Ecco il motivo della rottura tra Corea del Nord e Corea del Sud

Alla luce di alcune evidenze disponibili su tutti i media non sembra che il leader coreano Kim Jong-un abbia torto ad essere indispettito per le giravolte coreane -USA

La Corea del Nord mette in dubbio che la Corea del Nord sia uno stato assolutistico, ove vige un sistema inamovibile che opprime la popolazione. Ma la Corea del Nord è un paese formalmente in guerra contro gli Stati Uniti ed il suo alleato del sud. E se per il Covid nel mese di agosto l’Italia ha decretato l’emergenza con restrizione dei diritti dei cittadini, come possiamo non immaginare che almeno in parte , le pressioni statunitensi non fanno che aumentare l’irrigidimento e la contrapposizione , rendendo ancor più dure le limitazioni dei cittadini nord – coreani?
Siamo sicuri che l’arma migliore contro i dittatori sia l’annientamento stile Libia o Iraq? La storia dice di no. Stephen Gowans, l’autore dell’articolo che segue potrà essere pure simpatizzante per certi ambiti, ma i fatti che descrive sono quelli. Se siamo contro le ideologie, attenzione anche alle nostre, compresa la nostra smania e la nostra convinzione di supremazia su qualunque altro sistema e soprattutto, attenzione al diritto di intervenire per ‘correggere’ a suon di bombe.

@vietatoparlare

[su_divider divider_color=”#5f5d6e”]

dal blog di Stephen Gowans (https://gowans.blog/2020/06/20/why-north-korea-blew-up-the-inter-korean-liaison-office/)

Alcuni dei motivi che hanno spinto Kim Jong-un a far saltare in aria l’ufficio di collegamento intercoreano.

Perché la RPDC ha fatto saltare in aria l’ufficio di collegamento intercoreano

“Ma non si può sperare nella pace se alcuni faranno concessioni e altri no. Una pace basata sulle richieste di una parte non è pace, è una vergognosa resa, e nessun paese rivoluzionario viene si vende o si arrende “  Fidel Castro,

la Corea del Nord, ha recentemente fatto saltare in aria l ‘” ufficio di collegamento inter-coreano nella città di confine occidentale di Kaesong “, che il Wall Street Journal e altri media occidentali hanno descritto come atto “provocatorio”.
L’edificio per le comunicazioni, situato in Corea del Nord, è stato aperto “dopo che gli impegni intercoreani del 2018 hanno frenato le ostilità e portato la pace nella penisola coreana”.
“Alla cerimonia di apertura del 2018, un grande striscione blu e bianco di unificazione raffigurante l’intera penisola coreana era stato appeso sulla facciata dell’edificio”.
Ora lo striscione e l’edificio stesso sono spariti. Secondo quanto riportato dalla stampa occidentale, le speranze di pace tra le due Coree si sono sciolte in un pennacchio di fumo nordcoreano.

Alla fine di aprile 2018, i leader delle due Coree, Kim Jong Un del nord e Moon Jae In del sud, si sono incontrati a Panmunjom, un villaggio della Corea del Nord dove era stato firmato l’accordo di armistizio del 1953. L’armistizio pose fine ai combattimenti aperti nella guerra di Corea. Ufficialmente, tuttavia, la guerra continua e il trattato di pace non è mai stato firmato.
Nel Villaggio della Pace, Kim e Moon “hanno solennemente proclamato a 80 milioni di coreani e al mondo intero che“ non ci sarà più guerra nella penisola coreana ”ed è iniziata una nuova era di pace.
Poco più di due anni dopo, la Dichiarazione di Panmunjom è stata fatta a pezzi. La Corea del Nord non vede più la Corea del Sud come un partner nel processo di pace.

Che cosa è andato storto?

