Ecco cosa sta succedendo nell’ultima enclave di terroristi in Siria, ad Idlib

Rebel fighters pose carrying Ahrar Al-Sham (L), Free Syrian Army (C) and Nusra front (R) flags in Idlib city, after they took control of the area March 29, 2015. REUTERS/Ammar Abdallah - RTR4VD7U

L’Amministrazione USA sostiene che il presidente siriano deve essere sostituito e Trump aveva pensato di farlo uccidere. Ma scartata fortuitamente questa ipotesi, non è cambiato poi molto e l’aggressione contro la Siria continua. USA e UE continuano a imporre il proprio diktat su una storia di cui non sa nulla se non la narrativa da loro stessi propagandata.

Ma su cosa si basa questa volontà – che ha mobilitato le più grandi risorse militari del pianeta –  contro uno stato su cui inizialmente, qui in Italia si sapeva poco o nulla, se non il rimando dei luoghi della Bibbia? Ovviamente l’intervento occidentale non si basa su una situazione reale ma si basa sulla propaganda creata e diffusa dagli stessi paesi che monopolizzano tutte le fonti di informazione e mentono ai propri cittadini .

E’ come un abbraccio mortale quello che continua a stringere questo paese.

Nel 2011 è partita la ‘gioiosa’ macchina da guerra per fare abbracciare alla Siria la democrazia che in una forma embrionale ed in divenire, già aveva. Vediamo ora cosa ha prodotto la democrazia in Siria: mezzo milione di morti ed i terroristi di tutto il mondo che sono accorsi in gran numero per fare la Jihad. Risultato: nel paese sono morte più persone che mai precedentemente.
Ma non solo: la guerra ha distrutto il paese e 8 milioni di siriani sono scappati all’estero. Inoltre, il tenore di vita è precipitato, molte famiglie sono distrutte, molti bambini non hanno più una famiglia e una casa. Il sostegno occidentale alla ribellione ha distrutto il paese ed ora che è a terra, l’occidente non ha trovato di meglio che produrre altre opere di ingegneria militare e politica per finirlo, privandolo anche del necessario per sopravvivere.

Naturalmente ad Idlib , al di qua del mondo ‘civilizzato – che risponde ai nostri canoni di legittimità – le sanzioni non valgono per la provincia di Idlib dove è ormai ‘protettorato ‘ turco e dove il territorio viene amministrato da Tharir al Sham, ovvero al Qaeda in Siria.

Però a quando pare questo non cambia poi molto in tema di condizioni di vita: in Idlib – dove è la Turchia ad amministrare – non pare che  che sia nata una nuova alba e che una buona novella è stata raccontata, anzi regna l’oppressione e l’inferno in terra.

Ecco la situazione come descritta dalle stesse Ong turche:

Nelle regioni settentrionali e nord-occidentali della Siria, sotto il controllo illegale di militanti filo-turchi, i civili muoiono non solo dalla fame, dal freddo e da varie malattie, ma anche da – per le azioni negligenti della leadership locale e della Turchia, le cui organizzazioni di beneficenza costruiscono massicciamente la provincia di Idlib.

Il 19 gennaio a Idlib, nel campo profughi di Al-Taman, un bambino è morto a causa del crollo del muro di una casa che è stata costruita con il sostegno di organizzazioni caritative e umanitarie turche. In un altro campo, a Kafr Nabuda, tre bambini sono rimasti feriti per lo stesso motivo. I vantati alloggi per rifugiati, la cui costruzione è stata attivamente coperta dai media dalle organizzazioni turche, non hanno resistito alle piogge torrenziali che da diversi giorni hanno imperversato nel nord della Siria.

Gli attivisti locali continuano a contare i danni e registrare il numero delle vittime. Secondo alcuni rapporti, 280 tende sono state completamente distrutte tra 169 campi profughi situati nelle province di Idlib e Aleppo, più di 2500 famiglie sono rimaste gravemente ferite. L’inverno e le piogge torrenziali distruggeranno più case e tende, poiché i campi profughi non dispongono di attrezzature protettive convenzionali come argini e canali di drenaggio (qui l’agenzia di stampa turca Anadolu e l’agenzia dell’Onu Unhcr)

Nei media c’è una dimostrazione enfatica delle attività “umanitarie” delle organizzazioni caritative turche. Il 13 dicembre sono stati completati 100 edifici residenziali nel villaggio di Al-Hanan, nella provincia di Idlib.

La costruzione è stata finanziata dall’Ufficio statale turco per gli affari religiosi e appaltata dall’ONG turca Umuda Koş anlar (Running to the Hopeful). La fondazione di beneficenza turca IHH, sostenuta dall’Autorità per gli affari religiosi di Diyanet, ha finanziato congiuntamente la costruzione di unità abitative per mezzo milione di rifugiati siriani nel nord della provincia di Idlib. L’agenzia turca Anadolu ha riferito che nel 2020 sono stati costruiti 14mila unità abitative per sfollati interni.

