Dopo l’insediamento di BIDEN, New Deal USA in Medio Oriente?

Dall’agenzia di stampa russa RIA FAN definita a grandi linee quale sarà la situazione in Medioriente dopo l’insediamento di Biden nella Casa Bianca. L’autore dell’articolo è Boris Rozin, esperto presso il Political- Military Journalism e autore del noto Blog ‘Colonello Cassad’.

New Deal USA in Medio Oriente

Turchia. Soggettività pericolosa

Le relazioni degli Stati Uniti con la Turchia si sono oscurate anche alla fine del secondo mandato di Barack Obama, quando sono iniziate le prime gravi frizioni sul progetto curdo. E il fallito colpo di stato (in cui Ankara incolpava indirettamente Washington e il predicatore Fethullah Gulen che si nasconde negli Stati Uniti) portò a cambiamenti tettonici nella regione: la Turchia si ritirò effettivamente dalla coalizione anti-Assad e si unì a una partnership situazionale con la Russia e l’Iran. Ciò ha portato a una catena di accordi a spese dei curdi e dell ‘”opposizione verde”, nonché alla firma degli accordi di Astana, che hanno completamente ignorato la posizione degli Stati Uniti. Dal 2016 al 2020, questo processo ha portato di fatto al crollo dei “verdi”, che ora sono completamente controllati dalla Turchia e concentrati a Idlib, senza alcuna prospettiva di rovesciare Bashar al-Assad.

Inoltre, la Turchia, durante le operazioni nelle aree di Al-Bab, Afrin e Ras al-Ain, ha impedito con la forza la creazione di una vera autonomia curda lungo tutto il confine siriano-turco. Inoltre, il governo turco ha acquistato in modo dimostrativo il sistema di difesa aerea S-400 dalla Federazione Russa, ha ampliato il partenariato economico con la Russia e ha rafforzato la cooperazione con la Cina nell’ambito dell’iniziativa One Belt – One Road. Le sanzioni contro la Turchia o il divieto di fornitura di F-35 non hanno fermato Ankara, che è radicata nella sua “disobbedienza”. Alla fine della presidenza di Trump, Recep Tayyip Erdogan ha perseguito la propria politica soggettiva per espandere le sfere di influenza in Medio Oriente, Caucaso e Nord Africa, senza preoccuparsi molto dell’opinione di Washington.

Biden e la sua amministrazione dovranno affrontare una scelta piuttosto difficile, date le rivendicazioni del ripristino di “principi e ideali democratici” che non si correlano bene con la natura del regime politico di Ankara. Per normalizzare le relazioni, gli Stati Uniti saranno costretti a fare alcune concessioni: abbandonare le sanzioni sull’S-400, smettere di sostenere il progetto curdo e le reti “guleniste”. Se non ci sono concessioni, allora Erdogan continuerà a seguire la rotta neo-ottomana prescelta, che, oltre al pericolo per i vicini della Turchia, crea una minaccia alla strategia americana legata ai curdi, poiché Ankara ha chiarito che intende continuare le operazioni militari contro i curdi al fine di impedire la creazione di uno stato curdo o di un’autonomia.

Nonostante questo, ci sono circoli del Partito Democratico che credono che si possa chiudere gli occhi sulle attività di Erdogan e preferirlo ai curdi per dirigere la vigorosa attività della Turchia contro gli interessi di Russia e Iran, distruggendo contemporaneamente il regime degli accordi bilaterali esistenti. in Siria. D’altra parte, il ritorno all’amministrazione di figure come Brett McGurk suggerisce che è improbabile che gli Stati Uniti abbandonino completamente il progetto curdo, che una volta era l’amministrazione Obama a coltivare.

Forse, nella prima fase di aggiustamento della propria politica nei confronti della Turchia, gli Stati Uniti preferiranno un approccio cauto, cercando di rilanciare le relazioni con Ankara senza la necessità di rompere con i curdi. Ma l’esperienza della defunta amministrazione Obama e dell’amministrazione Trump ha dimostrato che i turchi non sono molto pazienti con questo approccio, ragionevolmente credendo che gli Stati Uniti li stiano prendendo per il naso e cercando di distrarre dalla principale minaccia alla statualità turca. Credo che la chiarezza arriverà dopo le visite ispettive di rappresentanti del Dipartimento di Stato e del Pentagono nel Kurdistan siriano e il chiarimento delle prospettive di sostegno ai curdi contro Russia, Iran e RAS.

Israele. Fine della luna di miele

È già chiaro che il tempo dei doni da Washington a Israele sta volgendo al termine. Israele ha beneficiato molto delle attività dell’amministrazione Trump, che ha riconosciuto Gerusalemme come capitale del paese e ha assicurato la normalizzazione delle relazioni di Israele con una serie di stati arabi. Ovviamente, tutte queste decisioni costano molto agli Stati: hanno perso il ruolo di arbitro regionale nella questione palestinese, che è stata lasciata in balia di Iran e Turchia, che la usano in modo competitivo nei loro interessi per rafforzare le loro posizioni dell’Islam nel mondo. I Democratici hanno deciso ufficialmente di continuare il percorso verso il riconoscimento di Gerusalemme, ma il primo giorno della presidenza di Biden, una strana storia è iniziata con il cambio del nome dell’ambasciata americana in Israele, dovel’account Twitter ufficiale dell’ambasciatore degli Stati Uniti nei Territori Occupati ha avuto un breve cambio di nome, in “Ambasciatore degli Stati Uniti in Israele, Cisgiordania e Gaza”.

