Ecco l’accordo sottoscritto a Mosca da Putin ed Erdogan per il cessate il fuoco in Siria (prov. Idlib)

Ecco l’accordo sottoscritto ieri a Mosca tra Erdogan e Putin (dal giornale turco Yeni Mesaj):

”La Repubblica di Turchia e la Federazione Russa, la Siria, come garanti dell’ attuazione del regime di cessate il fuoco nella Repubblica araba nelle zone di tensione di riduzione della tensione in Idlib (omissis date di sottoscrizione), ribadendo i loro forti impegni in materia di sovranità, indipendenza, unità e integrità territoriale della Repubblica araba siriana, ribadendo il loro impegno per l’eliminazione di tutti i gruppi identificati come terroristi dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, combattendo tutte le manifestazioni del terrorismo, riconoscendo che i targeting dell’infrastrutture non saranno giustificate in alcun modo, sottolineando che non può esserci una soluzione militare al conflitto siriano e che il conflitto può essere concluso solo con il processo politico in linea con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che impedisce l’ulteriore deterioramento della crisi umanitaria,  e garantisce la protezione dei civili, sottolineando l’importanza di fornire protezione e assistenza umanitaria ai siriani senza precondizioni e discriminazioni, nonché prevenire gli sfollamenti interni e facilitare il ritorno dei rifugiati e degli sfollati interni nel loro luogo di residenza originale in Siria, su base volontaria senza discriminazioni e spostamenti interni,

1- Tutte le attività militari lungo la linea di contatto nella zona di riduzione della tensione inattiva verranno interrotte il 6 marzo 2020 dalle 00:01.

2- Verrà istituito un corridoio sicuro profondo 6 km e profondo 6 km a nord dell’autostrada M4. Le modalità e le procedure per quanto riguarda il funzionamento in sicurezza del corridoio, e la Repubblica di Turchia saranno decisi entro 7 giorni tra i Ministeri della Difesa della Federazione Russa.

3- Le pattuglie congiunte turco-russe saranno lanciate il 15 marzo 2020, lungo il tratto dell’autostrada M4 da Trumba (2 km a ovest di Serakib) fino ad Ain-Al-Havr.

Il presente protocollo entra in vigore non appena viene firmato.

Firmato a Mosca il 5 marzo 2020, con tre originali in turco, russo e inglese, con uguale validità legale. ”

@vietatoparlare