È possibile un avvicinamento USA-Cina? Sì e sarebbe conveniente per tutti

Dall’ottimo sito di geopolitica indianpunchline.com riporto un interessante articolo di Mk Bhadrakumar sulle relazioni CINA- Usa. Sullo sfondo la guerra in Ucraina e la NATO che si proietta sempre più nel Pacifico:

21 GIUGNO 2022DI MK BHADRAKUMAR – All’orizzonte la distensione Usa-Cina

L‘agenzia di stampa Kyodo ha riferito lunedì che Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda terranno un vertice a quattro vie ai margini del raduno dei leader della NATO in Spagna la prossima settimana.

Il rapporto afferma che l’iniziativa di Tokyo sull’incontro del quadrilatero è vista “come un tentativo di tenere sotto controllo una Cina assertiva nell’Indo-Pacifico dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha accresciuto le preoccupazioni sulle sue implicazioni per la regione in cui Pechino ha ampliato la sua influenza”. Kyodo ha sottolineato che l’incontro a quattro “aggiungerebbe una nuova dimensione al quadro di cooperazione multilaterale alla ricerca di un Indo-Pacifico libero e aperto”.

Questo è senza dubbio un cambio di paradigma. Senza dubbio, l’iniziativa di Kishida ha il pieno appoggio di Washington. L’amministrazione Biden ha incoraggiato la Corea del Sud a seppellire l’ascia di guerra con il Giappone. La recente elezione del presidente di destra in Corea del Sud, Yoon Suk-yeol, sta davvero aiutando le cose.

L’ufficio presidenziale di Seoul ha accolto favorevolmente la proposta giapponese sul quadro di sicurezza: “Consideriamo la proposta come un’intenzione di unire i punti di forza dei quattro paesi asiatici”. In precedenza, il presidente degli Stati Uniti Biden, in modo simile, ha anche preso una mano per attirare la Nuova Zelanda, che è stata un partner riluttante per la sicurezza, ad attivarsi nella strategia indo-pacifica per contenere la Cina. La visita del primo ministro Jacinda Ardern a Washington a fine maggio su invito di Biden ha portato a termine con successo l’agenda della Casa Bianca.

La ragion d’essere dell’iniziativa giapponese ha bisogno di qualche spiegazione. L’aspettativa generale è che la NATO si stia spostando verso l’Indo-Pacifico come parte della sua trasformazione come organizzazione di sicurezza globale. Il Giappone è impaziente di intraprendere la via della militarizzazione della sua politica estera. Alla conferenza annuale Shangri-La a Singapore di recente, Kishida ha esposto nel suo discorso di apertura una nuova dottrina chiamata “diplomazia del realismo per una nuova era”, che prevedeva “il rafforzamento fondamentale delle capacità di difesa del Giappone insieme al rafforzamento dell’Alleanza Giappone-USA e rafforzare la nostra cooperazione in materia di sicurezza con altri paesi che la pensano allo stesso modo”.

Il più grande gainer qui è ovviamente l’amministrazione Biden. Senza dover mettere fuori servizio la sua strategia indo-pacifica, Washington la sta esternalizzando ai suoi più stretti alleati asiatici. Il Nippon ha citato funzionari del governo giapponese che hanno affermato: “Attraverso l’incontro (in Spagna), Kishida … spera di promuovere gli sforzi per realizzare un Indo-Pacifico libero e aperto, con in mente la Cina, e rafforzare la cooperazione con i membri della NATO”.

Biden ha tenuto discretamente gli Stati Uniti fuori dal nuovo quadro quadrilatero in Asia-Pacifico. Ma anche lui ha le sue priorità. Sostiene che questo non è il momento di abbandonare il campo della “competizione strategica degli Stati Uniti con la Cina.

C’è un’ondata di opinioni negli Stati Uniti che chiedono alla Casa Bianca di porre fine alla guerra commerciale di Trump con la Cina ed eliminare i dazi imposti alle importazioni cinesi, perché i dazi si sono rivelati una forma di tassazione punitiva su decine di milioni di americani famiglie.

L’aumento dei prezzi ha superato la pandemia di coronavirus come l’argomento più discusso della tavola da cucina negli Stati Uniti. L’inflazione è una tassa regressiva che colpisce in modo sproporzionato gruppi a basso reddito e pensionati. E la causa principale risiede nell’amministrazione Biden e nella banca centrale statunitense.

Lo stimolo fiscale di Biden (American Rescue Plan) ha aperto un vaso di Pandora. La spesa fiscale è sempre rischiosa, essendo potenzialmente inflazionistica, e ancor di più, se abbinata alla straordinaria politica monetaria accomodante della Federal Reserve. D’altra parte, è improbabile che la carenza interna di manufatti negli Stati Uniti migliori, data l’interruzione del libero scambio, l’armamento delle sanzioni contro i partner commerciali americani, le maggiori barriere all’esportazione di tecnologia, ecc.