Non è un grande segreto che l’ala sinistra del Partito Democratico sostenga il punto di vista dei palestinesi, quindi possiamo aspettarci tentativi di annullare parzialmente la posizione di Washington sulla questione palestinese, almeno per ripristinare relazioni adeguate con i leader palestinesi moderati. D’altra parte, la posizione su Gerusalemme rende incredibilmente difficile per gli Stati Uniti manovrare in questa direzione, poiché, sullo sfondo di Washington, l’Iran e la Turchia sostengono apertamente le rivendicazioni palestinesi a Gerusalemme est.

È improbabile che l’amministrazione Biden si imbarchi in un netto deterioramento delle relazioni con Israele, che in un modo o nell’altro rimarrà il suo principale alleato regionale, ma ci si può aspettare una maggiore diversificazione della politica americana. Ciò sarà associato non solo alla revisione delle relazioni con Turchia e Palestina, ma anche all’ipotetica possibilità che gli Stati Uniti tornino a un accordo nucleare con l’Iran, che Israele vede come una seria minaccia alla già difficile situazione del Paese. A parole, i rappresentanti dell’amministrazione Biden dichiarano la loro disponibilità a ripristinare l’accordo, ma non è ancora del tutto chiaro se acconsentiranno a tornare su di esso alle condizioni iraniane o se gli Stati Uniti continueranno a chiedere concessioni all’Iran a favore di Israele e Arabia Saudita.

Vale anche la pena notare che è improbabile che i problemi del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu con i processi per corruzione e l’aspettativa della sua partenza siano ora nascosti con costosi regali americani a spese di qualcun altro. Non si può escludere che Washington preferisca aspettare il cambio di potere a Tel Aviv e lavorare con una figura già meno compromessa che può essere inclusa nelle equazioni relative a Palestina e Iran.

Siria. Andarsene per restare

Per quanto riguarda la Siria, la politica statunitense sarà ovviamente inerziale. Non ci sono indicazioni che Washington sotto Biden intenda porre fine alla sua occupazione di At-Tanf e del Rojava nord-orientale a medio termine. Le stesse persone che hanno criticato il ritiro delle truppe di Trump e hanno contribuito a sabotare questa strategia, sono ora salite al potere . Non sono previsti progressi nella questione del riconoscimento della legittimità di Assad o della revoca delle sanzioni contro la Siria. Al contrario, se tra Turchia e curdi la scelta viene fatta a favore dei curdi, allora ci si può aspettare non solo una maggiore pressione su Damasco, ma anche un aumento del contingente di truppe americane in Siria per rafforzare la posizione degli Stati Uniti in le regioni petrolifere. Allo stesso tempo, a seconda dell’esito dei negoziati per ripristinare l’accordo nucleare con l’Iran, le motivazioni dell’occupazione americana potrebbero cambiare.

Poiché la tesi sulla lotta al terrorismo è apparsa a lungo poco convincente, il concetto avanzato da Trump “siamo qui per il petrolio” può finalmente essere sostituito da un motivo reale: l’opposizione all’influenza iraniana, che il Dipartimento di Stato e alcuni generali del Pentagono ha cercato di ottenere anche sotto Trump. Se l’accordo con l’Iran verrà concluso, la presenza illegale nei territori continuerà sotto un’altra copertura. Inoltre, la frase su “privare la Russia dei frutti della vittoria in Siria” è stata apertamente pronunciata nei circoli democratici anche sotto Trump e ora servirà chiaramente da guida all’azione. È improbabile che le proposte della Russia per la cooperazione in ambito umanitario e antiterrorismo vengano accettate. Piuttosto, al contrario, la pressione sulle posizioni russe in Siria potrebbe aumentare, e non solo attraverso linee informative o sanzionatorie.
In generale, possiamo aspettarci che il corso degli Stati Uniti in Siria nelle prime fasi si sviluppi nella stessa direzione, ma la questione curda e l’accordo con l’Iran potrebbero correggerla entro l’estate del 2021.

Iraq. Come non annegare nella sabbia

La situazione più problematica per gli Stati Uniti al momento è in Iraq. A causa degli errori dell’amministrazione Trump, l’Iran ha ottenuto ciò che voleva: è stato costruito un ponte sciita che attraversava l’Iraq, è stata approvata una legge per espellere le truppe statunitensi da questo paese, gli attacchi alle strutture e alle colonne americane sono diventati regolari e l’ambasciata lo è praticamente incapace di funzionare. Gli attacchi alle milizie sciite, così come l’assassinio del generale dell’IRGC Qassem Soleimani e del vice capo di Hashd Shaabi Abu Mahdi Muhandis, non hanno risolto, ma hanno solo esacerbato i problemi degli Stati Uniti, costretti a ridurre la loro presenza militare in L’Iraq sotto pressione esterna cedendo le proprie strutture militari all’esercito iracheno.

