Dr. Bo Shining: Perché la polmonite virale è così difficile da trattare?

SuL sito di informazione cinese Gonchua,  il dr. Bo Shining, medico in terapia intensiva presso il terzo ospedale dell’Università di Pechino, che risponde ad alcune domande sul virus coronavirus, in questo modo:

1 – Perché la polmonite virale è così difficile da trattare?

Che si tratti di polmonite da SARS, polmonite influenzale o nuova polmonite coronavirus di oggi, nonostante tutto i diversi agenti patogeni sono tutti polmonite indotta da virus: il meccanismo patofisiologico e le manifestazioni cliniche di questi tre sono simili e i metodi di trattamento sono simili. Si può affermare senza dubbio che la maggior parte delle infezioni causate da questi tre virus sono relativamente lievi, nessun problema e miglioreranno dopo il riposo e il recupero dei sintomi. Solo coloro che hanno gravi complicazioni, come l’insufficienza respiratoria o anche l’insufficienza multipla di organi, che porta a una condizione critica, hanno bisogno dell’ammissione in terapia intensiva per il trattamento di salvataggio.

Allora perché una polmonite virale causa conseguenze così gravi? Due ragioni principali:

Innanzitutto, non ci sono medicine specifiche;

In secondo luogo, la capacità del corpo di difendersi si riduce.

Perché non esiste una medicina specifica? Dobbiamo capire la differenza tra virus e batteri.

I virologi possono dirti che i due sono diversi per dimensioni e struttura e dici che pareti cellulari, membrane cellulari, gusci proteici, materiale genetico, DNA, RNA, trascrizione inversa, sistemi enzimatici e così via sono tutti importanti.

Ma voglio solo dirti una cosa: la differenza tra batteri e virus è, in ultima analisi sul modo con cui possono sopravvivere indipendentemente.

2019-nCoV mappa modello virus / Wikipedia

La maggior parte dei batteri ha sistemi indipendenti di metabolismo dei nutrienti e può sopravvivere in modo indipendente, quindi ha solo bisogno di “nutrizione” dopo essere entrato nel corpo e ha necessità di invadere le cellule.

Ma il virus è diverso: vuole molto più che solo nutrizione. Tutti i virus non hanno una struttura cellulare, quindi possono solo invadere le cellule di altre specie, utilizzare le cellule di altre specie per elaborare materiale genetico, elaborare proteine ​​e riprodurre continuamente la prossima generazione di virus.

Con questo in mente, possiamo facilmente capire perché la polmonite virale grave è difficile da trattare.

Se si trattasse di un’infezione batterica, sono disponibili antibiotici. Molti antibiotici possono efficacemente “uccidere” i batteri sensibili. Per le comuni infezioni batteriche, abbiamo medicine.

Ma sviluppare antivirali è molto più difficile.

Il primo motivo, come ho appena detto, virus e batteri non sono gli stessi: quando entrano nel corpo, i virus perforano le cellule e inseriscono il loro materiale genetico nei cromosomi all’interno delle cellule. Inevitabilmente questo causerà anomalie nel funzionamento delle cellule umane.

Il secondo motivo è che il virus si moltiplicherà rapidamente e continuerà a mutare: hai appena sviluppato un farmaco e il virus è già cambiato di nuovo.

La terza ragione è che molti batteri hanno alcune somiglianze nella struttura o nel metabolismo: gli antibiotici che agiscono su una certa parte dei batteri o il legame metabolico possono essere efficaci per altri batteri. Tuttavia, ci sono troppi tipi di virus e pochi elementi in comune, rendendo difficile trovare farmaci antivirali ad ampio spettro.

Questo determina che non abbiamo un medicinale specifico per la maggior parte delle infezioni virali. Questo vuol dire che anche se esiste un farmaco con un certo effetto, l’effetto sul virus è solo “l’inibizione”: l’effetto nella prima applicazione sarà migliore mentre nella successiva l’applicazione non sarà l’ideale.

Quindi, come valutare la pericolosità di molte infezioni virali, come l’influenza leggera?

Dipende dall’abilità di autodifesa del nostro corpo. Con o senza medicina, il meccanismo di autodifesa del corpo è molto importante.

