Edward Slavsquat: “Sono sbalordito dall’assoluta spietatezza della ritirata della Russia”

Sembrava al 24 febbraio che la Russia andasse avanti secondo un piano che non accettava nessun compromesso, si aspettava il collasso totale delle forze ucraine in poco tempo. Ora vediamo invece ritiri da vari assi, con copertura di artiglieria e aviazione per impedire contrattacchi all’esercito russo in ritirata. Tuttavia, nonostante l’errore di grave valutazione iniziale, se si concretizzassero gli obiettivi del cambiamento di strategia in atto, il traguardo iniziale sarebbe raggiunto ugualmente. Infatti, le forze in questo momento si stanno concentrando al traguardo che è stato sempre molto esplicito e considerato prioritario: la messa in sicurezza del Donbass. 

Certo, è da considerare anche un altro aspetto assolutamente non marginale:  anche se l’azione avrà il successo sperato, il prezzo pagato in termini di uomini e mezzi e di sacrificio, è enorme. Perché per conquistare ogni metro di terreno molti soldati hanno perso la vita e hanno creduto agli obiettivi ordinati. Ora i comandi ordinano di ritirarsi e non è una cosa facile, è difficile dirlo ad un soldato che ha perso i propri compagni per la conquista di un territorio. Quindi, sì, è una decisione molto ‘spietata’ per i propri uomini quella di ritirarsi, a prescindere che il piano B fosse o meno contemplato dall’inizio.
In proposito l’autore dell’articolo che vi propongo – Marko Marjanović, per il bl
og Edwardslavsquat –  dice che la strategia ora in atto non era contemplata sin dall’inizio, ma che il cambio di strategia in atto è solo il risultato di un passaggio da un piano sbagliato ‘politico’ ad uno che tiene conto solo di logiche militari.

La Russia ha abbandonato il suo fallito Piano A politico per un Piano B, passando ai libri di dottrina militare

Di Marko Marjanović,

Diversi giorni fa ho riferito che la Russia si stava ritirando in un certo numero di posti per liberare unità per la battaglia chiave contro il grande esercito ucraino nel Donbass. In particolare i russi abbandonarono il blocco di Sumy e si ritirarono da gran parte della riva destra dell’Ucraina nel sud intorno a Nikolayev (dove mi sono sempre chiesto perché avessero mai attraversato il fiume poiché chiaramente non avevano i numeri per fare qualcosa di strategicamente produttivo).

Territori precedentemente ceduti in giallo
Territori precedentemente ceduti in giallo

A quanto pare, quello era solo l’inizio dei ritiri russi per rafforzare l’operazione del Donbass poiché ora si stanno ritirando anche intorno a Kiev. Yurasumy riferisce che il grande movimento russo oltre Konotop si dirige verso est e il materiale bellico russo dall’Ucraina viene spostato attraverso la regione di confine di Bryansk con la Bielorussia.

Le unità vengono ritirate da Kiev su entrambe le sponde del fiume. Attraverso la Bielorussia o direttamente ad est oltre Konotop
Le unità vengono ritirate da Kiev su entrambe le sponde del fiume. Attraverso la Bielorussia o direttamente ad est oltre Konotop

Gli ucraini confermano di essere stati in grado di entrare in una serie di insediamenti intorno a Kiev precedentemente detenuti dai russi. ( Qui , qui , qui , qui , qui , qui …) Dal filmato sembra che stiano entrando incontrastati con, al massimo, la retroguardia russa che li molesta con il fuoco dell’artiglieria.

Resta da vedere quanto sarà esteso il ritiro. Ad esempio, evacueranno l’intera forza a ovest del fiume che è relativamente isolata dal resto dell’esercito russo e probabilmente in inferiorità numerica?