A Panmunjom, entrambi i governi “hanno concordato di porre fine completamente a tutte le azioni ostili l’una contro l’altra in tutte le sfere tutti i settori, dalla propaganda diffusa con gli altoparlanti alla distribuzione di volantini, che di solito sono trasportati da palloncini. Inoltre, si sono impegnati a intraprendere programmi di disarmo reciproco.
In breve, entrambi i leader si sono impegnati ad astenersi da provocazioni o minacce verso l’altra parte. Questo ovviamente significava che i sudcoreani avrebbero posto fine ai giochi di guerra che mettevano in atto regolarmente con gli Stati Uniti, che i nordcoreani considerano come una prova generale  per un’invasione del loro paese. Inoltre, ciò significava che si sarebbero astenuti dall’acquisire armi nuove e più letali, e invece avrebbero fatto il contrario: iniziare il disarmo.

Il discorso di Capodanno di Kim Jong-un

Il 1 ° gennaio Kim Jong-un ha informato il suo Paese sullo stato dei colloqui di pace con gli Stati Uniti, che ha descrittto come un ulteriore tassello per iniziare una nuova era di pace nella penisola. Attraverso il comando delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti sono parte dell’accordo di armistizio, avevao dispiegato circa 30.000 soldati in Corea del Sud e avevao lanciato una campagna per costringere la Corea del Nord ad abbandonare le armi nucleari.
Kim Jong Un era sconvolto. Mentre Pyongyang ha offerto ai due stati di adottare una serie di misure di rafforzamento della fiducia reciproca, Washington ha perseguito solo una campagna di massima pressione per costringere Pyongyang a rinunciare alle armi nucleari. Questa campagna è sulla scena mondiale come il ginocchio dell’agente di polizia Derek Chauvin sul collo di George Floyd in una strada di Minneapolis: un atto di soffocamento, progettato per ottenere la sottomissione, e anche la morte. L’obiettivo di Washington è quello di privare la Corea del Nord di ossigeno mettendo in scena un blocco quasi totale del paese, usando vertici e altri incontri con i nordcoreani come piattaforma per chiedere la resa della Corea del Nord.

Kim Jong-un ha osservato che mentre interrompeva i suoi test nucleari, sospendeva i suoi test missilistici e chiudeva il suo sito di test nucleari – misure prese per convincere Washington che è sincero nelle sue intenzioni di elaborare una via di coesistenza pacifica a lungo termine con l’Occidente – Washington ha fatto poco in cambio. Al contrario, invece di agire per allentare le tensioni, Washington ha agito per esacerbarle. Ha continuato a condurre esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud (nonostante il fatto che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avesse promesso di sospendere le esercitazioni e che Moon avesse annunciato a Panmunjom che tutte le ostilità contro la Corea del Nord sarebbero terminate).

Washington ha anche intensificato la minaccia militare alla Corea del Nord inviando armi moderne alla Corea del Sud che hanno superato di gran lunga l’intero arsenale convenzionale della Corea del Nord. Inoltre, Washington ha intensificato la sua guerra economica contro la Corea del Nord.
Kim Jong-un ha detto che Washington non era impegnata per la pace e stava semplicemente cercando di guadagnare tempo perché le sanzioni portassero alla resa o al collasso della Corea del Nord. Secondo lui, l’interesse di Washington per il dialogo e i negoziati era puramente teatrale. La Corea del Nord è stata raggirata.

Gli USA hanno fatto di tutto affinchè la Corea del Nord crollasse. Ma quando l’ imminente collasso nordcoreano non si è concretizzata, Washington si è ritirata dall’accordo, pubblicando una virtuale dichiarazione di guerra al governo rivoluzionario, dichiarandolo parte dell’Asse del Male insieme a Iraq e Iran, altri due paesi che hanno anche insistito sulla loro indipendenza dagli Stati Uniti.

Kim Jong-un aveva riconosciuto che la Corea del Nord ha urgente bisogno di pace per fornire lo spazio, il commercio e le risorse necessari per sviluppare l’economia del suo paese. Ecco perché ha accettato di negoziare. Ma non rinuncerà alla sicurezza per guadagno economico.
Il leader nordcoreano ha anche osservato che mentre gli Stati Uniti hanno dichiarato che le loro azioni ostili sono state motivate dalla loro opposizione al programma di armi nucleari della Corea del Nord, la realtà mostra che Washington ha messo in atto una politica ostile incessante, dove l’arsenale nucleare della Corea del Nord è solo in risposta all’ostilità degli Stati Uniti.

