Ecco da dove provengono le notizie e perchè tutti i giornali hanno gli stessi titoli di testa…

Il seguente articolo è di Fischer Verlag , è stato pubblicato il 5 giugno sul blog  anti-Spiegel. L’autore ci parla di ” che è una società che definisce ‘ senza scopi di lucro’ , essa è fornitrice di notizie a ben 500 media in 156 paesi. Leggete e vedete da chi è diretta e chi ne fa parte….

@vietatoparlare.

Chi dirige l’opinione pubblica in Occidente e come

L’opinione pubblica è guidata, questo è il compito dei media. Ci sono un certo numero di organizzazioni praticamente sconosciute per questo scopo. Uno di questi è il Project Syndicate, che vorrei introdurre brevemente qui.

Claus Kleber dell’heute-journal una volta disse che non avrebbe senso affermare che i suoi servizi fossero controllati, dopotutto, nessuno nella redazione lo chiamò per dirgli cosa riferire. Questo è certamente vero, ma d’altra parte lui e altri giornalisti sanno benissimo cosa segnalare se vogliono continuare a fare il lavoro. Naturalmente, non hai bisogno di una chiamata quotidiana “dall’alto”.

Ma anche i “media di qualità” ricevono molto supporto in modo da poter segnalare ciò che si desidera. Il Pentagono da solo ha oltre 27.000 dipendenti il ​​cui unico compito è produrre notizie che poi si fanno strada nelle nostre notizie attraverso le agenzie di stampa. Questa è propaganda per definizione e Claus Kleber non ha problemi a ricevere questi rapporti dal Pentagono da ripubblicare come notizie.

I media stanno lottando con il calo della circolazione e il calo dei ricavi, che ha già portato a ondate di licenziamenti in ogni redazione tedesca. Ma se sempre meno giornalisti dovrebbero “produrre” la stessa quantità di articoli in una redazione, allora questo va inevitabilmente a scapito della ricerca. Non c’è più tempo per questo ed è così. La maggior parte degli articoli sui media tedeschi sono quasi identici nelle parole, compresi i titoli. Il motivo è che prendono letteralmente le notizie dalle agenzie di stampa. Come chiunque può facilmente verificare: inserendo una frase chiave di un articolo di politica internazionale su Google ,  il motore di ricerca, in risposta, mostrerà molti articoli letteralmente identici sui vari media mainstream.

Nel migliore dei casi, l’articolo di un’agenzia di stampa viene riformulato un po’, gli editori di solito non fanno di più di questo. E chi acquista un quotidiano regionale deve sapere che da tempo, la maggior parte degli articoli proviene da una sede centrale dove sono scritti gli articoli per tutti i giornali regionali di una holding di media. Nella migliore delle ipotesi, solo i rapporti su eventi locali meno importanti, sono scritti sul posto.

Quindi c’è una centralizzazione in cui alcune organizzazioni, come il Pentagono, producono “notizie” e le passano alle agenzie di stampa. A loro volta  trasmettono le notizie ai media, che poi è ciò che  leggiamo. La propria ricerca giornalistica non ha quasi più luogo, invece c’è il “copia e incolla”.

Quindi, se vuoi controllare ciò che pubblicano i media, devi controllare ciò che entra nelle agenzie di stampa. E ci sono un certo numero di organizzazioni per questo, il Pentagono è solo una di queste. Il governo degli Stati Uniti ha altre organizzazioni che fanno lo stesso, come USAID , che ricevono miliardi di dollari in budget ogni anno.

Naturalmente ci sono anche produttori privati ​​di notizie, e in questo contesto mi sono imbattuto in un’interessante organizzazione con sede a Praga che si vanta di pubblicare i suoi articoli su 506 media diversi in 156 paesi e 64 lingue. Quindi questa è una macchina enorme che influenza le opinioni di milioni di persone in tutto il mondo attraverso i propri rapporti e tuttavia quasi nessuno ne ha mai sentito parlare. Il nome di questa organizzazione è “Project Syndicate”

Quando mi sono imbattuto in questa organizzazione, ho deciso di ricercare chi fosse in realtà “Project Syndicate”. E il risultato è terrificante. Secondo le sue stesse informazioni , il sindacato è un’organizzazione senza scopo di lucro che vuole dare alle persone di tutto il mondo “accesso alle informazioni”:

“Project Syndicate produce e distribuisce commenti di alta qualità a un pubblico globale. Con contributi esclusivi di importanti leader politici, politici, scienziati, leader aziendali e attivisti civici di tutto il mondo, offriamo ai media e ai loro lettori le analisi e gli approfondimenti più moderni, indipendentemente dalla solvibilità. I nostri membri comprendono oltre 500 media – più della metà dei quali riceve i nostri commenti gratuitamente o a prezzi agevolati – in 156 paesi”.

Ciò che sembra così positivo e disinteressato non significa altro che il Sindacato vuole influenzare ciò che le persone in 156 paesi discutono e il modo in cui pensano a determinate questioni. Non vogliono altro che influenzare l’opinione pubblica globale e venderla come “opera di beneficenza”.

Come sempre, la domanda cruciale è chi c’è dietro “Project Syndicate” e chi lo paga. Se lo sai, allora sai anche quale opinione deve essere trasmessa al pubblico mondiale. E poi diventa difficile. Il sindacato non pubblica rapporti annuali sul suo sito, quindi non sai quanti soldi riceve e da chi. E anche chi l’ha fondato nel 1995 non è chiaro.

C’è solo un elenco di partner che supportano il sindacato sul sito . Questi sono:

“Open Society Foundations, Bill & Melinda Gates Foundation, MasterCard Foundation, European Climate Foundation, European Journalism Center, Children’s Investment Fund Foundation, Mohammed bin Rashid Al Maktoum Knowledge Foundation, Heinrich Böll Foundation, Friedrich-Ebert Foundation, GAM, Google Digital News Initiative, McKinsey Global Institute, Nature Conservancy e Sustainable Development Solutions Network. “

Nel mio nuovo libro ” Impiegati dipendenti – Come i leader politici della Germania agiscono nell’interesse dei veri potenti ” ho trattato molto intensamente il lavoro delle ONG e la questione di come i politici occidentali sono “guidati” dalle ONG e quanto dipendano su queste ONG. Questa lista lo mostra in modo impressionante, perché il Sindacato ha il potere dei media per proteggere un politico o per distruggerlo. Nel mio libro approfondisco questo aspetto e mostro come chi è al potere può alzare o abbassare il pollice su un politico e cosa significa per la sua carriera.

Il libro sarà pubblicato questa settimana e può essere ordinato solo qui direttamente da JK Fischer Verlag .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.