In risposta alla polmonite batterica, il corpo umano ha naturalmente due difese di base:

Tosse ed espettorato;

I leucociti, in particolare i neutrofili, aumentano.

La tosse e l’espettorato espellono espettorato, sostanze necrotiche e persino microrganismi patogeni. Nella nostra terapia intensiva, un indicatore chiave per valutare la prognosi di un paziente è se l’espettorato del paziente è “potente”, a volte l’espettorato è ancora più importante degli antibiotici.

La leucocitosi, in particolare i neutrofili, è anche un importante meccanismo di difesa del corpo durante l’infezione batterica, al fine di aumentare il potere di sterilizzazione.

Tuttavia, avrete notato che i principali sintomi dei pazienti con polmonite da neocoronavirus sono febbre, affaticamento e tosse secca. I test di laboratorio dicono che il numero totale di globuli bianchi è normale o diminuito e la conta dei linfociti è ridotta.

Una tosse secca significa che sebbene il corpo inizi i riflessi della tosse, vuole espellere virus o sostanze necrotiche dal corpo. Tuttavia, il virus furbo si nascondeva nelle cellule. Esistono poche secrezioni e espettorato delle vie aeree, sebbene una parte del virus possa essere eliminata dal corpo con goccioline dopo la tosse, ma ciò soddisfa anche la natura del virus al fine di moltiplicarsi e accelerare la trasmissione e il corpo non può rimuovere efficacemente i patogeni. Pertanto, le cellule alveolari sono costantemente sotto attacco, ma è difficile per il corpo umano espellerle efficacemente con l’espettorato.

Se non riesci a tossire e il numero di linfociti è ridotto, le due difese chiave sono ridotte. Il virus si replica continuamente e invade le cellule.In casi gravi, entro due o tre giorni, la maggior parte delle cellule alveolari del paziente sono state catturate, i raggi X o la TC hanno mostrato “polmone bianco”.

Manifestazioni TC di polmonite virale, aumento dell’essudazione, riduzione della permeabilità, mostrano il “polmone bianco”

2- Come  il medico tratta il coronavirus? ECMO è l’arma definitiva per la polmonite virale?

In che modo i medici trattano questa grave polmonite virale?

In primo luogo, vengono somministrati farmaci antivirali. Sebbene non sia un effetto speciale, può essere utilizzato in questo momento per ottenere un certo effetto, sarà preso in considerazione qualunque cosa possa aiutare il paziente.

Allo stesso tempo, l’inalazione di interferone aumenta la capacità di resistere ai virus. Gli antibiotici vengono utilizzati anche in caso di infezione batterica. Quando la malattia polmonare progredisce rapidamente, gli ormoni vengono utilizzati per ridurre l’infiammazione locale.

Quindi, i casi gravi vengono trattati a seconda delle varie complicazioni.

Se il paziente ha insufficienza respiratoria, utilizziamo un ventilatore per pompare ossigeno nei polmoni con una pressione positiva.

Per l’insufficienza renale del paziente, abbiamo ancora un modo, possiamo usare la CRRT, che è un rene artificiale, per aiutare i pazienti a eliminare le tossine e disidratarsi.

Se i coaguli di sangue del paziente falliscono, è possibile reintegrare plasma fresco e sostanze coagulanti.

Se l’insufficienza respiratoria del paziente viene ulteriormente esacerbata, quando il ventilatore non riesce a soddisfare l’ossigeno puro, abbiamo anche l’ECMO, che è un “cuore e polmone” esterno. Flusso di nuovo sangue fresco nel corpo.

Qualche tempo fa, sono stati segnalati casi di successo del trattamento della polmonite da neocoronavirus grave con ECMO. Questo significa che l’ECMO è l’arma definitiva per curare la polmonite virale?

Devo dirtelo, no.

Perché? Perché tutti questi dispositivi all’avanguardia salvavita svolgono un ruolo di supporto.

Il ventilatore supporta i polmoni, permettendo loro di riposare e attendere l’autoguarigione;

CRRT supporta il rene, sostituisce la funzione del rene, in attesa di autorigenerazione;

ECMO è il massimo livello di supporto per cuore e polmoni.