Che ci sia un ritiro russo da Kiev non è una buona notizia per l’Ucraina. Le forze russe nell’operazione di Kiev avevano raggiunto il loro punto culminante. Essendo avanzate per oltre 300 chilometri erano andate il ​​più lontano possibile in conformità ai numeri che avevano. Erano al limite, non potevano andare oltre. Tuttavia si erano fermate prima di prendere i loro obiettivi strategici. Erano sedute accanto a Kiev ma senza la forza per circondarla e fornire un guadagno strategico. Si erano tirate fuori dall’influenzare l’esito della guerra. Erano innocue.

Ora presumibilmente verranno trasferiti nel Donbass dove avranno la possibilità di esercitare una grande influenza sulla guerra se saranno in grado di accelerare l’operazione del Donbass e rendere la vittoria lì più drammatica e decisiva.

In altre parole, ora che si sta vedendo la Russia che richiama unità da tutta l’Ucraina per organizzare la fine della pressione ucraina sul Donbass mediante un’operazione da manuale (con una correlazione di forze estremamente positiva), questa non è una buona notizia per l’Ucraina. Era molto meglio per l’Ucraina quando il nemico era sparso su numerosi assi, nessuno dei quali abbastanza forte da sferrare un colpo decisivo.

Ho scritto che il pericolo per la parte russa era che sarebbe diventata ostaggio del suo quasi successo a Kiev. La logica impone che un’operazione che si è bloccata e in cui le possibilità di successo sono basse dovrebbe essere ridimensionata e cannibalizzata per rafforzare le operazioni più promettenti. Ma essendo le sue forze così avanzate e così vicine, non sarebbe stata una decisione facile tirarle indietro.

Eppure è esattamente ciò che hanno fatto i russi. Hanno fatto una scelta difficile.

È un cambio di strategia corretto ma sicuramente non è stato facile da fare. Rinunciare volontariamente al territorio, dopo che le tue forze hanno pagato un prezzo di sangue per prenderlo, non può essere facile, non importa quanto strategicamente sia giustificato.

Sono sbalordito dall’assoluta spietatezza dei ritiri della Russia.

L’ambizione di Sumy abbandonata. L’ambizione di Nikolayev abbandonata. L’ambizione di Chernigov abbandonata. L’ambizione di Kiev abbandonata.

Sono ormai tre settimane che scrivo che lo sforzo della Russia era chiaramente troppo diluito su troppi assi e settori. (Avrei iniziato anche prima, ma all’inizio c’erano così tante altre cose che erano altrettanto sbagliate.) Ho scritto che concentrarsi con determinazione sul centro di gravità militare ucraino (che si trova nel Donbass) offriva le migliori possibilità di successo. Questi aggiustamenti radicali sono la prova che i generali russi la pensavano allo stesso modo.

Ci sono volute alcune settimane, ma ora l’applicazione da parte della Russia della logica è spietatamente totale.

***

Questo ritiro dalla periferia di Kiev risolve anche il mistero del motivo per cui il Ministero della Difesa russo ha presentato la scorsa settimana una mappa che in realtà sottovalutava notevolmente l’entità dei suoi guadagni territoriali nell’Ucraina nordorientale.

Dove puntano le frecce verdi. Tutto ciò avrebbe dovuto essere contrassegnato come controllato dai russi
Dove puntano le frecce verdi. Tutto ciò avrebbe dovuto essere contrassegnato come controllato dai russi

Bugie bianche per il consumo interno. È più facile abbandonare il territorio se sminuisci quanto detenevi in ​​un primo tempo.

Non facendo menzione degli stratagemmi, il Ministero della Difesa ha persino affermato che le forze russe si stavano “ridimensionando” intorno a Kiev per rafforzare la fiducia nei negoziati ” (e non per liberare unità per la battaglia chiave che le attendeno).

Naturalmente anche la spiegazione dei portavoce del Ministero della Difesa russo sul motivo per cui i russi si sarebbero diretti a Kiev era piuttosto peculiare. Hanno spiegato che ciò serviva a degradare l’esercito ucraino , il quale altrimenti gli avrebbe impedito di rafforzare il Donbass.

Ebbene, cosa avrebbero dovuto dire invece? La verità?

