Edizione araba Asharq al-Awsat: USA offrono alla Russia di accettare Assad come presidente se Teheran si ritira dalla Siria

L’edizione saudita di Asharq Al-Awsat, citando fonti diplomatiche occidentali, riferisce che gli Stati Uniti e Israele  in un incontro trilaterale che si terrà a Gerusalemme intendono offrire alla Russia il riconoscimento della legittimità di Assad e la revoca delle sanzioni da parte delle autorità siriane se Mosca accetterà di limitare l’influenza iraniana in Siria: secondo questo accordo Assad sarebbe riconosciuto come legittimo capo di stato, le sanzioni contro la Siria sarebbero rimosse e, in cambio, Mosca dovrebbe aiutare i suoi partner negoziali nel realizzare il loro sogno principale – dissuadere l’Iran di permanere con le sue forze ed interessi in Siria.

Si presume che al momento in Siria ci siano almeno 100 mila militari iraniani, inclusi i rappresentanti dell’IRGC. Senza il loro aiuto, difficilmente la Siria sarebbe stata liberata dai terroristi dell’ISIS in modo così efficace. Ma rimanendo nella Repubblica Araba, Siriana gli USA ed Israele non tollerano che si fornisca a Teheran un corridoio diretto verso il confine con Israele.

L’offerta potrebbe sembrare allettante. Il riconoscimento di Assad da parte degli Stati Uniti significherebbe il completo successo per la Russia e la fine della guerra. Allo stato attuale l’esercito siriano e la Russia dovrebbero essere sufficienti a garantire di controllare la situazione in Siria.

Tuttavia  il rappresentante speciale degli Stati Uniti per la Siria James Jeffrey ha parzialmente smentito questo accordo:

“Ci sarà un incontro in Medio Oriente, ma stiamo lavorando sui dettagli e, naturalmente, finora non c’è stato un simile accordo, non mi fiderei di queste pubblicazioni”, ha detto all’Istituto per il Medio Oriente a Washington.

L’informazione era stata diramata dall’edizione araba Asharq al-Awsat, e “attribuita” all’Arabia Saudita. Potrebbe voler dire che i sauditi vogliono far saltare una proposta del genere.

Vedremo cosa accadrà ma a mio avviso è difficile che la Russia accetterebbe questo progetto.