La Corea del Nord crede che Washington troverà sempre qualche pretesto contro la Corea del Nord e non abbandonerà mai la sua campagna per distruggere lo stato nordcoreano come stato impegnato a raggiungere la libertà dalla dominazione straniera dei coreani .
Di conseguenza, Kim Jong-un ha concluso che la Corea del Nord deve imparare a vivere sotto le sanzioni per tutto il tempo necessario. Espanderà anche il suo programma di armi strategiche per migliorare la sua capacità di scoraggiare l’aggressione degli Stati Uniti. Secondo Kim Jong-un, l’obiettivo della Corea del Nord è creare una difesa nazionale abbastanza forte da dissuadere qualsiasi potenza dall’usare la sua forza militare contro la Corea del Nord. Ha affermato che i coreani devono essere sufficientemente armati per contenere forze ostili in modo che non osino mai minare la sovranità e la sicurezza coreane.

Il mancato rispetto da parte di Seoul dell’accordo di Panmunjom

Da quando Washington ha concluso i colloqui di pace con Pyongyang, il partner minore di Washington, la Corea del Sud, ha trascurato gli impegni presi da Moon a Panmunjom. Seul ha acquistato avanzati caccia F-35A dagli Stati Uniti, fornendo alla Corea del Sud, già militarmente più avanzata della Corea del Nord, una capacità di combattimento che era anni luce avanti rispetto a qualsiasi cosa la Corea del Nord potesse creare con la sua flotta di [vecchi] MiG. acquisiti dall’Unione Sovietica.
Allo stesso tempo, i sudcoreani hanno permesso ai piloti americani di far volare i loro bombardieri strategici attraverso lo spazio aereo coreano, minacciando i nordcoreani.
E mentre tutto questo accadeva, Seoul ha continuato a partecipare alle esercitazioni militari con gli Stati Uniti, che, come notano i nordcoreani, sono una prova per un’invasione del loro Paese.

L’anno scorso, l’agenzia di stampa ufficiale della Corea del Nord, CTAC, si è lamentata del fatto che la Corea del Sud “ha continuato a importare armi offensive, incluso l’F-35A, e ha condotto esercitazioni militari più aggressive che coinvolgono forze straniere … sostenendo che” non vi è alcun cambiamento nella posizione militare, nonostante l’accordo militare tra il Sud e il Nord “- un riferimento alla promessa della Corea del Sud fatta a Panmunjom di” porre fine a tutte le azioni ostili “che portano a” tensioni e conflitti militari “.
Inoltre, i nordcoreani si sono lamentati della doppiezza delle azioni dei loro compatrioti meridionali. Quando l’esercito sudcoreano smantellò postazioni militari e rimosse le mine terrestri dalla zona smilitarizzata, condusse simultaneamente “esercitazioni militari con forze straniere e consegnò le più recenti attrezzature militari rivolte ai [loro] compatrioti” [cioè i nordcoreani].
Inoltre, nonostante l’ovvio. l’impegno preso a Panmunjom per porre fine alla distribuzione di volantini di propaganda, questa pratica è continuata. Funzionari nordcoreani hanno affermato che i palloncini sono stati rilasciati oltre confine 10 volte nel 2019 e tre volte nei primi sei mesi del 2020. Quando i palloncini sono stati lanciati di nuovo a giugno, la pazienza di Pyongyang era traboccante.

Scintilla lanciata su materiale combustibile accumulato

“Vedendo i palloni ancora in fase di lancio e osservando i rapporti secondo cui le esercitazioni militari congiunte sudcoreane e statunitensi continuano a essere condotte a livello di battaglione e sotto, la Corea del Nord ha visto” la Corea del Sud violare l’accordo intercoreano “, ha spiegato il cancelliere della diplomatica nazionale coreana Accademia di Kim Jung-hyun. “Il malcontento per questo si è accumulato e sembra che ora sia divampato per la questione dei palloncini”.
Parlando di pace, gli Stati Uniti e la Corea del Sud si sono rifiutati di fare marcia indietro dalla loro ostile strategia di massima pressione. Come prima, i due paesi hanno collaborato per esercitare pressioni militari, politiche, economiche e propagandistiche sul governo di Kim Jong-un, mettendo le ginocchia di entrambi questi stati sul collo della RPDC, sperando che lo stato nordcoreano si arrendesse o cessasse di esistere. Kim Jong-un ha stretto amichevolmente le mani aperte di Trump e Moon ai vertici dichiarati “storici”, ma alla fine ha dovuto ammettere che i suoi interlocutori nascondevano contemporaneamente un coltello dietro la schiena.

