E riecco i bombardamenti israeliani in Siria: i talebani governano l’Afghanistan ma il laico Assad non può governare la Siria

Rieccoci: Israele questa notte ha lanciato attacchi aerei su un sobborgo di Damasco. Lo riferisce l’agenzia di stampa siriana SANA .

L’attacco areo – missilistico è avvenuto alle 01:26 ora locale di Beirut, nella periferia sud-orientale della capitale siriana. Secondo l’agenzia, la maggior parte dei missili è stata abbattuta dal sistema di difesa aerea. La Siria ha subito solo danni materiali.

Un ruolo importante in esso è stato svolto dal sistema missilistico antiaereo russo “Pantsir” in dotazione alle forze antiaeree di  Damasco .

Media: un missile lanciato dalla Siria è esploso di notte sul mare vicino a Tel Aviv

ll sito Ynet scrive che i residenti di Tel Aviv e della zona circostante la scorsa notte hanno sentito il rumore dell’esplosione di un missile di difesa aerea siriano esploso sul Mar Mediterraneo. L’IDF non ha ancora pubblicato commenti ufficiali su questo argomento.

Poco dopo il servizio televisivo siriano sugli attacchi dell’aviazione israeliana su obiettivi nell’area di Damasco, intorno all’1:35, si è sentita un’esplosione nelle città costiere dell’Israele centrale. Il rumore dell’esplosione è stato segnalato da Tel Aviv, Herzliya, Ramat Gan, Givatayim, Netanya, Rishon LeZion, Bat Yam e altri insediamenti.

L’IDF afferma che sta controllando le informazioni sui missili di difesa aerea siriani che potrebbero raggiungere lo spazio aereo israeliano.

Non si registrano vittime o danni.

E’ da notare che non è la prima volta che i missili di difesa aerea siriani (di solito S-200) raggiungono lo spazio aereo israeliano mentre cercavano di respingere gli attacchi nello spazio aereo siriano.

La fonte SOHR – vicina alle forze antigovernative siriane  – afferma che l’attacco israeliano del 3 settembre è sarebbe stato effettuato su centri di ricerca nell’area di Barze e Jamraya, nella periferia di Damasco. Le informazioni sui danni causati sono in fase di accertamento.

Il servizio stampa dell’IDF tradizionalmente non commenta i messaggi che appaiono sui media stranieri.

Attacchi contro obiettivi in ​​Siria nel 2013-2021 da parte dell’IDF o attribuiti all’esercito israeliano

Dall’elenco che segue (in cui vengono elencati tutti gli attacchi aerei israeliani in Siria dal 2015), si evince che nel 2021 sono stati compiuti dall’aviazione israeliana il maggior numero di attacchi nel periodo considerato. Ovviamente, Israele non ha mai attaccato l’ISIS o le altre forze jihadiste che potrebbero trasformare la Siria da paese laico tollerante e multietnico, come piace tanto all’occidente, in un emirato stile Afghanistan dei talebani.

Sarebbe ora che i media – e chi ha in mano la narrativa corrente e la diffonde ancora ostinatamente -, dicessero finalmente le vere finalità di ciò che succede , ovvero che eventi catastrofici (come la fame nel mondo) e le guerre,  non sono casuali eventi sociali, ma sono solo l’esito di politiche ben precise e programmate.

Questa mia affermazione sembra un paradosso ma è in linea con la mia affermazione non peregrina: i talebani governano l’Afghanistan ma il laico Assad non può governare la Siria

(l’elenco potrebbe essere incompleto e impreciso, gli attacchi di rappresaglia dell’IDF contro i gruppi terroristici in territorio siriano non vengono presi in considerazione)

anno 2021 
3 settembre. Raid aerei  nei sobborghi di Damasco hanno colpito i centri di ricerca dove sono sviluppate armi indispensabili per la lotta al terrorismo e agli agenti stranieri.

19 agosto. Un colpo è stato inferto a un bersaglio vicino a Damasco. Secondo il SOHR, i magazzini e le postazioni di Hezbollah sono stati attaccati e quattro militanti sono stati uccisi.

17 agosto. Un obiettivo è stato colpito nell’area di Quneitra, vicino al confine israeliano. Secondo il SOHR, è stata attaccata una struttura di Hezbollah.

19 luglio . Gli attacchi sono stati effettuati contro obiettivi nella provincia di Aleppo, nel nord della Siria. Secondo il SOHR, i depositi di armi iraniani sono stati attaccati.

8 giugno . Attacchi contro obiettivi nell’area dell’aeroporto internazionale di Damasco e in altre parti della Siria. Almeno cinque militari siriani e tre combattenti stranieri sono stati uccisi, secondo SOHR.

5 maggio . Colpito un obiettivo nella regione di Latakia, nel nord-ovest della Siria. SANA dice che un impianto di plastica è stato attaccato e ci sono vittime.

22 aprile . In risposta a un tentativo di attacco missilistico dalla Siria, l’IDF ha lanciato una serie di attacchi contro obiettivi a est di Damasco. Sono stati causati danni significativi.

8 aprile . I media siriani hanno riferito che l’esercito israeliano ha attaccato obiettivi vicino a Damasco. Secondo SOHR, il deposito di armi è stato distrutto, ci sono morti e feriti.

28 febbraio . I media siriani hanno riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato obiettivi a sud di Damasco.

15 febbraio . I media siriani hanno riferito che l’IDF ha lanciato missili contro obiettivi vicino a Damasco. Sono stati attaccati depositi di armi di militanti filo-iraniani. Il SOHR riporta nove morti.

11 febbraio . Un convoglio di camion che trasportava armi dall’Iraq alla Siria per le milizie filo-iraniane è stato attaccato al confine siro-iracheno.

3 febbraio . Attacco aereo contro obiettivi nell’area di Quneitra.

22 gennaio . Attacco aereo contro obiettivi nel governatorato di Hama.

13 gennaio . Attacco aereo contro obiettivi nella Siria orientale. Almeno 23 morti.

6 gennaio . Attacco aereo su obiettivi vicino a Damasco. Secondo il SOHR, Hezbollah e le forze filo-iraniane sono state attaccate e circa 15 persone sono state uccise o ferite.

anno 2020

30 dicembre . Attacco aereo su obiettivi vicino a Damasco. SANA riporta soldati uccisi e feriti. Secondo il SOHR, i depositi di missili e munizioni di Hezbollah sono stati attaccati.

