Ecco perchè gli USA hanno annunciato l’uscita dall’accordo ”Cieli aperti”

Sull’uscita degli Stati Uniti dall’accordo Open Sky, non ho trovato alcuna spiegazione logica all’infuori di ciò che ha detto Trump, ovvero che la Russia non ha mantenuto fede all’accordo. L’accusa però non è provata, nessun media italiano ha detto di più. La spiegazione della giornalista russo-francese Karine Bechet dal suo blog Russie Politics è sicuramente più esauriente.

@vietatoparlare

Negazione dell’accordo Open Skies: gli Stati Uniti attendono concessioni strategiche dalla Russia

Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo internazionale sui cieli aperti, entrato in vigore nel 2002. L’accordo consente ai 34 paesi firmatari, essenzialmente membri della NATO, di sorvolare lo spazio aereo di questi paesi, al fine di verificare che non stiano violando i loro obblighi militari internazionali. Ufficialmente, è uno ” strumento di fiducia “, in realtà uno è ” strumento di intelligence “”. Ma, appunto, gli Stati Uniti alla fine criticano la Russia per non aver permesso loro di trarre pieno profitto da questo strumento [di intelligence], che poi perde il suo interesse e che annuncia di rinunciare, soprattutto se osa usarlo. Ma la denuncia non è immediata [Trump ha dato 6 mesi], al fine di risparmiare tempo nel tentativo di indurre la Russia a licenziare concessioni strategiche. In breve, gli Stati Uniti stanno alzando la posta in gioco, poiché ritengono che la situazione geopolitica non sia più quella risultante dal Guerra fredda, in cui ogni stato cerca di mantenere difendere il suo titolo [di super potenza].

Il Trattato sui cieli aperti è entrato in vigore nel 2002 e conta 34 firmatari che, oltre agli Stati Uniti, al Canada, alla Turchia e al Kirghizistan, sono principalmente i paesi europei e la Russia. Permette il sorvolo dei territori dei paesi membri, con alcune restrizioni (in particolare una striscia di non sorvolo di 10 km alla frontiera) per controllare i movimenti e le infrastrutture militari. Questa idea non è nuova, era stata proposta a metà degli anni ’50 (dopo la morte di Stalin) dagli Stati Uniti, ma rifiutata da Krusciov, che ci aveva giustamente visto un tentativo di spionaggio. Si potrebbe anche dire che l’accordo introduce una legalizzazione dello spionaggio. Comunque, Bush, nel 1989, quando l’URSS è in piena “apertura”, rilancia l’idea, che sarà quindi limitata ai paesi della NATO, ma non sarà realmente formalizzata fino al 2002, quando la Russia e gli stati di Putin -Gli Stati Uniti raggiungono questo accordo. Sembrerebbe quindi che questo Trattato sui cieli aperti abbia assunto il suo pieno significato solo con l’ingresso della Russia e quindi l’accesso al suo spazio aereo, soprattutto perché i tentativi storici di superarlo coincidono con periodi in cui la storia politica russa è considerata una zona di transizione, quindi periodi di debolezza.

Ora gli Stati Uniti dicono che vogliono ritirarsi perché la Russia non ha adempiuto ai suoi obblighi. Va detto che la Russia è stata costretta a bloccare il sorvolo della regione di Kaliningrad, perchè tutti i mezzi erano buoni per gli “amici-partner” della Russia per ottenere informazioni su questa regione che facevano gola, e ci hanno comunque provato anche con l’uso dell’aviazione civile e commerciale. Allo stesso modo, la Russia, sulla base degli standard del trattato che proibisce il sorvolo su una striscia di 10 km al confine, proibisce di avvicinarsi all’Abkhazia e all’Ossezia del sud. Di recente, ha dovuto rifiutare ricognizioni durante esercizi militari durante la fase calda per motivi di sicurezza. Inoltre, la Russia non avrebbe rispettato la quota di sorvolo. Sono questi gli elementi contestato dagli Stati Uniti. In altre parole, la Russia è accusata di usare il trattato nel suo interesse e non dei paesi della Nato, il che ovviamente non era previsto .

La denuncia non sarà formalizzata dagli Stati Uniti fino al 22 maggio e non entrerà in vigore fino a 6 mesi dopo, il che lascia tempo ai negoziati. La Russia, da parte sua, ha dichiarato di non voler abbandonare il trattato e di sperare che gli altri paesi membri non condividano le informazioni raccolte, con gli Stati Uniti. Sì, ma è un po ‘sorprendente perché sono membri della NATO . Quindi, anche se i paesi membri del clan atlantista non cooperassero con gli Stati Uniti (una sorta di spinta incontrollata per la sovranità), in termini concreti, come dovrebbero svolgersi le discussioni? In altri termini, se la Russia rimane nel trattato mentre gli Stati Uniti lo abbandonano, la Russia offrirà le sue informazioni, perdendo quelle relative allo spazio aereo americano, che verrà le verrà precluso. E possiamo essere certi che, in questo senso, che gli “amici-partner” non condivideranno informazioni in loro possesso.

Ma non è certo che gli Stati Uniti alla fine se ne andranno. Soprattutto, vogliono rinegoziare un trattato a loro più favorevole in termini di intelligence sul suolo russo. E Trump lo ha espresso molto chiaramente:
“Donald Trump non ha chiuso le porte a una rinegoziazione di questo trattato firmato da 35 paesi.” Penso che ciò che accadrà è che ci ritireremo e torneranno e chiederanno di negoziare un accordo ” “ha detto” Di recente abbiamo avuto ottime relazioni con la Russia “.[su_spacer]

Va detto che questa volontà di negoziare contro ogni previsione è già visibile per quanto riguarda l’estensione del trattato Start III sulla riduzione delle armi nucleari tra Russia e Stati Uniti, dove la Russia non è in grado di negoziare un’altro trattato ma propone di rinnovarlo per 5 anni (a questa proposta è seguito il silenzio americano). È lo stesso con la questione dello sviluppo dei sistemi di difesa antimissile americani NMD : la Russia ha chiesto, per l’ennesima volta, di non svilupparli, perché considera queste modifiche dei sistemi un pericolo. La risposta del rappresentante speciale di Donald Trump per il controllo degli armamenti, il Marshall Billingslea, è stata sorprendente:

“Il presidente Donald Trump ha chiarito che non prevede alcuna limitazione nello sviluppo del sistema NMD (…). Tuttavia, la Russia è un paese indipendente e Riabkov (vicedirettore dell’AMF) ha chiarito durante dalla nostra discussione che avrebbe sollevato la questione NMD e altre questioni. Ecco perché sono sicuro che ne discuteremo. Ma mi sembra che i russi debbano fare alcune sostanziali proposte, in modo che se possibile, il Presidente cambi idea su questo argomento “.

Chiaramente, il gioco americano è totalmente fuori passo con la classica diplomazia sviluppata dalla Russia, scambiata per debolezza. Trump sta sviluppando una tattica di negoziazione aggressiva, che porta i suoi avversari a fare più concessioni di quanto farebbero normalmente. ” Torneranno e chiederanno di negoziare un accordo”, ha detto Trump : attendere in risposta non è un errore, soprattutto quando l’azione non porta al risultato desiderato.

Karine Bechet – Russie Politics

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.