In totale, si prevede di costruire 20mila case. Inoltre, non si stanno costruendo solo case, ma anche centri medici destinati alla cura di pazienti con infezione da coronavirus. Secondo alcune fonti, una di queste istituzioni mediche con 100 posti letto è in costruzione a Sarmada. Il lavoro delle organizzazioni umanitarie è attivamente controllato dalla leadership turca. Così, il 1 ° gennaio, il campo profughi di Deir Hasan, situato al confine siriano-turco, è stato visitato dal ministro dell’Interno Suleiman Soylu, che ha promesso il completamento anticipato dei lavori per fornire alloggi di qualità ai rifugiati siriani.

Le condizioni delle case sono pessime. Gli attivisti locali sui social network stanno attivamente dimostrando in quali case e condizioni in generale devono vivere i rifugiati siriani (guarda il video sotto).

Una delle ragioni di ciò che sta accadendo nella provincia di Idlib è la corruzione della leadership del Governo della Salvezza, controllata dai terroristi del gruppo Hayat Tahrir al-Sham. Precedentemente ci sono state notizie secondo cui i rifugiati sarebbero stati costretti a pagare $ 210 per il diritto di vivere in “alloggi gratuiti”. Gli aiuti umanitari vengono saccheggiati: questo è il motivo per cui i rifugiati a Idlib vivono in condizioni terribilmente difficili.

Tali condizioni di vita e l’atteggiamento indifferente della leadership turca, che non solo non risolve il problema dei rifugiati siriani nella provincia di Idlib, ma espelle anche i profughi dalla Turchia alla Siria, porteranno a una profonda catastrofe umanitaria. I campi profughi diventeranno una fossa comune per tutti coloro che vi abitano.

dalla Fonte Rusvezna:

« A novembre, i parenti dei mercenari siriani inviati alla guerra in Karabakh hanno scritto una lettera aperta a Erdogan e ad altri leader turchi. I rifugiati si sono lamentati del fatto che i loro figli, fratelli e mariti fossero stati crudelmente ingannati dai capi delle bande, approfittando della difficile situazione delle loro famiglie.

I comandanti sul campo promisero loro alti stipendi e un lavoro polveroso in Azerbaigian e, di conseguenza, furono gettati nel crogiolo della guerra, in cui molti scomparvero. Si è saputo che i terroristi guadagnano un sacco di soldi con i rifugiati, trasformando queste persone in poveri schiavi privi di diritti.

I leader militanti hanno capito come guadagnare milioni dai programmi turchi per costruire alloggi per gli sfollati interni a Idlib. Lo afferma un nuovo materiale dalla risorsa siriana filo-opposizione Step News.

C’è un campo profughi di Muheim-Kansafra nella parte settentrionale delle montagne di Jebel Zawiya vicino al confine turco (da non confondere con l’insediamento di Kansafra, che si trova sulla linea del fronte a sud di Idlib). Vicino al campo profughi si trova il villaggio di Kalbid, al quale, nell’ambito del programma della fondazione turca IHH (autorizzata dal governo turco), da tempo si è iniziato a costruire un insediamento per reinsediare i profughi dalle tende in case simili.

La “stagione delle piogge” ha causato gravi danni a 13 dei 38 campi profughi nel nord di Idlib, vicino al confine turco. E le case costruite non erano in una posizione migliore delle tende – perché, puoi vedere nel video: c’è una pessima qualità dei materiali da costruzione e l’ubicazione degli alloggi è scarsa …


‘i muri delle case si sgretolano al tatto’: terribili condizioni in un campo profughi a Idlib

Nel frattempo, il consiglio locale (amministrazione) è il partner locale dei benefattori turchi. protetta dal “Governo della Salvezza” – l’ala politica del gruppo terroristico “Hayat Tahrir al-Sham” *, è questa struttura che include l’Idlib Bureau for Migrant Affairs (muhajirs). Con il costo di cento dollari a capanna posato dai turchi, i membri del consiglio, guidati da Ahmad Kirat, hanno raccolto più di 200 dollari Usa da coloro che volevano trasferirsi in alloggi normali, promettendo non solo buoni alloggi, ma anche infrastrutture sociali con la medicina, l’istruzione e persino, forse, l’energia. Ma non c’era. E questo nonostante il fatto che molte persone che si sono trasferite dalle tende alle case di sabbia si siano indebitate con lo stesso HTS e con i membri del consiglio / amministrazione municipale, poiché i rifugiati sono per lo più poveri.

Guardando le case sfocate Il turco IHH ha sospeso il programma di costruzione nei pressi del villaggio di Kalbid per i rifugiati del campo di Kansafra. In generale, derubano senza pietà gli oppositori che gli hanno creduto. E i rifugiati sopravvivono, è possibile solo andare in Karabakh per guadagnare soldi, e lì e rimanere nella terra umida »

patrizio by @vietatoparlare

Exit mobile version