25 dicembre . Attacco aereo contro obiettivi nell’area di Masyaf. SOHR: L’aviazione israeliana ha distrutto i magazzini e la sede del centro di ricerca delle fabbriche militari, dove si trovavano le milizie iraniane (almeno sei di loro sono state uccise).

26 novembre . Il gruppo di monitoraggio SOHR ha riferito che a seguito di un attacco aereo inflitto da combattenti non identificati su obiettivi di gruppi filo-iraniani al confine con l’Iraq, almeno 20 militanti sono stati uccisi, sono stati causati danni significativi a infrastrutture, edifici e veicoli sono stati distrutti. Gli obiettivi attaccati erano nelle campagne vicino ad Abu Kemal, a est del centro amministrativo di Deir az-Zor e nella valle di Al-Jalab.

22 novembre . Un raid aereo è stato lanciato contro obiettivi nell’area di Al-Bukamal, nella Siria orientale. Il SOHR riferisce di 15 milizie non siriane uccise. Secondo SOHR, l’attacco è stato effettuato dall’aviazione israeliana.

18 novembre . L’IDF ha attaccato installazioni militari in Siria appartenenti alla Forza Quds iraniana e all’esercito siriano. Ci sono morti e feriti (secondo SOHR, sono stati uccisi almeno 10 soldati e militanti). I media hanno riferito che il sistema di difesa aerea siriano Pantsir-S1 di fabbricazione russa è stato distrutto. Gli scioperi sono stati effettuati in risposta a un tentativo di sabotaggio alla frontiera.

21 ottobre . L’IDF ha attaccato Hezbollah e l’esercito siriano nella zona di Quneitra. Secondo SOHR, ci sono stati uccisi e feriti. Le strutture attaccate sono state utilizzate dall’esercito siriano e dai militanti di Hezbollah per raccogliere informazioni sui movimenti dell’IDF nel Golan.

14 settembre . Il SOHR riferisce che aerei da combattimento, presumibilmente dell’aeronautica israeliana, hanno attaccato postazioni di miliziani filo-iraniane nell’area di Al-Bukamal (provincia di Dir al-Zour, nella Siria orientale, vicino al confine con l’Iraq). Secondo SOHR, almeno 10 sono stati uccisi.

11 settembre . Damasco afferma che l’aeronautica israeliana ha attaccato obiettivi nell’area vicino ad Al-Safira (a est di Aleppo, nel nord della Siria).

3 settembre . Attacchi aerei contro obiettivi nella Siria orientale, nelle aree di Al-Bukamal e Al-Mayadin. Sono stati attaccati oggetti di militanti filo-iraniani. SOHR: almeno 16 morti.

2 settembre . Gli attacchi sono stati consegnati a obiettivi presso l’aeroporto militare T4 di Homs. Sono stati causati danni significativi. Secondo SOHR, ci sono vittime e feriti.

31 agosto . Attacco aereo contro obiettivi nel sud della Siria. SOHR: Almeno cinque militanti uccisi. Sono stati causati danni significativi.

19 luglio . Un attacco missilistico è stato lanciato contro obiettivi militari nelle vicinanze di Damasco. Le autorità siriane affermano che l’attacco è stato effettuato dall’IDF.

17 luglio . Aerei non identificati hanno attaccato gli obiettivi delle milizie filo-iraniane nei pressi dell’insediamento di Salihiya, nell’area di Al-Bukamal.

28 giugno . Aerei non identificati hanno attaccato obiettivi delle milizie filo-iraniane nell’area di Al-Bukamal. Secondo SOHR, circa 10 persone sono state uccise nell’attacco dell’aeronautica israeliana.

27 giugno . Aerei non identificati hanno attaccato obiettivi dell’esercito siriano e della milizia filo-iraniana nel villaggio di Al-Abbas vicino alla città di Al-Bukamal. Almeno sei persone sono state uccise nell’attacco dell’aeronautica israeliana, secondo SOHR.

23 giugno . L’esercito siriano ha detto che le forze di difesa aerea hanno respinto l’attacco nell’area di Al-Sueida, ma che ci sono morti e feriti. Secondo il canale televisivo Al-Arabiya, l’obiettivo dell’attacco era la base delle forze filo-iraniane, a cui in mattinata è stato consegnato un carico militare dall’Iran. SOHR: attacchi aerei hanno preso di mira obiettivi militari iraniani e siriani a Tal al-San vicino ad Al-Sueida e Qabbaj vicino a Dir al-Zur, uccidendo almeno sette persone.

7 giugno . Droni non identificati hanno attaccato il quartier generale della milizia iraniana alla base di Maizilah, nella parte orientale del governatorato di Dir az-Zur. Secondo SOHR, sono stati causati danni significativi, almeno 12 militanti del gruppo filo-iraniano sono stati uccisi.

4 giugno . Una struttura militare iraniana è stata attaccata nell’area della città di Masyaf, a ovest di Hama. Sono stati causati danni significativi. Il SOHR riporta almeno nove morti.

4 maggio . Un colpo è stato inferto a un oggetto delle milizie filo-iraniane nel deserto di al-Mayadin (governatorato di Dir az-Zur), al confine siro-iracheno. Secondo SOHR, 14 iraniani e iracheni sono stati uccisi.

4 maggio . Attaccato un centro di ricerca militare nella provincia di Aleppo, nella regione di Al-Safir. Damasco ha incolpato Israele.

1° maggio . SOHR: l’aeronautica israeliana ha attaccato i magazzini di Hezbollah a Homs. Il comando dell’esercito siriano: non è stato un attacco, è stata un’esplosione di munizioni durante il trasporto a causa di un errore.

1° maggio . Gli elicotteri israeliani  hanno attaccato diversi obiettivi nell’area di Quneitra. Nessun morto o ferito. Danni materiali causati.

27 aprile . Attacchi missilistici sono stati lanciati dallo spazio aereo libanese contro obiettivi vicino a Damasco. Gli obiettivi delle forze iraniane e degli Hezbollah libanesi sono stati attaccati. Almeno sette morti, secondo SOHR.

20 aprile . Nella provincia di Homs è stato attaccato un oggetto situato a nord dell’aerodromo dell’aviazione siriana “Et-Tiyas”. Secondo il SOHR, è stata attaccata una base della milizia filo-iraniana, 12 persone sono state uccise.