Ci si aspettava una implosione delle forze ucraine

Chiunque abbia seguito queste vicende con attenzione, ricorderà che il 24 febbraio la guerra è iniziata con i russi che hanno combattuto con i guanti. Gli attacchi aerei erano quasi assenti, non si prendevano di mira le caserme con missili da crociera e le unità che correvano a Kiev cercavano di evitare di combattere ove possibile, aggirando la resistenza piuttosto che affrontarla. Lo sforzo iniziale russo, di cui l’attacco a Kiev era il fulcro (impegnando tante unità russe quanti tutti gli altri sforzi messi insieme), riguardava principalmente il degrado dell’esercito ucraino (il gruppo più forte dei quali era posizionato, lontano, nel Donbass) è una sciocchezza. Era esattamente il contrario. Il piano iniziale era incentrato sul test se lo stato ucraino potesse essere costretto a disfarsi immediatamente (implosione), senza dover inseguire i suoi militari e uccidere decine di migliaia di militari ucraini.

Se il Ministero della Difesa fosse stato veritiero avrebbe detto:

“Abbiamo provato qualcosa (che hanno deciso i politici/ideologi). Ma non ha funzionato. Quindi ora faremo aggiustamenti radicali e proveremo qualcos’altro”.

Ma questo non avrebbe esattamente pacificato il fronte interno, vero?

In molti anni dopo la guerra in Siria ho seguito tutte le conferenze stampa del Ministero della Difesa e posso dirvi che l’esercito russo usa le conferenze stampa esattamente come ti aspetteresti, come arma nella guerra dell’informazione.

***

Ho detto che l’obiettivo russo di rafforzare l’operazione Donbass è ora assolutamente spietato, ma c’è una riserva. Finora Mosca continua a insistere sul fatto che non ci siano coscritti in Ucraina. Che nessun coscritto sarà inviato in Ucraina. E che ai coscritti attualmente in servizio non saranno prorogati i termini di fine leva.

Putin ha firmato l’ordine di avviare il regolare arruolamento primaverile di 135.000 uomini e il documento include la disposizione per iniziare a rilasciare i coscritti arruolati la scorsa primavera. Se l’ordine sarà così eseguito, l’esercito russo perderà fino a 135.000 militari addestrati nei prossimi 3 mesi e mezzo.

Senza dubbio i coscritti i cui 12 mesi si stanno avvicinando al termine verranno attirati a rimanere con bonus migliori del solito, ma sarà sufficiente?

Il cambio di strategia potrebbe spiegare una tale riluttanza a generare rinforzi nel modo più semplice, ovvero con i coscritti.  La strategia di portare le forze russe in Ucraina da un fronte all’altro potrebbe essere così tanto aggressiva (e lo è) che possa giustificare a decisione di non utilizzare forze aggiuntive [in seconda linea].

Nel senso che Putin si rifiuta ancora di porre il fronte interno su un piede di guerra,  l’“operazione militare speciale” resta una guerra a metà per la Russia.

***
Gli occidentali filo-ucraini che hanno visto il ritiro non forzato della Russia intorno a Kiev sono stati portati a vedere i russi ” respinti ” e persino una ” rotta russa “. Ma essi saranno sorpresi quando alle conquiste ucraine nel nord non seguiranno ulteriori conquiste ucraine nel sud, ma le conquiste russe contrassegnate dalle ritirate forzate dell’Ucraina.

Non sembrano comprendere appieno che ciò che sta accadendo è che la Russia stia passando da un fantasioso Piano A non militare (che in effetti è fallito), a un Piano B stabilito secondo la dottrina militare di guerra, la quale richiede una ridistribuzione radicale delle truppe per corrispondere allo spostamento dell’attenzione dal centro di gravità politico a quello militare.

Nel frattempo, anche gli occidentali filo-russi si sono screditati. Non molto tempo fa “l’ex CIA” Larry C Johnson ci diceva che “l’esercito ucraino è già stato sconfitto. Quello che resta è un rastrellamento”.

Come sta andando la "pulizia"?
Come sta andando la “pulizia”?