Nel frattempo, molti altri fattori stanno aggravando la crisi economica: la pandemia sta allungando permanentemente la forza lavoro mentre la generazione del baby boom americano va in pensione, il che sta facendo aumentare i salari; i costi di affitto alle stelle stanno colpendo gli alloggi a prezzi accessibili; il crollo delle azioni statunitensi dovuto ai timori degli investitori sull’inflazione erode gli utili delle società e la domanda dei consumatori.

Mercoledì scorso, il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha confermato che sta spingendo affinché l’amministrazione Biden ritiri alcune tariffe sui prodotti cinesi che “non sono molto strategici” ma stanno invece danneggiando i consumatori e le imprese statunitensi. Ha spinto al massimo nelle ultime settimane e mesi, ma i falchi anti-cinesi nei circoli di Biden hanno continuato a ignorarlo.

All’interno dell’amministrazione statunitense, era in corso la discussione se estendere oltre luglio i dazi punitivi della “Sezione 301” imposti sotto l’amministrazione Trump su centinaia di miliardi di dollari di prodotti cinesi. Yellen è solo il principale sostenitore all’interno dell’amministrazione Biden che chiede un annullamento delle tariffe cinesi e un numero crescente di persone che la pensano allo stesso modo sta facendo pressioni sull’amministrazione Biden affinché rinunci alle tariffe sugli articoli cinesi per combattere i pericoli dell’inflazione, come il influente National Retail Federation, che rappresenta migliaia di rivenditori negli Stati Uniti tra cui Walmart e Target.

Senza dubbio, Pechino sta guardando da vicino . Il portavoce del ministero del Commercio ha ribadito giovedì scorso che la rimozione delle tariffe aggiuntive sulla Cina a causa dell’elevata inflazione è “in linea con gli interessi fondamentali dei consumatori e delle imprese statunitensi e sarebbe vantaggiosa per gli Stati Uniti, la Cina e il mondo”. Un commento sul Global Times lo ha rilevato lunedì ,

“Dato che gli Stati Uniti stanno affrontando la più grave sfida inflazionistica degli ultimi 40 anni e una pressione economica estremamente pesante, sembra che Washington guardi alla Cina per qualche speranza, come ha recentemente dichiarato ai media il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che sta cercando un dialogo con il massimo leader cinese ed è in procinto di prendere una decisione sulla questione tariffaria”.

Ovviamente, a Biden non è necessario che gli venga detto che, se la storia è maestra, quando gli americani lottano per permettersi i beni di prima necessità inclusi cibo, carburante e riparo – e, quando è più probabile che escludano l’élite dominante in carica.

Senza dubbio, la Cina sarà aperta alla distensione. Ma l’amministrazione Biden sta cercando di non esporre troppo le proprie debolezze alla Cina. Certamente, la Cina si aspetterà un quid pro quo per la sottoscrizione dell’economia americana.

La Cina spera in condizioni di parità nelle relazioni commerciali ed economiche Cina-USA, che apriranno prospettive di partnership che non possono essere facilmente chiuse senza causare scosse all’economia e alla politica interna degli Stati Uniti. Inoltre, una cosa tira l’altra e la Cina ha altre carte vincenti da giocare, come il cambiamento climatico, lo sviluppo delle infrastrutture, ecc.

In ultima analisi, gli interessi politici di Biden e Xi convergono, poiché per entrambi il 2022 sembra essere un anno elettorale cruciale.

A dire il vero, le implicazioni geopolitiche di una distensione USA-Cina saranno profonde per la comunità mondiale, soprattutto per la Russia. Le osservazioni del presidente Vladimir Putin sulla Cina alla conferenza SPIEF della scorsa settimana a San Pietroburgo hanno lasciato intendere che Mosca sta avvertendo un cambiamento nelle placche tettoniche. Per citare Putin,

“Troviamo interessante e vantaggioso essere partner con la Cina, soprattutto perché godiamo di relazioni politiche stabili e basate sulla fiducia. Ho ottimi rapporti personali amichevoli con il presidente Xi Jinping nel pieno senso della parola, il che crea una buona atmosfera per costruire legami tra i nostri paesi. Tuttavia, questo non significa che la Cina dovrebbe giocare con noi o sostenerci in ogni fase del processo. Non abbiamo bisogno di questo, dopotutto”.

“Ci sono interessi dello Stato. Proprio come noi, la leadership cinese agisce principalmente in base ai suoi interessi nazionali, ma i nostri interessi non sono in contrasto con i loro interessi, ed è questo che conta. Quando sorgono problemi – e sorgono sempre a livello di agenzia nel corso del lavoro – la natura e la qualità delle relazioni tra i nostri paesi ci permette di trovare sempre soluzioni. Sono fiducioso che rimarrà così in futuro“.

Quando la Russia ha attaccato l’Ucraina e l’Occidente ha imposto sanzioni contro Mosca, Washington ha minacciato la Cina che qualsiasi sua mossa per aiutare la Russia a eludere le sanzioni avrebbe innescato una severa punizione. Ora la ruota ha chiuso il cerchio e gli Stati Uniti hanno bisogno della mano della Cina per salvare la propria economia. Questa è la trappola di Tucidide capovolta: una potenza emergente che salva una grande potenza radicata, la cui stravaganza l’ha impoverita.

US-China détente on the horizon

Exit mobile version