15 aprile . Nella zona dello svincolo di Yabus, tra Damasco e il confine libanese, un’auto è stata distrutta da un raid aereo. SOHR afferma che l’attacco è stato effettuato da un UAV israeliano. Nessun danno fatto. Al Arabiya ha detto che l’obiettivo era il leader militante di Hezbollah Mustafa Murniya.

31 marzo . I media siriani hanno riferito che l’aviazione dell’IDF dallo spazio aereo libanese ha attaccato obiettivi nella provincia di Homs. Più tardi si è saputo che gli oggetti alla base aerea di Shayrat sono stati attaccati. Israele non ha rivendicato la responsabilità di questo attacco.

11 marzo . UAV non identificati hanno attaccato obiettivi alla base del gruppo sciita filo-iraniano Kataib Imam Ali (Imam Ali Battaglion) nella regione di Al-Bukamal nella Siria orientale, vicino al confine con l’Iraq. Il SOHR riferisce che 18 morti, secondo una delle versioni di questo gruppo di monitoraggio, l’attacco potrebbe essere stato effettuato dagli israeliani. L’IDF non commenta. I media iracheni e libanesi hanno poi affermato che l’attacco è stato effettuato dagli americani.

5 marzo . Obiettivi militari sono stati attaccati nell’area della città di Homs e nel governatorato di Quneitra. Secondo i media, l’attacco è stato effettuato presso il quartier generale di Hezable, situato sul territorio dell’aeroporto militare di A-Debaa. Secondo quanto riferito, gli attacchi contro obiettivi siriani hanno ucciso una persona e ne hanno ferite quattro. L’IDF non ha commentato i resoconti dei media siriani.

2 marzo . L’IDF ha colpito un’auto nel sud della Siria dopo che è stato registrato il fuoco di un cecchino dal lato siriano. Il servizio stampa dell’IDF ha confermato questa informazione. Il 17 marzo, l’IDF ha rilasciato i dettagli dell’attacco.

28 febbraio . SANA e SOHR affermano che gli elicotteri dell’IDF hanno attaccato obiettivi dell’esercito governativo siriano e delle forze armate alleate (Hezbollah) nel sud della Siria. Ci sono morti e feriti. L’IDF non commenta queste informazioni.

27 febbraio . SANA afferma che un UAV israeliano ha attaccato un’auto nel sud della Siria, vicino al villaggio di Hadar, uccidendo una persona. Secondo quanto riferito, il capo delle infrastrutture di Hezbollah in Siria è stato liquidato. L’IDF non commenta queste informazioni.

23 febbraio . Scioperi sono stati fatti su obiettivi nell’area di Damasco. Il SOHR dice che si tratta di un attacco dell’aeronautica israeliana. L’IDF ha confermato che le strutture della Jihad islamica sono state attaccate in Siria e due militanti di questo gruppo terroristico sono stati uccisi.

13 febbraio . Sono stati sferrati attacchi contro obiettivi delle forze filo-iraniane a sud di Damasco, compresi depositi di armi. Secondo il SOHR, almeno sette persone sono state uccise: quattro “ufficiali iraniani” e tre siriani, tra cui due ufficiali dell’esercito regolare.

6 febbraio . Un raid aereo è stato lanciato contro obiettivi nell’area di Damasco. SOHR afferma che almeno 23 persone sono state uccise: tre iraniani, 12 milizie iraniane e otto siriani.

14 gennaio . L’attacco è stato effettuato all’aeroporto militare T4 nella provincia di Homs. Il sistema di difesa missilistico è stato attivato.

10 gennaio . Rapporti SOHR: aerei non identificati hanno attaccato le posizioni di formazioni armate filo-iraniane nell’area della città di Al-Bukamal al confine siro-iracheno. Il canale televisivo libanese Al-Mayadin, associato a Hezbollah, sostiene che si sia trattato di un attacco dell’aviazione israeliana. Secondo il canale televisivo, un camion con armi in viaggio dall’Iraq alla Siria è stato distrutto. Il SOHR rivendica un attacco su larga scala che ha colpito veicoli e depositi di armi, uccidendo almeno otto militanti della milizia paramilitare Al-Hashd al-Shaabi.

9 gennaio . Rapporti SOHR: aerei non identificati hanno attaccato obiettivi nell’area di Al-Jala e Al-Abbas, vicino ad Al-Bukamal.

8 gennaio . Rapporti SOHR: Aerei non identificati hanno attaccato obiettivi nel villaggio di Al-Majawda, vicino ad Al-Bukamal, dove sono di stanza le milizie filo-iraniane. Quel giorno, nella regione di Al-Sambli, vicino ad Al-Bukamal, c’è stato un trasferimento di armi pesanti e veicoli corazzati dalle milizie filo-iraniane agli Hezbollah libanesi.

4 gennaio . Gli aerei hanno attaccato le postazioni delle milizie filo-iraniane nell’area della città di Al-Bukamal al confine siro-iracheno. Non sono state segnalate vittime.

anno 2019

25 dicembre . UAV non identificati hanno attaccato la sede dell’organizzazione Hezbollah e le posizioni delle milizie filo-iraniane nell’area della città di Al-Bukamal al confine siro-iracheno. Il SOHR riporta cinque morti.

22 dicembre . Un attacco missilistico è stato lanciato contro obiettivi vicino a Damasco. SANA annuncia che le difese aeree siriane stanno respingendo un attacco israeliano. Il SOHR riferisce che sono stati colpiti obiettivi del regime di Assad e delle milizie iraniane, uccisi almeno tre “non siriani”.

8 dicembre . Attacchi aerei su postazioni di forze iraniane e milizie filo-iraniane alla periferia della città di Al-Bukamal, al confine siro-iracheno. Almeno cinque persone sono state uccise, secondo SOHR.

4 dicembre . Esplosioni vicino alla base aerea di Hamadan nella provincia di Dir az-Zur. L’obiettivo dell’attacco aereo era un magazzino di armi sul territorio dell’aeroporto. I media hanno notato che poco dopo questo attacco, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, mentre si trovava in Portogallo, ha dichiarato: “Siamo costretti a resistere costantemente all’aggressione iraniana”.