No. Esattamente sbagliato. L’esercito ucraino non è stato sconfitto. Questo è esattamente il motivo per cui l’esercito russo deve essere richiamato da Kiev per il Donbass. Creare un raggruppamento di forze abbastanza forte da sconfiggere in modo decisivo la grande concentrazione militare ucraina in quel posto.

Il compagno fantastico di Johnson, Scott Ritter, non ha optato di considerare il successo russo oltre ogni proporzione. Invece, ha spostato i pali al punto da poter ancora proclamare il fallito drive russo su Kiev un successo in 5D.

Gira una storia in cui “200.000 attaccanti russi” hanno affrontato “600.000 difensori ucraini” e quindi avevano bisogno di una “finta” di Kiev per impedire agli ucraini di spostare le loro presunte gigantesche forze dove la Russia non le voleva.

Innanzitutto questo è puro revisionismo. Nessuno nella prima settimana di guerra, quando i russi si stavano avvicinando sempre di più a Kiev e stavano facendo il punto di chiamare Zelensky illegittimo, pensava che l’operazione di Kiev riguardasse qualcosa di diverso da Kiev. Tutta questa roba che è stata una “finta” è partita solo quando lo sforzo si è fermato e ha fallito.

In secondo luogo, è un’aritmetica disonesta. Sta confrontando mele e arance. Non puoi prendere solo le forze effettivamente impegnate: i 100.000 membri delle territoriali ucraine non si avventurano al di fuori delle oblast in cui sono cresciuti. Allo stesso modo ci sono ancora molte brigate ucraine, in servizio attivo e di riserva, nell’Ucraina occidentale e centrale che non sono state impegnate. Inoltre la riserva è presumibilmente di oltre 200.000, ma questo è un punto di forza che è solo sulla carta e non è chiaro quanto di essa possa effettivamente essere costituita e in quale periodo di tempo. Zelensky ha emesso l’ordine di mobilitazione della riserva solo il 23 febbraio, quindi quando i russi sono entrati in Ucraina, esattamente lo zero di quella riserva era sul campo. I russi non erano assolutamente in inferiorità numerica di 3 a 1.

Come si può dire ragionevolmente che sedersi fuori Kiev fosse assolutamente vitale per impedire agli ucraini “più numerosi” di rafforzare il Donbass?

Ritter afferma che i russi avevano bisogno della “finta” contro Kiev per entrare dalla Crimea e isolare Mariupol , ma ciò è stato realizzato nei primi 5 giorni (prima che l’Ucraina potesse persino mobilitare le sue riserve). Eppure la “finta” di Kiev è continuata per settimane. *Perché?* (Potresti affermare che ciò è continuato per scoraggiare l’Ucraina dal rafforzare il Donbass, ma allora perché l’asset viene radicalmente ridimensionato solo ora? La battaglia del Donbass è ancora in corso e le linee di comunicazione ucraine con il Donbass sono ancora aperte e la loro forza  rimane non circondata. Come si può dire ragionevolmente che sedersi fuori Kiev fosse assolutamente vitale per impedire agli ucraini “più numerosi” di rafforzare il Donbass??)

Naturalmente, un diversivo è sempre utile e vincolare le forze nemiche nell’area di Kiev sarebbe stato il benvenuto, ma non c’è bisogno di dedicare il 50 per cento delle forze a una “finta” come i quella che russi hanno dedicato a Kiev. Chi ha sentito parlare di una “finta” composta da tante tue forze quante sono tutte le altre tue operazioni messe insieme? Non è altrettanto plausibile pensare che tenere bloccate le forze ucraine intorno fosse l’obiettivo perchè la permanenza di forze russe a Kiev avrebbe richiesto di sacrificare tutto in termini di velocità di avanzata e avrebbe fatto pagare un prezzo elevato per raggiungere questo obiettivo. Un’avanzata più lenta e più deliberata o semplicemente un parcheggio delle forze in Bielorussia di fronte a Kiev avrebbe comunque funzionato a tenere bloccate le forze nemiche, senza tutte le insidie ​​di una folle corsa [come abbiamo effettivamente visto con i paracadusti russi all’aeroporto etc.].

