’OSCE ha declinato l’invito russo a osservare le elezioni e non invia alcun osservatore elettorale .

Gli osservatori elettorali dovrebbero provocare essi stessi violazioni

Invece, si dovrebbe fare riferimento all’ONG Golos, finanziata dall’Occidente, dopo le elezioni. Golos sta attualmente organizzando corsi di formazione per “osservatori elettorali” in Russia, ma non spiegano come osservare un’elezione. Piuttosto, si dice apertamente che nelle elezioni non si riscontra quasi nessuna violazione. Questa è un’ammissione che l’ONG Golos, finanziata dall’Occidente, sa che le elezioni russe non vengono falsificate.

Ma l’obiettivo dell’Occidente è dipingere le elezioni come false. Quindi Golos dice apertamente agli osservatori elettorali ai corsi di formazione che l’obiettivo è quello di ritrarre l’elezione come illegittima e viene detto loro come possono provocare loro stesse violazioni, che Golos può quindi segnalare. Significativamente, circa 1.000 violazioni sono state segnalate sul sito di Golos prima delle elezioni. I dettagli di tutto ciò, incluso un video di tale formazione, possono essere trovati qui .

golos karte1

L’UE non vuole riconoscere le elezioni russe

Come previsto, il 16 settembre il Parlamento Ue ha approvato il catalogo di misure anti-russe. Formalmente è solo una raccomandazione, ma in fondo il Parlamento Ue ha dichiarato guerra alla Russia se si legge il rapporto e le misure che richiede .

Per chiarire, il quadro che sta emergendo: il 28 luglio la Russia ha invitato l’Osce a osservare le elezioni. Il 4 agosto, l’OSCE ha rifiutato di osservare l’elezione con un pretesto . Allo stesso tempo, il Parlamento Ue sta preparando da maggio il rapporto anti-russo, che include anche la richiesta di non riconoscere l’elezione, e Golos sta anche tenendo corsi di formazione con soldi dall’Occidente in cui vengono formati “osservatori elettorali” a cui viene insegnato a provocare accuse di frode contro le stesse elezioni russe. E il rapporto anti-russo del Parlamento Ue sarà adottato appena un giorno prima dell’inizio delle elezioni russe.

Il ruolo dei media

Anche i media sono pronti a partire, come ha dimostrato lo Spiegel. Il compito dei media in tali campagne non è solo quello di bruciare i fuochi d’artificio dei media appropriati dopo un’elezione, ma dovrebbero anche preparare i lettori a ciò che verrà in anticipo. Ad esempio, il 16 settembre, Der Spiegel ha informato i suoi lettori che la Russia non avrebbe consentito osservatori elettorali indipendenti, il che è una bugia, come mostra il comunicato stampa dell’OSCE del 4 agosto , in cui l’OSCE ha affermato di aver rifiutato l’invito russo a osservare le elezioni .

Tuttavia puoi leggere nell’articolo di Spiegel :

“Né l’opposizione né gli osservatori indipendenti sono autorizzati a fare del voto dal 17 al 19 settembre una vera scelta, ha affermato Khodorkovsky, che vive in esilio in Gran Bretagna”.

Der Spiegel cita Michael Khodorkovsky. Secondo la Corte di giustizia europea, l’uomo è un truffatore giustamente condannato ed ex oligarca che ha rubato illegalmente miliardi in Russia negli anni ’90 e ora sta combattendo contro Putin da Londra. Questo non è vietato, non è solo una fonte utile e, soprattutto, non neutrale, che i giornalisti dovrebbero poi comunicare ai propri lettori.

Der Spiegel non lo fa, tuttavia, definendo invece Khodorkovsky un “ politico ed ex manager petrolifero ”.

Der Spiegel è intelligente su questo perché non afferma di per sé che non sono ammessi osservatori elettorali. A rigor di termini, lo Spiegel non può essere accusato di disinformazione, perché lo lascia raccontare da Khodorkovsky. Ma se lo Spiegel fosse ancora una rivista e non un giornale di propaganda, allora dovrebbe informare i suoi lettori che Khodorkovsky sta dicendo la menzogna e che la Russia ha invitato osservatori elettorali indipendenti dell’OSCE, ma che si sono rifiutati di osservare le elezioni.

Questo dovrebbe rendere chiara la narrazione, che a quanto pare si vorrebbe diffondere dalla prossima settimana, quando le elezioni russe saranno finite: la Russia ha falsificato le elezioni, come riportato dalla “ONG indipendente Golos” e la Russia non ha ammesso alcun osservatore elettorale.

Da lunedì vedremo se questo gioco sarà effettivamente giocato.

fonte: Anti Spiegel

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.