20 novembre. L’IDF ha attaccato dozzine di installazioni militari in Siria appartenenti alla Forza Quds iraniana e all’esercito siriano. Sono stati inflitti danni considerevoli, ci sono morti e feriti. Israele ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, sottolineando che si trattava di un’azione di rappresaglia a seguito di un attacco missilistico in territorio israeliano dalla Siria.

19 novembre. Esplosioni nella zona dell’aeroporto di Damasco. Il SOHR afferma che gli attacchi sono stati lanciati dall’IDF in risposta agli attacchi missilistici sul territorio israeliano. Israele non si assume la responsabilità.

18 novembre. Un colpo è stato inferto a un bersaglio nell’area di Al-Bukamal, al confine tra Siria e Iraq. Damasco e Mosca affermano che l’attacco è stato effettuato dall’aviazione israeliana attraverso lo spazio aereo giordano.

12 novembre. Nella regione di Al-Mazeh, a Damasco, è stato effettuato un attacco aereo contro la casa del comandante delle Brigate Al-Quds (Jihad islamica) Akram al-Ajuri. È stato ferito, suo figlio Muaj e Abdullah Yusuf Hasan, entrambi attivisti della Jihad islamica, sono stati uccisi e altri sei sono rimasti feriti. Israele non si è assunto la responsabilità di questo attacco. Ma il ministro della Difesa israeliano Naftali Bennett ha dichiarato in un’intervista a NEWSru.co.il nel febbraio 2020 che l’attacco è stato effettuato dall’IDF.

28 settembre. Un attacco aereo è stato inflitto alle posizioni del gruppo Al-Hashd al-Shaabi nell’area del valico di frontiera di Al-Bukamal.

18 settembre. Un attacco aereo è stato inflitto alle posizioni del gruppo Al-Hashd al-Shaabi nell’area del valico di frontiera di Al-Bukamal. Almeno 10 persone sono state uccise, secondo Sky News Arabia.

16 settembre. Un attacco aereo è stato inflitto alle posizioni del gruppo Al-Hashd al-Shaabi nell’area del valico di frontiera di Al-Bukamal. Secondo SOHR, almeno 10 persone sono state uccise.

9 settembre. Un attacco aereo è stato inflitto alle forze iraniane e filo-iraniane nell’area di Al-Bukamal, nella Siria orientale, vicino al confine con l’Iraq. Israele non si è assunto la responsabilità.

24 agosto . L’aviazione dell’IDF ha colpito obiettivi nel villaggio di Aqraba, situato a sud-est della capitale siriana. L’attacco è stato diretto contro combattenti delle Forze Al-Quds del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane e militanti dei gruppi armati sciiti, sostenuti dall’Iran, che stavano preparando un attacco terroristico contro obiettivi israeliani.

15 agosto. La Siria ha annunciato che stava respingendo un attacco missilistico contro un obiettivo nell’area di Masyaf.

1 agosto. SANA ha riferito di un attacco missilistico dell’IDF su un obiettivo a ovest di Quneitra.

24 luglio. L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che l’IDF ha attaccato un obiettivo nella provincia di Daraa, nel sud del Paese.

1 luglio. Secondo una dichiarazione del ministero della Difesa siriano, aerei dell’IDF e navi della marina israeliana hanno lanciato attacchi missilistici su obiettivi nelle vicinanze di Damasco, così come a Homs. Si registrano numerose vittime e decine di feriti. Danni significativi sono stati causati alle installazioni militari. Uno dei missili della difesa aerea siriana è caduto sul territorio di Cipro del Nord.

12 giugno. L’agenzia statale siriana SANA ha riferito che l’IDF ha lanciato un attacco missilistico contro un obiettivo nella zona di Tel al-Khara (provincia di Daraa).

3 giugno. Damasco afferma che l’IDF ha colpito obiettivi all’aeroporto militare T4, a est di Homs. Secondo il SOHR, sono stati attaccati magazzini e basi militari del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana, almeno cinque sono stati uccisi.

2 giugno. In risposta al bombardamento del territorio israeliano, l’IDF ha colpito obiettivi militari in Siria. L’aviazione dell’IDF ha attaccato diverse installazioni militari dell’esercito siriano: due batterie di artiglieria, una serie di posti di osservazione e ricognizione e una batteria di difesa aerea SA-2. SANA riferisce di tre soldati siriani uccisi e sette feriti. Il SOHR afferma che l’IDF ha anche attaccato obiettivi iraniani e di Hezbollah a sud di Damasco.

27 maggio . In risposta al bombardamento di un aereo dell’IDF nello spazio aereo israeliano, un’installazione di difesa aerea è stata colpita nell’area di Quneitra. L’esercito siriano ha riferito che un soldato è stato ucciso e altri due sono rimasti feriti a seguito dell’attacco. Il SOHR ha annunciato la morte di due militari siriani.

18 maggio . I media siriani e il SOHR riportano un altro attacco dell’IDF su obiettivi a sud di Damasco.

17 maggio . I media statali siriani hanno riferito di diversi razzi lanciati da Israele da Quneitra. Il SOHR afferma che ci sono state almeno tre esplosioni a sud-ovest di Damasco, dove si trovano le basi di Hezbollah e delle milizie filo-iraniane.

13 aprile . I media statali siriani hanno riferito di attacchi contro un obiettivo nell’area della città di Masyaf a ovest di Hama. Secondo l’opposizione siriana, la base di Hezbollah è stata attaccata. Si segnalano edifici distrutti e sei feriti.

27 marzo . I media statali siriani hanno riferito di attacchi all’aeroporto militare di Sheikh Najar e alla zona industriale vicino ad Aleppo. L’agenzia di stampa SANA ha scritto che, presumibilmente, l’attacco è stato effettuato dall’aviazione israeliana.

11 febbraio . I media statali siriani affermano che i carri armati dell’IDF hanno sparato contro obiettivi nella provincia di Quneitra. Fonti non ufficiali siriane riferiscono che gli attacchi sono stati effettuati alle posizioni di Hezbollah sia da terra che dall’aria. Il fatto dello sciopero è stato confermato dalla leadership israeliana.

21 gennaio . L’IDF ha inferto un duro colpo agli obiettivi delle forze armate iraniane nelle vicinanze di Damasco, inoltre, le difese aeree siriane sono state attaccate, cercando di interferire con le azioni dell’aviazione israeliana. Sono stati causati danni significativi. Il SOHR riferisce che decine di militari siriani e iraniani sono stati uccisi.