Lo scopo di tutti questi trattamenti è sovraperformare la replicazione del virus e riguadagnare il vantaggio del sistema immunitario del corpo. In altre parole, salva prima la vita, guadagna tempo per l’auto-riparazione e crea le condizioni. In questo momento, non è solo necessario un forte trattamento medico, ma è tempo di combattere l’immunità umana!

C’è solo una cosa che devi tenere a mente: un’immunità corporea ben mantenuta è la strada giusta.

3 – La logica di base della salute: l’immunità umana

Al momento in cui il virus sta imperversando, non è possibile migliorare rapidamente l’immunità: non esistono alimenti o prodotti per la salute che possano migliorare rapidamente l’immunità.

Cosa dovremmo fare come gente comune? Ti mando tre parole: rafforzare la protezione, dormire bene e calmarsi.

Non dirò di più sul primo punto. Credo che la conoscenza dell’ autoprotezione che hai imparato in questi giorni sia più della somma di tutte le conoscenze di autoprotezione che hai imparato nella storia. Sottolineo solo che quando vai in luoghi densamente popolati e scarsamente ventilati, come prendere i mezzi pubblici, andare in ospedale, devi indossare le maschere correttamente. Sto parlando di indossare una maschera correttamente, non indossare una maschera. Molte persone non indossano una maschera. Lavati frequentemente le mani, non toccare il viso con le mani sporche, non strofinarti gli occhi, pulire con le mani la bocca o taccarti il naso, in modo da facilitare l’ingresso del virus dalle mani sporche nel tuo corpo. E’ necessario vedersi di meno in giro. In questo momento nessuna festa è più importante della salute e la casa è la migliore protezione.

Secondo, dormi bene. Stare alzati fino a tardi ha un effetto “immediato” sulla riduzione del sistema immunitario umano. Stare alzati fino a tardi può influire sull’orologio circadiano, sulla capacità del sistema immunitario di reagire e difendersi e studi hanno dimostrato che una settimana di continua mancanza di visione può colpire più di 700 geni fondamentali per la salute, che a loro volta possono avere effetti a lungo termine sulla salute.

Il buon sonno può aumentare la nostra capacità di combattere le infezioni. Abbiamo il buon senso che saremo sonnolenti dopo esserci ammalati. In precedenza pensavamo che ciò fosse direttamente causato da fattori di malattia secreti dalla malattia, ma le ultime ricerche mostrano che questo è in realtà un essere umano Auto-guarigione, trovato in altre specie un gene chiamato nemuri che regola il sonno, questo gene può guidare il cervello a sintetizzare i peptidi batteriostatici, aumentare la resistenza e la sopravvivenza e promuovere il sonno. Questa può essere la vera forza trainante per un aumento del sonno: il sonno non è solo una regola fisiologica, ma anche una necessità di autoriparazione e lotta contro malattie come l’infezione.

Pertanto, in periodi speciali, è più importante garantire un buon sonno per 7-8 ore al giorno.

Infine, calmati e impara a sorridere. Stress e ansia : questi cambiamenti psicologici influenzeranno la nostra immunità attraverso il sistema nervoso autonomo e il sistema endocrino, riducendo la capacità del sistema immunitario di resistere ai patogeni e sarà più vulnerabile alle infezioni.

Allo stesso tempo, gravi cambiamenti psicologici possono causare molte malattie psicosomatiche, come insonnia, mal di testa, fluttuazioni della pressione sanguigna, disturbi di stomaco e disfunzioni intestinali. Queste malattie indeboliscono ulteriormente la resistenza del corpo.

Di fronte a una minaccia virale, come persone comuni, ciò che possiamo fare è proteggere il nostro sistema immunitario rafforzando l’autoprotezione, attraverso un buon sonno, una mentalità pacifica e lasciando il resto ai responsabili della salute pubblica e ai medici.

Alla fine, abbiamo iniziato a trattare i casi sospetti critici e siamo sempre pronti a sostituire i nostri colleghi che supportano Wuhan. Ho affrettato questo manoscritto dall’oggi al domani e potrei non avere molto tempo per dire altro. I virus infuriano, quindi prendi precauzioni e spera che tutti stiano bene.