Ecco la verità che nessuno mai vi dirà sull’attacco all’ambasciata americana in Iraq

I media nazionali ed internazionali hanno detto di tutto sulle violente manifestazioni di protesta contro l’ambasciata americana in Iraq alimentate dal la strage dell’aviazione statunitense in Iraq ed in Siria. Tuttavia hanno omesso di dire la sola cosa logica che andava detta: la verità.
Facciamocene una ragione: i verificatori non verificano le notizie ma ci passano di sana pianta le veline dei vari attori internazionali, responsabili di un mondo in fiamme.
Sta accadendo proprio come con l’11 settembre e l’Iraq, dove il governo degli Stati Uniti ha immediatamente spinto la sua agenda preesistente, quindi agli Stati Uniti non importa chi lancia davvero attacchi contro le posizioni del proprio personale e dei propri alleati in Iraq e Siria, ma li assegna automaticamente a Hezbollah e quindi in Iran, in accordo con il preesistente perenne sogno neocon di provocare una guerra su vasta scala con l’Iran.

@vietatoparlare

Moon of Alabama

In Siria @WithinSyriaBlog – 17:43 UTC · 29 dic 2019
Trump ha appena commesso l’errore della sua presidenza.

Ciò potrebbe essere vero o potrebbe non essere vero. Ecco cosa è successo.

Venerdì una salva di circa 30 missili Katyusha da 107mm ha colpito la base K1 che ospita truppe irachene e statunitensi vicino a Kirkuk, in Iraq. Di conseguenza un mercenario / appaltatore americano è morto, due iracheni e quattro soldati statunitensi sono stati feriti. Invece di trovare i veri colpevoli – i resti dell’ISIS, i locali scontenti, i curdi che vogliono riprendere il controllo su Kirkuk – gli Stati Uniti hanno deciso che Kata’ib Hezbollah fosse il gruppo colpevole dell’attacco.

Kata’ib Hezbollah è un gruppo per lo più sciita con alcune relazioni con l’Iran. Fa parte delle Popular Mobilization Unit (PMU) che sono state fondate e addestrate dall’Iran per fermare e sconfiggere lo Stato Islamico (ISIS) quando occupava quasi un terzo dell’Iraq e della Siria. KH è-  come tutte le unità PMU – ora sotto il comando e il controllo del Ministero della Difesa iracheno.

Per vendicarsi della morte di uno dei suoi mercenari, l’aviazione americana  ha attaccato cinque campi base in cui erano di stanza Kata’ib Hezbollah e altre forze irachene:

In risposta ai ripetuti attacchi di Kata’ib Hezbollah (KH) alle basi irachene che ospitano le forze della coalizione dell’OIR Inherent Resolve (OIR), le forze statunitensi hanno effettuato attacchi difensivi di precisione contro cinque strutture KH in Iraq e Siria che degraderanno la capacità di KH di condurre attacchi futuri contro le forze della coalizione OIR.I cinque obiettivi includono tre sedi KH in Iraq e due in Siria. Queste posizioni includevano strutture di deposito armi e posizioni di comando e controllo che KH utilizza per pianificare ed eseguire attacchi contro le forze della coalizione OIR.

Tutte le posizioni di KH che sono state colpite erano nel deserto occidentale di Anbar, a 450 chilometri da Kirkuk. KH ha basi su entrambi i lati del confine tra Iraq e Siria, dove è impegnata nella lotta contro l’ISIS ancora attivo. I risultati degli attacchi aerei sono statio devastanti:

Elijah J. Magnier @ejmalrai – 6:20 UTC · 30 dic 2019
32 morti e 45 feriti il ​​conteggio di #US della violenta aggressione sulle brigate delle forze di sicurezza dell’ #Iraq  effettuata ieri sera in una posizione militare stabilita per contrattaccare e razziare #ISIS rimanente ad al-Qaem, i confini tra Iraq e Siria.

La stazione di confine al-Qaem / al-Bukamal è l’unica stazione aperta tra Iraq e Siria che non è sotto il controllo degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti furono furiosi quando il primo ministro iracheno Adil Abdul Mahdi permise che fosse istituita. In precedenza era stata attaccata da Israele che aveva lanciato il proprio assalto da una base aerea americana nella Siria orientale.

TØM CΛT @TomtheBasedCat – 6:11 UTC · 29 dic 2019
Non sono stati colpiti solo i membri dei battaglioni di Hezbollah, ma sono rimasti feriti anche militari tra i ranghi delle Forze missilistiche / Battaglione missilistico che è considerata un’unità separata ed in parte aggregata alle brigate.

I morti includono Abu Ali Madiniyah, il comandante del 1 ° battaglione della 45a brigata.