20 gennaio . Damasco e Mosca affermano che l’aviazione israeliana ha attaccato obiettivi nell’area aeroportuale vicino a Damasco, ma questo attacco è stato respinto dalle difese aeree siriane. Israele non commenta queste informazioni. Poco dopo la notizia dell’attacco, un sistema di difesa missilistico israeliano ha intercettato un missile lanciato dalla Siria.

12 gennaio . I media siriani riferiscono di attacchi contro obiettivi nelle vicinanze di Damasco e ad Al-Kisuy. Secondo SANA, depositi di armi sono stati attaccati. Fonti dell’opposizione affermano che gli aerei cargo iraniani sono stati eliminati all’aeroporto di Damasco. Il 13 gennaio, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha confermato l’attacco ai magazzini iraniani in Siria.

anno 2018 

25 dicembre . I media siriani riferiscono di un attacco a strutture nelle vicinanze di Damasco. Secondo SANA, depositi di armi sono stati attaccati. Feriti tre soldati siriani.

29 novembre. Il canale televisivo Al-Arabiya ha riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato una base militare iraniana nel sud della Siria, che conteneva un deposito di armi e un posto di comando. I media siriani hanno riferito che la difesa aerea aveva respinto “l’aggressione nemica”.

22 novembre. Secondo l’agenzia di stampa Step, un aereo militare, ritenuto israeliano, ha attaccato un obiettivo vicino a Dir al-Zur (Siria orientale), uccidendo due iraniani o membri della milizia filo-iraniana.

Ottobre (data esatta sconosciuta). Secondo Can Bet, l’aviazione dell’IDF ha attaccato una struttura in Siria e ha interrotto la consegna di armi missilistiche di precisione a Hezbollah dall’Iran. Potrebbe esserci stato un altro colpo a un obiettivo in Siria a ottobre.

17 settembre. Un magazzino con armi destinate a Hezbollah è stato distrutto a est di Latakia.

15 settembre. In tarda serata, i media siriani hanno riferito dell’attacco dell’aviazione israeliana nella zona dell’aeroporto di Damasco.

5 settembre In tarda serata, i media siriani hanno riferito che gli aerei israeliani hanno attaccato un obiettivo (o più obiettivi) nel governatorato di Aleppo.

4 settembre. I media siriani hanno riferito degli attacchi dell’aviazione dell’IDF su obiettivi militari nelle province di Hama e Tartous. Secondo dati non ufficiali, ci sono morti e feriti.

2 settembre. I media siriani hanno riportato forti esplosioni all’aeroporto militare di Mezze vicino a Damasco. Hezbollah TV e SOHR affermano che si tratta di un attacco missilistico israeliano.

2 agosto. I media siriani affermano che l’aviazione dell’IDF ha preso di mira le basi militari siriane e iraniane a ovest di Damasco. Secondo informazioni non ufficiali, ci sono vittime.

22 luglio. I media siriani e libanesi hanno riferito che gli aerei dell’IDF hanno attaccato un impianto di difesa nei sobborghi della città siriana di Masyaf nel governatorato di Hama.

15 luglio. I media statali siriani e Hezbollah TV hanno affermato che l’aviazione dell’IDF ha attaccato un obiettivo all’aeroporto di Neirab vicino ad Aleppo. Secondo varie fonti, è stato attaccato un magazzino o quartier generale delle forze iraniane.

12 luglio. Il servizio stampa delle forze di difesa israeliane ha pubblicato un messaggio secondo il quale l’IDF ha attaccato tre postazioni militari in Siria.

8 luglio La televisione di stato siriana ha riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato l’aeronautica siriana a Tiyas (T4), situata a 4 chilometri a sud-ovest di Tiyas nella provincia di Homs.

26 giugno. La televisione di stato siriana ha riferito che due razzi israeliani sono caduti vicino all’aeroporto internazionale di Damasco. Un aereo iraniano che trasportava armi per Hezbollah o un deposito di armi di Hezbollah sarebbe stato attaccato.

17-18 giugno. Un attacco aereo su una base nella Siria orientale, vicino al confine con l’Iraq, ha ucciso decine di milizie sciite e membri dell’esercito siriano. Damasco ha incolpato dell’attacco gli Stati Uniti e la coalizione occidentale. Il Pentagono ha dichiarato di non essere coinvolto nell’attacco. Fonte a Washington: l’attacco è stato effettuato dall’aviazione israeliana.

29 maggio. Sky News Arabia riporta che la scorsa notte l’aviazione dell’IDF ha attaccato una base di Hezbollah vicino alla città di Al-Qusayr nella provincia di Homs, uccidendo un alto comandante.

24 maggio. Un attacco missilistico è stato lanciato dall’alto su obiettivi presso la base aerea di Al-Dabaa nella provincia di Homs, nella Siria occidentale, dove hanno sede Hezbollah e le forze iraniane. Damasco ha incolpato Israele. All’inizio della giornata è stata attaccata la base aerea di Hamdan nella Siria orientale, vicino al confine con l’Iraq.

21 maggio. Esplosioni in una base iraniana nella regione del Naj, a sud di Damasco. Danni significativi sono stati causati alla sede dell’unità di guerra elettronica del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche e all’edificio della Scuola di sicurezza dello Stato.

18 maggio. Gli attentati contro una base militare iraniana vicino all’aeroporto nella città siriana di Hama, secondo Sky News e SOHR, hanno ucciso 57 iraniani e 11 siriani. Damasco e Teheran non hanno incolpato Israele. Anche se alcuni media siriani hanno suggerito che si tratta di un sabotaggio preparato dagli israeliani.

10 maggio. In risposta al bombardamento iraniano del territorio israeliano, è stato sferrato un massiccio attacco contro obiettivi in ​​Siria. L’IDF afferma che sono stati attaccati più di 50 obiettivi, compresi i sistemi di difesa aerea siriani.

8 maggio Attacchi missilistici sono stati effettuati su obiettivi militari nell’area di Al-Qisua a sud-ovest di Damasco. Presumibilmente l’obiettivo dell’attacco erano i missili iraniani diretti verso il territorio israeliano. Apparentemente, un tentativo degli iraniani di attaccare Israele è stato sventato.