La stessa campagna anti-americana ha permesso all’Iran di rafforzare le sue posizioni in Iraq e di realizzare un’alleanza situazionale con i “sadristi” nell’espulsione degli Stati Uniti dall’Iraq. I tentativi di abrogare la legge scomoda nel parlamento iracheno sono falliti, così come i tentativi di incitare l’esercito iracheno contro le unità di Hashd Shaabi, Asaib Ahl al-Haqq e Kataib Hezbollah. Questa lotta ha mostrato l’enorme influenza informale dell’Iran sull’attuale Iraq, dal quale è ormai praticamente impossibile espellere l’Iran. Gli Stati Uniti hanno due strade ovvie qui.

Il corso dell’escalation con l’Iran porterà a nuovi attacchi contro obiettivi iraniani in Iraq e Siria, una lotta per l’influenza sul governo e sul parlamento iracheno e attacchi costanti da parte di delegati iraniani alle restanti strutture americane. Ciò rischia di portare alla necessità di non ritirarsi, ma di portare nuovi contingenti di truppe (o forze di compagnie militari private) in Iraq, anche nonostante l’opposizione del governo locale e del parlamento, come, ad esempio, fa la Turchia, ignorando Proteste irachene per operazioni militari sistematiche Turchia in territorio iracheno.

La rotta verso il ripristino dell’accordo nucleare e il parziale allentamento, anche attraverso la mediazione del Qatar, potrebbe portare a una diminuzione della tensione in Iraq e alla transizione del conflitto a un livello di bassa intensità, dove gli Stati Uniti preferiranno rafforzare le proprie posizioni nel Kurdistan iracheno preservando 1-2 basi nel Grande Iraq.

I fattori chiave di questa scelta saranno il destino dell’accordo sul nucleare, la possibile riduzione della tensione nel Golfo Persico attraverso la mediazione del Qatar, e il formato di ulteriore sostegno al progetto curdo.

Iran. Avversari esistenziali in cerca di dialogo

A parte i principali oppositori degli Stati Uniti, l’Iran è il problema principale per Washington in Medio Oriente. Nonostante le pressioni – dalle sanzioni all’assassinio di Soleimani – l’Iran negli ultimi anni, nonostante i problemi economici, ha seriamente rafforzato la sua posizione in tutta la regione, delineando chiaramente le sue rivendicazioni sul ruolo di una superpotenza regionale, che nel complesso manca solo del l’arma nucleare. Durante il mandato di Trump, i democratici hanno criticato ferocemente la sua rotta verso Teheran e hanno visto il ritiro dall’accordo nucleare come un grosso errore che il politico ha commesso nel fervore della lotta contro l ‘”eredità di Obama” e del gioco con Israele.

Già ora, la nuova leadership del Dipartimento di Stato non nega la possibilità di tornare all’accordo sul nucleare, la questione chiave qui è come farlo senza “perdere la faccia” a Washington. L’Iran ha chiarito che un ritorno all’accordo è possibile alle condizioni del 2015, con la revoca delle sanzioni di Trump. Tutto sommato, questo, ovviamente, sembrerà una manifestazione di debolezza da parte degli Stati Uniti, quindi la scelta, ovviamente, sarà fatta a favore della contrattazione dietro le quinte, che passerà per intermediari nei prossimi mesi. In questa materia è estremamente importante il ruolo del Qatar, attraverso il quale sono già stati effettuati contatti informali tra Washington e Teheran.
Si può presumere che gli Stati Uniti cercheranno di includere nei negoziati su un accordo nucleare una parziale de-escalation in Iraq, una riduzione del sostegno iraniano agli Houthi nello Yemen, il livello di influenza sullo stato libanese di Hezbollah e una riduzione nella presenza iraniana in Siria. L’Iran ha già chiarito di essere pronto per i negoziati sullo Yemen (le proposte sono state espresse da Mahmoud Ahmadinejad) e la de-escalation con l’Arabia Saudita (prima dell’assassinio di Suleimani, Teheran era in contatto attivo con bin Salman).

Solo sulla questione siriana, l’Iran non era incline a seguire l’esempio di Israele, anche con la mediazione russa. In generale, c’è spazio per la contrattazione, ma l’Iran chiaramente non è soddisfatto dell’aggiunta di queste concessioni a un semplice ripristino dell’accordo nucleare e alla parziale revoca delle sanzioni. Gli Stati Uniti dovranno offrire qualcos’altro, e qui Biden ha margini di manovra associati alla riduzione del sostegno ai curdi (soprattutto iraniani) e all’Arabia Saudita nello Yemen. Molto probabilmente, già questa primavera, i negoziati tra Stati Uniti e Iran entreranno in una fase attiva, ma non necessariamente saranno coronati da successo.

Soprattutto per FAN

L’articolo è tratto da https://riafan.ru/1373246-ssha-na-blizhnem-vostoke-kakie-resheniya-baidena-opredelyat-sudbu-regiona

Exit mobile version