“Quando diciamo ‘l’imperialismo è feroce'”, osservò una volta Mao, “intendiamo che la sua natura non cambierà mai, che gli imperialisti non deporranno mai i coltelli da macellaio, che non diventeranno mai Buddha fino alla loro morte”. … Combatti, fallisci, combatti di nuovo, fallisci di nuovo, combatti di nuovo. ., fino alla loro vittoria; questa è la logica umana, e nemmeno loro andranno contro quella logica . [

Nonostante le loro alte parole sulla pace, Trump e Moon non sono diventati Buddha.
Questa storia, tuttavia, non viene raccontata in Occidente. Il Wall Street Journal afferma che “Seoul ha da tempo mostrato moderazione con il suo provocatorio vicino settentrionale nella speranza di impegnare Pyongyang in colloqui di pace” e che Moon continua a esortare il “Nord a non rinunciare alla pace”.

Ma come può essere credibile un paese che ospita regolarmente esercitazioni, che imita una aggressione , che aumenta costantemente il suo budget militare, acquisisce sistemi d’arma sempre più letali, collude con la principale potenza militare mondiale in atti di intimidazione incessanti contro il suo vicino e continua a consentire che vengano rilasciati volantini di propaganda che diffamano il suo “partner nel mondo”? “Difficilmente può essere descritto come” uno che mostra moderazione “. Allo stesso modo, non si può descrivere con precisione che un paese del genere “crei le condizioni favorevoli al raggiungimento della pace a condizioni reciprocamente accettabili”.

Pertanto, (i media occidentali), invece di offrirci un resoconto di come entrambe le parti hanno rispettato i loro impegni e quindi evidenziare quale parte ha ottemperato a quanto promesso e quale invece non ha rispettato i loro impegni, ci stanno fornendo una spiegazione per il fallimento dei colloqui di pace coreani. in modo tale da attribuire direttamente tutta la colpa di ciò alle spalle della leadership nordcoreana.

“L’obiettivo a breve termine della Corea del Nord sembra essere quello di distrarre il suo pubblico interno dai problemi economici immediati causati dalle sanzioni statunitensi e dalla diffusione del coronavirus”, scrive Andrew Chung, giornalista coreano del Wall Street Journal. “Designando la Corea del Sud come un nemico, il Nord può attribuire qualsiasi problema interno a una minaccia esterna”.

Ma aspetta. Mentre creano problemi economici alla Corea del Nord imponendo sanzioni sempre più onerose, gli Stati Uniti sono in qualche modo apprezzabili impegnati per la pace nella penisola coreana? Sì, se “pace” significa la distruzione del nemico.

Nella formulazione di Tacito, “il mondo nuovo è la distruzione dell’altra parte” . E poiché i problemi economici della Corea del Nord derivano dal fatto che Washington ha organizzato un blocco economico quasi completo della Corea del Nord, per non parlare della continua pressione militare da parte di Stati Uniti e Corea del Sud, che costringe la Corea del Nord a reindirizzare le scarse risorse necessarie per lo sviluppo economico alle sue forze armate, come può l’accusa di “minaccia esterna nei problemi interni” non essere una valutazione vera e indiscutibile di quanto sta accadendo?

Secondo i media occidentali, facendo saltare in aria l’ufficio di collegamento intercoreano, la Corea del Nord ha ignorato le speranze di pace nella penisola coreana. Ma né Washington né Seoul sono mai stati mai interessati alla pace se non nei termini statunitensi, e i termini statunitensi richiedono la resa completa e l’assorbimento della Corea del Nord nella gerarchia delle nazioni in cui gli Stati Uniti sono al vertice.
La Corea del Nord ha dato la sua risposta a questi piani. Non succederà.

Stephen Govans

 

Exit mobile version