30 aprile. Attacchi missilistici sono stati effettuati su basi militari a nord di Homs e nella provincia di Hama, nonché vicino ad Aleppo. Decine di persone uccise, compresi specialisti militari iraniani. I media hanno riferito della distruzione di 200 missili in Siria. Dopo questo attacco, il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei ha affermato che d’ora in poi gli iraniani si vendicheranno contro Israele se gli israeliani attaccano obiettivi iraniani in Siria. L’11 maggio l’IDF ha rivendicato la responsabilità di questo attacco.

17 aprile. I media statali siriani annunciano tentativi di attacco missilistico alle basi aeree di Shayrat, T-4 e Dumair, che sono stati respinti con successo dalle difese aeree siriane. Il sito web pro-Assad Al-Masdar afferma che l’attacco è stato tentato da Israele. Interfax e DPA, citando fonti in Siria, affermano che non c’è stato nessun attacco missilistico, la difesa aerea siriana ha reagito al falso allarme.

9 aprile. Attacco missilistico alla base T-4 in Siria. Damasco rivendica danni significativi, morti e feriti. Il SOHR riferisce di 14 morti, compresi consiglieri iraniani. Il ministero della Difesa russo ha affermato che l’attacco è stato effettuato dall’aviazione israeliana.

10 febbraio . L’IDF ha attaccato le strutture iraniane presso la base T-4 in Siria dopo aver lanciato un UAV verso Israele (il drone è stato abbattuto; durante l’operazione, un aereo F-16 israeliano è caduto a causa delle azioni della difesa aerea siriana, il piloti sopravvissuti). Le strutture iraniane basate sul T-4 hanno subito danni significativi.

7 febbraio . I media stranieri hanno riferito di un attacco aereo dell’IDF su un centro di ricerca nella campagna a ovest di Damasco. I media ufficiali siriani hanno riferito che le difese aeree hanno reagito a “una nuova aggressione israeliana).”

16 gennaio . Sono state pubblicate informazioni sull’attacco dell’aviazione israeliana alla struttura di Hezbollah presso l’aeroporto militare di Mezze, vicino a Damasco. Non ci sono conferme ufficiali.

10 gennaio . Sono state ricevute informazioni sulla distruzione del convoglio di Hezbollah nella regione di Zabadani. Non ci sono conferme ufficiali.

9 gennaio . Fonti siriane riferiscono di un attacco aereo contro un obiettivo in una base ad al-Qatif, a nord di Damasco. Il comando dell’esercito siriano rivendica i danni causati e che tre missili sarebbero stati abbattuti dalla difesa aerea dell’esercito siriano.

anno 2017 

23 dicembre . I media libanesi e russi riferiscono che l’aviazione dell’IDF ha attaccato una struttura militare nella regione di Quneitra, nel sud-ovest della Siria.

4 dicembre . Un attacco missilistico è stato lanciato contro un centro di ricerca militare a Jumbrai, vicino a Damasco. I media statali siriani affermano che le difese aeree hanno abbattuto tre dei sei missili israeliani.

2 dicembre . I media libanesi hanno riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato obiettivi militari 15 chilometri a sud-ovest di Damasco. La base militare iraniana in costruzione è stata probabilmente attaccata. Il canale televisivo Al-Mustakbal ha riferito di 12 iraniani uccisi.

1 novembre . I media libanesi hanno riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato diversi obiettivi in ​​Siria. Presumibilmente, è stata attaccata una fabbrica di armi e/o un deposito di armi destinate a Hezbollah.

21 ottobre . In risposta all’ennesimo bombardamento dal territorio siriano, l’IDF ha colpito tre pezzi di artiglieria dell’esercito siriano.

19 ottobre . In risposta alla caduta di un proiettile sul territorio israeliano, l’aviazione dell’IDF ha colpito le posizioni dell’esercito siriano nell’area di Quneitra.

16 ottobre . L’aviazione israeliana ha distrutto una batteria SAM S-200 situata a est di Damasco in risposta a un tentativo di bombardamento di aerei israeliani nello spazio aereo libanese.

22 settembre . Fonti dell’opposizione siriana hanno affermato che l’aviazione israeliana ha attaccato un obiettivo all’aeroporto di Damasco.

19 settembre . Fonti arabe hanno affermato che l’aviazione israeliana ha attaccato quattro obiettivi vicino a un aeroporto militare vicino alla città di Hamat.

7 settembre . Un oggetto vicino alla città di Masyaf è stato attaccato. Fonti dell’opposizione siriana affermano che l’aviazione israeliana ha distrutto uno stabilimento che sviluppava armi chimiche e biologiche. Il fatto dell’attacco a una struttura militare vicino a Masyaf è stato confermato da Damasco, con due soldati uccisi e danni significativi segnalati.

2 luglio . Le forze di difesa israeliane hanno attaccato una postazione di artiglieria dell’esercito governativo siriano nelle alture settentrionali del Golan. Questo sciopero era in risposta al colpo di mortaio sulle alture del Golan.

30 giugno . L’IDF Air Force ha reagito contro il punto di fuoco, da dove è stato sparato il colpo di mortaio delle alture del Golan.

28 giugno . In risposta alla caduta di un colpo di mortaio nel Golan, l’IDF ha sparato in una postazione di fuoco dell’esercito siriano.

26 giugno . Le forze di difesa israeliane si sono vendicate contro le posizioni dell’esercito siriano dopo un altro colpo di mortaio sul territorio israeliano delle alture del Golan.

25 giugno . In risposta alla caduta di colpi di mortaio nel territorio israeliano delle alture del Golan, l’IDF ha lanciato una serie di attacchi contro le posizioni dell’esercito di Assad.

24 giugno . In risposta alla caduta di colpi di mortaio sulle alture del Golan, l’IDF ha attaccato le posizioni dell’esercito siriano.

27 maggio . È stato colpito un obiettivo a nord di Quneitra. Ci sono uccisi. I media dell’opposizione siriana affermano che si tratta di un attacco di un UAV israeliano. Hezbollah nega.

27 aprile . Potenti esplosioni nell’area dell’aeroporto di Damasco. L’opposizione siriana annuncia un altro attacco dell’IDF. Distrutti i magazzini di Hezbollah.

23 aprile . Al Jazeera afferma che l’aviazione dell’IDF ha attaccato obiettivi in ​​Siria. Damasco afferma che tre militanti sono stati uccisi nell’area di Quneitra.

21 aprile . L’IDF ha attaccato le posizioni dell’esercito siriano in risposta al colpo di mortaio sul territorio israeliano.

