Due imitatori russi telefonano al presidente polacco che afferma di non volere la guerra con la Russia

Due noti imitatori russi, Vovan e Lexus,  hanno telefonato al presidente polacco Andrzej Duda poco dopo la crisi internazionale del missile caduto in Polonia. In tale occasione, fingendosi il presidente francese Macron, uno dei comici è riuscito ad ottenere alcune interessanti considerazioni da parte del presidente polacco, riportate qui di seguito da nake capitalism:

Il presidente polacco Andrzej Duda avrebbe detto: “Credimi, sto molto attento, io non incolpo i russi. Emmanuel, questa è la guerra. Penso che entrambe le parti si incolperanno a vicenda per questa guerra… Pensi che io abbia bisogno di una guerra con la Russia? No, non lo voglio. Non voglio una guerra con la Russia, sono estremamente attento, credimi. Sono estremamente attento”.

Duda stava insinuando di non credere all’affermazione del presidente ucraino, Vladimir Zelensky, ripetuta anche a Macron, secondo cui l’attacco missilistico era stato lanciato dalla Russia.

La telefonata è durata 7 minuti e 31 secondi ed è stata condotta in inglese. Solo più tardi Duda si è accorto che non stava parlando con Macron. Il presidente polacco ha impiegato una settimana prima di rivelare pubblicamente che c’era stata una telefonata. Ma tale divulgazione apparsa sull’account Twitter della Cancelleria polacca non ha rivelato ciò che era stato detto e ha travisato come si è conclusa la conversazione. Questo è stato innescato solo dopo che Vovan e Lexus, i due abili artisti della parodia russa , avevano pubblicato la loro registrazione su nastro a Mosca.

La registrazione su nastro può essere ascoltata qui ; è andata in onda per la prima volta martedì 22 novembre, tra le 8 e le 8:30 del mattino, con sottotitoli in russo e voce fuori campo. Ascolta la versione originale in lingua inglese qui . Il primo rapporto della stampa russa è stato pubblicato alle 12:36, ora di Mosca . L’ufficio di Duda ha pubblicato due tweet in successione alle 13:52, ora di Mosca.

Fonti polacche a Varsavia affermano che la telefonata e il ritardo di una settimana tra la conversazione di Duda e i suoi tweet divulgativi sollevano seri interrogativi sulla sicurezza nazionale e la sovranità della Polonia. Duda, commenta una delle fonti, “sembra mentire. Il nastro di Rutube mostra una conversazione completa, con saluti, e non una brusca “fine della chiamata”.

In assenza di copertura mediatica polacca mainstream, Stanislas Balcerac, un analista indipendente di Varsavia, ha affermato che i servizi segreti polacchi si sono rivelati degli incompetenti per non aver rilevato l’impersonificazione prima che Duda iniziasse a parlare – o per aver permesso al presidente di capire essere ingannato nel fare le sue ammissioni in reazione all’attacco di Przewodów, (…). Alla domanda esplicita se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incolpasse la Russia per il missile, Duda ha risposto: “Nooooh”.

Ha detto a Macron di aver già parlato quella sera con il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, Biden e il presidente ucraino Vladimir Zelensky; Duda si riferiva personalmente a questi ultimi due per nome. “Non lo so, non lo so”, ha risposto Duda alla domanda su chi avesse lanciato il missile. Ha continuato dicendo che Biden stava inviando esperti statunitensi in Polonia “per sostenere e aiutare i nostri esperti… sto aspettando il risultato della loro [indagine]”.

Fonti polacche, NATO e russe commentano che Duda non ha menzionato, né sembra essere stato informato sulle prove radar polacche del lancio del missile, registrate a Labunie, a circa 40 chilometri dall’attacco missilistico a Przewodów. Poiché anche i radar della difesa aerea polacca sono integrati con i comandi regionali della NATO e degli Stati Uniti, sembra che né Stoltenberg né Biden abbiano detto a Duda cosa stavano già mostrando i loro rapporti di intelligence militare dai radar, dalle pattuglie NATO AWACS con sede in Germania e dai satelliti statunitensi. “Polonia senza testa”, commenta una fonte di Varsavia. (…)

00 Duda 31
Source: https://en.wikipedia.org/

Ha aggiunto in seguito di sfuggita “non ci sono prove chiare che si trattasse di S300, secondo i nostri investigatori [polacchi]”. Quando gli è stato chiesto perché il ministro degli Esteri polacco, Zbigniew Rau, sembrava incolpare Mosca per l’attacco missilistico, Duda ha corretto Rau dicendo che il missile era “di produzione russa”.

Duda ha ribadito che non c’è stato alcun attacco sul territorio polacco che giustifichi l’invocazione della disposizione dell’articolo cinque della NATO . Spiegando come questa clausola del tutto per uno, uno per tutti si applicasse all’incidente di Przewodow, il 16 novembre il Washington Post  ha affermato che c’erano “speculazioni” che il governo polacco potesse invocare l’articolo cinque o l’articolo quattro. E che “a partire da mercoledì [16 novembre], non vi era alcuna indicazione che la Polonia lo avesse fatto”. Le fonti del governo statunitense del Washington Post stavano nascondendo ciò che Biden e Duda avevano concordato due giorni prima.

«Credimi, sono molto attento», ha ripetuto Duda a Macron. “Penso che non abbiamo bisogno di un’escalation tra NATO e Russia…. Non voglio l’Articolo Cinque…Non ne abbiamo bisogno…Pensi che io voglia fare la guerra con la Russia? Non voglio una guerra con la Russia, sono estremamente attento, credimi”(l’articolo intero in inglese qui).

L’articolo è di  John Helmer  il più longevo corrispondente estero ininterrottamente in Russia, l’unico giornalista occidentale ad aver diretto il proprio ufficio indipendente da singoli legami nazionali o commerciali.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.