Dopo la trasformazione di Christmas in X-mas ci riprovano ancora e non finirà mai

In Russia hanno sperimentato queste atmosfere in Unione Sovietica, perciò ci guardano abbastanza perplessi. Qui, invece, chiamiamo la trasformazione in atto, 'progresso'

Dopo la trasformazione di Christmas in X-mas ci riprovano ancora e non finirà mai 1

Per arrivare qualcuno che storca il muso sulle nuove innovazioni della UE in merito alla correttezza semantica sul Natale, occorre arrivare in Russia. La pubblicazione Anti-spiegel riporta la sintesi del programma russo News of the Week , in cui il presentatore Dimitry Kiselyev, ha affrontato il problema. La battaglia non è solo sul fronte del Donbass o sul tema pandemico, è anche interno della nostra Europa ed è culturale.

Di ordinaria follia

Televisione russa sull’abolizione della parola “Natale” in Occidente

È risaputo che in Russia non c’è politicamente corretto, non esiste la cosidetta ‘cancel culture’, non c’è ‘gender’ e tutte le altre attività similari dell’Occidente. È  “rinfrescante” il modo in cui uno in Russia guarda a questo tumulto in Occidente.

Dimitry Kiselyev, presentatore del programma russo “News of the Week”, ha più volte commentato con amarezza quanto sta accadendo attualmente in Occidente. Ovvero ha trattato se si tratta di una cultura della cancellazione con cui l’Occidente vuole liquidare la propria storia e tradizioni, oppure di correttezza politica in generale. Inoltre ha affrontato anche i fenomeni più recenti chiamati “woke” che non sono accettati in Russia.

Il fatto che questi nuovi “valori occidentali” non solo siano rifiutati dai giornalisti in Russia, ma non siano accettati nella società russa, è stato particolarmente evidente quando i calciatori belgi hanno sentito di doversi inginocchiare prima dell’inizio di una partita [in Russia], cosa che è diventata di moda dai tempi del BLM. Quello che i russi pensano di questo gesto legato ai nuovi “valori occidentali” è stato chiaramente mostrato da fischi incredibilmente forti e ronzii più forti degli applausi ai gol.

L’ultima iniziativa politica a favore della cultura della cancellazione arriva da Bruxelles, dove ora vogliono abolire il termine ‘Natale’. Non voglio privarti del commento russo del programma domenicale “Notizie della settimana” su questo argomento, quindi l’ho tradotto.

Początek tłumaczenia: Perché la parola “Natale” è diventata pericolosa in Occidente?

Poco prima di Natale, l’UE e la Gran Bretagna ci sorprendono con novità culturali. Anche prima di allora, la parola Natale – in inglese “Christmas” – era diventata X-mas nei paesi di lingua inglese. Semplicemente come un “X-day” per acquisti e regali. Il Natale che fa memoria della nascita di Cristo è la festa più importante per i cristiani occidentali, ma è diventato una festa puramente consumistica. Ora, però, i funzionari europei [vogliono andare oltre e] si sono occupati della questione e nelle isole britanniche i membri del governo stanno lavorando nella stessa direzione.

L’UE ha ricevuto la Direttiva sulle lingue ufficiali, redatta dal Commissario UE Hélène Dalli, ex reginetta di bellezza maltese. In passato, il funzionario in erba dell’Unione Europea non si vergognava di mostrare il suo fascino femminile. Ora, tuttavia, le sue raccomandazioni sono così rigide che vietano persino l’uso dei pronomi “lui” e “lei” nei discorsi in pubblico, nella formazione e nelle presentazioni. È meglio astenersi dall’usarli, poiché tali parole possono offendere coloro non si considerano uomini o donne o di qualsiasi genere. Per gli stessi motivi verrà abolito l’uso della locuzione “Signore e Signori”, ora sarà “Cari Colleghi”.

Nella stessa direttiva UE e negli elenchi interni dei membri del governo britannico, si sconsiglia l’uso della parola “Natale” in quanto potrebbe offendere i membri di religioni non cristiane che non osservano le festività. Invece, il termine dovrebbe essere sostituito con “vacanza”.

Inoltre, oggi è sconsigliato usare il nome stesso Maria come esempio per le donne, ad esempio nei libri di testo scolastici, perché è troppo cristiano. Ora è più corretto chiamare una donna tipica con un altro nome, come Malik. Anche il termine “colonizzazione di Marte” non è più corretto poiché evoca associazioni con l’epoca coloniale. Dovremmo parlare di “inviare persone su Marte”.

Abbiamo vissuto tutto questo molto tempo fa in Unione Sovietica. Abbiamo sofferto il Natale e la Pasqua. Non c’erano “signore” e “signori”, solo asessuato e “compagno” generalizzato come termine universale per tutti. Ora il “compagno” esiste solo come parte di una buona tradizione militare.

Ma all’inizio del regime sovietico, abbiamo inventato nomi insoliti da zero e abbiamo così arricchito il nostro vocabolario sovietico. È finita male. Abbiamo esperienza in questo settore. Ora siamo tornati in equilibrio, con alcune persone che celebrano l’Hanukkah ebraica in modo rilassato, altre un Natale cristiano e altre ancora che celebrano l’Eid al-Fitr islamico. E tutto questo in pace, senza offese o insulti. Dove può portare questo? Tuttavia, coloro che oggi sostengono la diversità in Occidente praticano in realtà l’intolleranza nella sua forma più aggressiva.

fonte: anti-spiegel

 

Exit mobile version