7 aprile . I media dell’opposizione siriana affermano che l’aviazione israeliana ha attaccato obiettivi di Hezbollah nella catena montuosa di Kalamoun, nella regione di Jarud al-Mara, e vicino al villaggio di Flit.

6 aprile . I media dell’opposizione siriana affermano che l’aviazione israeliana ha preso di mira Hezbollah e obiettivi dell’esercito di Assad nelle aree di Kalamoun e Daraa.

22 marzo . I media dell’opposizione siriana affermano che l’aviazione israeliana ha preso di mira obiettivi nell’area di Damasco.

19 marzo . Secondo i resoconti dei media arabi, in serata, l’aviazione israeliana ha colpito un bersaglio vicino a Quneitra, distruggendo l’auto su cui si trovava uno dei capi della Forza di difesa della Patria. È stato anche riferito che gli attacchi sono stati effettuati in tarda serata su obiettivi nell’area della catena montuosa di Kalamoun, dove sono state attaccate batterie di difesa aerea e posizioni di Hezbollah.

17 marzo . L’IDF riferisce di aver colpito più obiettivi in ​​Siria. Secondo i resoconti dei media arabi, l’attacco ha preso di mira i depositi missilistici di Hezbollah. Le difese aeree siriane hanno utilizzato i sistemi di difesa aerea S-200 contro gli aerei israeliani. Uno dei missili siriani è stato abbattuto dal sistema di difesa missilistico di Khetz. Nessuno degli israeliani è rimasto ferito.

22 febbraio . Un attacco aereo è stato effettuato su obiettivi nell’area di Al-Kteife.

13 gennaio . Un colpo è stato inferto all’aeroporto militare di Mezze ea diversi altri obiettivi nelle vicinanze di Damasco.

anno 2016 

7 dicembre . Un oggetto è stato attaccato nell’area di un aeroporto militare a Damasco. Secondo i resoconti dei media arabi, l’esercito israeliano ha usato missili terra-terra per attaccare.

6 dicembre . Il colpo è stato inferto alla struttura di Hezbollah vicino alla città di Ez-Zabadani.

30 novembre . Un convoglio di camion è stato attaccato nella zona di Damasco. Il colpo è stato sferrato anche per rafforzare l’esercito di Assad nella capitale siriana.

Il 28 novembre, l’aviazione dell’IDF ha attaccato una struttura dello Stato Islamico in territorio siriano. Un edificio abbandonato in precedenza di proprietà delle Nazioni Unite, utilizzato dai terroristi per bombardare i soldati dell’IDF, è stato colpito.

27 novembre . L’esercito israeliano ha aperto il fuoco su obiettivi in ​​territorio siriano dopo aver bombardato le truppe che pattugliavano il confine nelle alture del Golan sud-orientale e aver lanciato tre colpi di mortaio sul territorio israeliano. L’aviazione dell’IDF ha distrutto il veicolo dei terroristi che hanno sparato sui soldati, sono rimasti uccisi quattro militanti del gruppo Shuhada al-Yarmuk.

9 novembre . L’IDF ha attaccato una batteria di artiglieria siriana. Il colpo è seguito in risposta allo scoppio di un colpo di mortaio sul territorio israeliano.

14 settembre . L’aviazione delle forze di difesa israeliane ha attaccato un obiettivo in Siria. Le azioni dell’aviazione israeliana sono state una reazione agli attacchi di mortaio sul territorio israeliano.

13 settembre . In risposta al colpo di mortaio sul territorio israeliano, l’aviazione dell’IDF ha colpito una batteria di artiglieria dell’esercito governativo siriano. La difesa aerea siriana ha lanciato due missili contro gli aerei israeliani.

10 settembre . L’IDF Air Force ha attaccato le posizioni di artiglieria dell’esercito del governo siriano in risposta al bombardamento del territorio israeliano.

8 settembre . L’aviazione dell’IDF ha attaccato la posizione di mortaio dell’esercito del governo siriano. L’attacco aereo è stata una reazione al bombardamento del territorio israeliano.

4 settembre . In risposta al colpo di mortaio, l’IDF ha colpito il territorio siriano. L’obiettivo dell’attacco era il punto di tiro dell’artiglieria dell’esercito siriano.

22 agosto . In risposta al colpo di mortaio dell’aviazione dell’IDF, hanno attaccato le posizioni dell’esercito siriano nella parte centrale delle alture del Golan.

3 agosto . Fonti arabe riferiscono che nella regione di Maarb, a nord di Damasco, aerei dell’IDF hanno attaccato un convoglio di Hezbollah che trasportava armi.

20 luglio . La TV del Qatar Al-Jazeera ha riferito che gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato l’edificio della polizia siriana a Quneitra, il quartier generale del Partito Baath e altri obiettivi. L’IDF non commenta.

6 luglio . L’elicottero ha sparato a Quneitra. Alcuni media siriani hanno affermato che l’attacco è stato effettuato dall’esercito israeliano.

4 luglio . L’esercito israeliano ha attaccato le posizioni dell’esercito siriano vicino al confine israeliano dopo aver bombardato l’area della recinzione di confine. Non ci sono informazioni sui danni causati o sulle vittime. L’IDF ha annunciato ufficialmente il fatto dello sciopero.

19 giugno . Il SOHR, citando l’opposizione siriana, riferisce che l’esercito dell’esercito israeliano a ovest di Daraa ha distrutto un’installazione di difesa aerea che i militanti del Fronte islamico avevano sequestrato all’esercito regolare siriano.

4 giugno . Un attacco aereo è stato lanciato contro una base di difesa aerea nella regione di Shenshar, a sud di Homs. I media hanno attribuito questo attacco all’aviazione israeliana. Damasco ha rifiutato di commentare.

11 maggio . Nella zona dell’aeroporto internazionale di Damasco, l’esplosione ha ucciso il capo dei servizi speciali di Hezbollah Mustafa Badr al-Din. I media di Hezbollah inizialmente hanno accusato Israele di aver compiuto l’attacco, ma in seguito la leadership di Hezbollah ha annunciato che la morte di Badr al-Din e dei suoi aiutanti era il risultato dei bombardamenti dell’opposizione siriana. Esperti militari hanno espresso dubbi sulla versione ufficiale espressa dal Partito di Allah.