In realtà, se i russi volessero assolutamente precludere rinforzi a sud-est, avrebbero usato i 50 BTG legati all’operazione di Kiev per oltrepassare Kharkov fino al Dnepr e rendere i rinforzi e i rifornimenti un’impossibilità fisica.

*Soprattutto* l’idea che essere in inferiorità numerica di 3 a 1 richieda di prendere le linee esterne, dividere in modo aggressivo le tue forze e inviarle ad avanzare lungo assi di avanzamento a 700 chilometri di distanza che non possono supportare l’altro, è la cosa più stupida che ho letto questa settimana . Questo è esattamente ciò che una forza più piccola non deve fare. Se i russi fossero effettivamente in inferiorità numerica di 3 a 1 (cosa che era assolutamente) sarebbe stato tanto più critico per loro concentrare le loro forze, concentrarsi sui fronti interni e mantenere al minimo gli assi di avanzamento, come ora stanno facendo. È questione di buon senso. Quando hai poco è tanto più importante tenerlo tutto insieme.

Inoltre, con le sue nozioni di “600.000 ucraini” e l’idea di doverli tenerli impegnati Ritter dipinge un’immagine falsata del campo di battaglia. Tranne nel Donbass, dove l’esercito ucraino era concentrato in massa prima della guerra, e dove fa affidamento su fortificazioni costruite in otto anni, questo non è un combattimento simmetrico in cui gli ucraini di grandi battaglie in campo aperto. I russi hanno più potenza di fuoco e modi migliori per erogarla con precisione. Non ci sono enormi unità ucraine sul campo che devono essere bloccate per evitare che si verifichino catastrofi. Al contrario, gli ucraini hanno fatto la scelta corretta ma difficile che quando appaiono forze russe considerevoli si ritirano nelle città. Semmai i russi hanno avuto il problema opposto di come attirare gli ucraini allo scoperto.

Gli ucraini se la sono cavata perchè si sono trincerati nelle città

Gli ucraini se la cavano bene perché sono stati super realistici e hanno fatto la scelta difficile di dare al nemico la libera corsa delle campagne e cercare riparo nelle città sfidandolo a combattere numerosi impegnati in assedi prolungati.

I russi non hanno fatto bene, visti i loro vantaggi, perché sono entrati in Ucraina con un piano che era tutt’altro che realistico. Hanno attraversato il confine il 24 febbraio come se stessero eseguendo una annessione e non iniziando una guerra.

Tuttavia, i russi non si sono fermati. Dopo un mese non riesco più a trovare un difetto in qualsiasi cosa stiano facendo. Ora sono spietatamente pragmatici e guidati dalla dottrina come gli ucraini. Con l’eccezione del loro rifiuto di mobilitare il fronte interno, questa è ora una guerra un po’ da manuale da parte russa come lo è da parte ucraina.

È difficile sapere chi è più deluso. Gli occidentali convenzionali che non riescono a vedere che le prime battute d’arresto e i mal di testa che facevano venire i russi erano dovuti al fatto che avevano temporaneamente abbandonato la loro dottrina e ogni comandamento militare, ma ora si sono adattati al campo di battaglia.

L'entità del ritiro per ora. Forse entro domani sarà ancora più grande soprattutto se i russi avranno veramente evacuato Ivankiv, il che indicherebbe che l'intera forza a nord-ovest di Kiev che era a ovest del fiume è tornata in Bielorussia
L’entità del ritiro per ora. Forse entro domani sarà ancora più grande soprattutto se i russi avranno veramente evacuato Ivankiv, il che indicherebbe che l’intera forza a nord-ovest di Kiev che era a ovest del fiume è tornata in Bielorussia

Si dice che la tenaglia del Donbass settentrionale stia progredendo
Si dice che la tenaglia del Donbass settentrionale stia progredendo

Edward Slavsquat

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.