Gli attacchi aerei statunitensi sono stati effettuati in totale disprezzo per la sovranità irachena e contro  forze sotto il comando diretto dello stato iracheno:

In una dichiarazione, Abdul-Mahdi ha dichiarato che il segretario alla Difesa Mark Esper lo aveva chiamato circa mezz’ora prima che gli Stati Uniti colpissero per dirgli delle intenzioni statunitensi di colpire le basi della milizia sospettata di essere dietro l’attacco missilistico di venerdì. Abdul-Mahdi ha dichiarato nella dichiarazione di aver chiesto a Esper di annullare i piani di ritorsione degli Stati Uniti.La dichiarazione afferma che anche il presidente iracheno Barham Salih ha ricevuto un preavviso da un diplomatico americano e ha anche chiesto senza successo agli americani di annullarlo.

Gli attacchi aerei sono stati progettati per uccidere coloro che combattono ancora l’ISIS nei nascondigli più virulenti:

Rania Khalek @RaniaKhalek – 18:44 UTC · 29 dic 2019
Il gruppo PMF che è stato colpito dagli americani ha combattuto l’ISIS per anni. Erano in prima linea per proteggere l’Iraq dall’ISIS in Siria e impegnati nelle continue battaglie contro l’ISIS nei deserti siriani e iracheni. Erano la prima linea di difesa.
L’attacco americano a questo gruppo di PMF non è solo un atto di vendetta sproporzionato, ma è anche una minaccia alla sicurezza regionale. E è patetico per un cosiddetto superpotere combattere contro una piccola milizia.

Ecco il video delle  insanguinate conseguenze.

Ci sono circa 5.000 soldati statunitensi in Iraq in basi che ospitano anche 10.000 soldati iracheni e truppe PMF. Gli attacchi di vendetta sono ora inevitabili :

All’indomani degli attacchi aerei americani – , secondo una dichiarazione rilasciata sulla televisione di stato irachena – il primo ministro iracheno Adil Abdul-Mahdi ha dichiarato: “Abbiamo già confermato il nostro rifiuto di qualsiasi azione unilaterale da parte delle forze della coalizione o di altre forze all’interno dell’Iraq. Lo consideriamo una violazione della sovranità irachena e una pericolosa escalation che minaccia la sicurezza dell’Iraq e della regione ”.Abdul-Mahdi ora si trova di fronte all’incubo della possibilità che i paramilitari collegati all’Iran – le cui ali politiche esercitano un’enorme influenza sul suo governo -, vadano in guerra contro le forze americane sul territorio iracheno. Ciò  comporterebbe che gli si renderà conto nei prossimi mesi delle disastrose conseguenze di futuri scontri in cui centinaia di i manifestanti potranno morire se ci sarà una rivolta contro gli USA, spingendolo a consegnare le sue dimissioni al parlamento.

I prossimi giorni e le settimane risponderanno a una serie di domande su come andrà a finire questa pericolosa situazione, in primo luogo fino a che punto i paramilitari siano disposti ad agire sull’onda della loro retorica che che ripete all’infinito che la presenza americana in Iraq è una continuazione dell’occupazione, inoltre se saranno disponibili a intraprendere azioni militari al fine di costringere gli americani [ad andare via], “ancora una volta”.

Gli Stati Uniti e Israele hanno già ucciso centinaia di forze irachene allineate con l’Iran. Ma questi attacchi sono stati più eclatanti. Non c’è dubbio. Le forze statunitensi dovranno (di nuovo) lasciare l’Iraq:

Brasco_Aad @Brasco_Aad – 19:55 UTC · 29 dic 2019
Dichiarazione del PMU iracheno Asai’b Ahl al-Haq sull’attacco americano in Iraq questa sera:
” La presenza militare americana è diventata un peso per lo Stato e una fonte di aggressione contro le nostre forze e quindi è diventato obbligatorio per tutti noi espellerle dall’Iraq. ”

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva dichiarato che voleva che le truppe statunitensi lasciassero il Medio Oriente. Ma lo “stato profondo”, la burocrazia del Pentagono e del Dipartimento di Stato, hanno resistito a tale mossa :

Pompeo, Esper e il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, volarono a Palm Beach, in Florida, dopo l’operazione per informare il presidente Donald Trump.Esper ha dichiarato di aver discusso con Trump “altre opzioni disponibili” per rispondere all’Iran.

Trump era a Mar-a-Lago ma non è apparso con i suoi massimi funzionari della sicurezza nazionale. Dopo che Pompeo ed Esper hanno parlato, il presidente ha viaggiato nel suo club privato di golf   a West Palm Beach. La Casa Bianca non ha immediatamente detto perché Trump è tornato al club dopo aver trascorso quasi sei ore lì domenica prima.

Gli attacchi di ieri garantiscono che tutte le truppe statunitensi dovranno lasciare l’Iraq e quindi perderanno anche le loro linee di rifornimento in Siria.

Ci si chiede se questo fosse il vero intento di quegli attacchi.