18 febbraio . Il SOHR riferisce che l’esercito israeliano ha lanciato tre razzi contro un obiettivo sull’autostrada Damasco-Daraa.

9 febbraio . Al Jazeera riferisce che l’aviazione dell’IDF ha attaccato i militanti di Hezbollah sull’autostrada Damasco-Homs.

anno 2015 

26 dicembre . I media siriani hanno riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato sette obiettivi nelle montagne di Kalamoun. Gli attacchi sarebbero stati mirati a obiettivi di militanti di Hezbollah.

20 dicembre . Nella zona di Jarman (a sud di Damasco), un edificio è stato distrutto a seguito di un attacco aereo e almeno 9 persone sono state uccise: comandanti e militanti di Hezbollah. Tra le vittime ci sono Samir Kuntar, che ha guidato le azioni dei militanti di Hezbollah nella parte siriana delle alture del Golan, e il comandante sul campo Farhan Shaalan.

4 dicembre . Un attacco aereo su un convoglio di camion che trasportano missili nell’area di Al Qatifa a nord di Damasco.

29 novembre . Un raid aereo sulle posizioni dell’esercito siriano e di Hezbollah nella zona di confine di Kalamoun.

23 novembre . Un attacco aereo contro una guarnigione mista di Hezbollah e dell’esercito regolare siriano nei pressi del villaggio di Ras al-Maara.

11 novembre . I media siriani e libanesi hanno riferito che l’aviazione israeliana ha lanciato una serie di attacchi contro un obiettivo nella zona dell’aeroporto di Damasco. Le armi iraniane destinate a Hezbollah sarebbero state distrutte.

30 ottobre . L’opposizione siriana ha riferito che l’aviazione israeliana ha lanciato attacchi sul territorio siriano. Gli attacchi sono stati effettuati sulle postazioni delle forze governative e del gruppo terroristico libanese Hezbollah.

21 agosto . L’aviazione dell’IDF ha attaccato 14 obiettivi dell’esercito governativo siriano situati nelle alture del Golan. Questo è stato in risposta agli attacchi missilistici sul territorio israeliano.

20 agosto . L’agenzia di stampa statale siriana SANA ha riferito giovedì sera, 20 agosto, che le forze aeree dell’IDF stavano colpendo il territorio siriano. Secondo quanto riferito, due edifici amministrativi a Quneitra sono stati attaccati. Questa operazione era in risposta agli attacchi missilistici su Israele.

29 luglio . I media libanesi hanno riferito che l’IDF Air Force ha distrutto un veicolo con militanti nell’area di Quneitra. Cinque militanti sono stati uccisi.

27 aprile . Secondo i resoconti dei media arabi, l’IDF Air Force ha distrutto un magazzino di missili Scud per Hezbollah a nord di Damasco. Ci sono morti e feriti in territorio siriano.

26 aprile . In serata un gruppo di terroristi che ha piazzato una mina è stato distrutto da un attacco aereo sul territorio siriano vicino al confine israeliano.

25 aprile . Secondo i resoconti dei media arabi, gli aerei israeliani hanno bombardato i magazzini con missili dell’esercito siriano e del gruppo libanese Hezbollah. Si segnala il decesso di una persona.

2 aprile . La DPA ha riferito che l’aviazione israeliana ha attaccato le posizioni dell’esercito siriano vicino a Homs.

28 gennaio . L’aviazione israeliana ha attaccato le postazioni di artiglieria dell’esercito governativo siriano in risposta ai recenti attacchi missilistici sul territorio israeliano.

18 gennaio . Due missili sono stati lanciati dall’aria verso un bersaglio nell’area di Quneitra. L’attacco ha ucciso alti comandanti di Hezbollah e ufficiali iraniani.

anno 2014

7 dicembre . Aerei dell’IDF hanno attaccato un convoglio di Hezbollah che trasportava un lotto di missili di fabbricazione russa destinati a Hezbollah dalla Siria al Libano. Secondo i resoconti dei media arabi, due militanti di Hezbollah sono rimasti vittime dell’attacco. Queste informazioni contraddicono la dichiarazione ufficiale di Damasco, secondo la quale non ci sarebbero state vittime a seguito dell’attacco.

24 febbraio . Esplosione vicino al confine siro-libanese. L’obiettivo dell’attacco era un convoglio Hezbollah, che trasportava dalla Siria al Libano un lotto di missili terra-terra, in grado di trasportare testate più potenti di quasi tutti i missili a disposizione del gruppo terroristico sciita. Il raid aereo ha ucciso quattro attivisti di Hezbollah.

27 gennaio . Una potente esplosione nella regione di Latakia. I media hanno affermato che un magazzino con sistemi missilistici di difesa aerea S-300 di fabbricazione russa è stato fatto esplodere.

anno 2013

31 ottobre . Un magazzino con armi è stato fatto esplodere vicino a Latakia, dove, presumibilmente, sono stati immagazzinati missili del complesso SA-3 (secondo la classificazione della NATO), ovvero il sistema missilistico S-125 Neva o, nella versione da esportazione, il Pechora, destinato a Hezbollah…

21 ottobre . Secondo l’edizione kuwaitiana di Al-Jarida, le forze aeree delle forze di difesa israeliane hanno bombardato diversi camion che trasportavano rifornimenti militari per Hezbollah al confine siro-libanese. L’informazione non ha ricevuto conferma da altre fonti.

5 luglio . A est di Latakia, in Siria, un attacco aereo ha distrutto un deposito di armi missilistiche (secondo i media, lì erano immagazzinati missili anti-nave Yakhont di fabbricazione russa).

5 maggio . Una serie di attacchi aerei sono stati effettuati su obiettivi militari a nord-ovest di Damasco, nella regione di Jemaya (secondo le stime dei media, sono stati attaccati più di 40 obiettivi, tra cui il quartier generale della 4a divisione dell’esercito siriano, bunker sotterranei con missili Scud, basi della 104a e della 105a brigata, ecc.). È stato anche riferito di attacchi aerei su obiettivi in ​​Siria nella notte del 4 maggio.

30 gennaio . Un attacco aereo su obiettivi in ​​Siria ha distrutto un convoglio contenente missili SA-17 (Buk-M1-2) destinati a Hezbollah, causando anche danni significativi all’SSRC, dove sono state sviluppate armi chimiche e biologiche.

patrizio ricci by @vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.