Guerra Russia-Ucraina: dopo aver inizialmente respinto gli sforzi diplomatici di Pechino, l’amministrazione Biden sembra avere dei ripensamenti.

Date:

Le recenti dichiarazioni del Segretario di Stato Antony Blinken che accolgono favorevolmente un ruolo di mediazione cinese nella guerra Russia-Ucraina sono una sorpresa positiva e potrebbero indicare un allontanamento dell’amministrazione Biden dallo scontro con la Cina.

“Se abbiamo un paese, che sia la Cina o altri paesi che hanno un’influenza significativa, che è pronto a perseguire una pace giusta e duratura, lo accoglieremmo con favore… ma prima [con] una chiara comprensione che in questo caso c’è una vittima e c’è un aggressore, non c’è equivalenza morale tra le due posizioni. Fino a poco tempo fa, non era molto chiaro se la Cina accettasse questo principio di base. Non sono ancora sicuro che lo facciano, ma almeno il presidente Xi ha avuto una conversazione con Zelensky. Questa è una cosa positiva perché è di vitale importanza che la Cina e altri paesi che hanno cercato di promuovere la pace ascoltino la vittima, non solo l’aggressore”. — Segretario di Stato Antony Blinken (Washington Post Live)

Queste le parole di Blinken il 3 maggio 2023. Tuttavia, permangono dubbi sul fatto che l’amministrazione sarà in grado di mostrare la flessibilità necessaria nei confronti dei suoi avversari per far fronte a questa apertura. L’emissione dei principi per la pace in Ucraina da parte della Cina a febbraio è stata inizialmente respinta dall’amministrazione Biden come una copertura per la Russia, ma la recente accoglienza di Blinken è un segnale di un potenziale cambiamento di strategia. Comunque è innegabile che permangono alcune difficoltà da affrontare se l’amministrazione Biden vuole lavorare con la Cina per perseguire la pace in Ucraina, tra cui la posizione rigida dell’Ucraina sul ritorno di tutto il territorio perso e la possibile intensificazione della Russia verso la guerra nucleare se dovesse perdere la Crimea. Una possibile soluzione sarebbe un cessate il fuoco negoziato e duraturo, che accettasse de facto (ma non de jure) il controllo russo di alcuni territori ucraini, in attesa di futuri negoziati, in una situazione congelata simile a quella di Cipro, Kashmir e altrove. Il tutto in attesa di futuri negoziati.

In definitiva, l’amministrazione statunitense sembra essere interessata alla mediazione cinese nella guerra Russia-Ucraina, ma ci sono due corollari essenziali da considerare. Il primo riguarda l’impegno degli Stati Uniti a usare la loro influenza per prevenire una futura offensiva ucraina e la necessità di costruire fiducia tra Stati Uniti e Cina. Tuttavia, questo potrebbe essere difficile data la rottura delle relazioni tra i due paesi e la politica statunitense nei confronti dell’accordo di Minsk II del 2015. Il secondo corollario riguarda il coinvolgimento cinese nella ricostruzione dell’Ucraina e il suo ruolo nella sicurezza europea, il che andrebbe contro la politica statunitense nei confronti della Cina. L’amministrazione Biden deve decidere se costruire su questo possibile cambiamento di tono verso la Cina o riprendere il suo cammino verso l’apertura del conflitto.

 

 

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

La UE è in Guerra ma avvia procedure d’infrazione del deficit per gli stati membri

L'articolo di Lorenzo Torrisi sul Sussidiario del 20 giugno...

Allo studio nuovi metodi per fare il guerriero perfetto, un uomo finalizzato al combattimento

L'esercito degli Stati Uniti sta pianificando lo sviluppo di...

La Casa Bianca etichetta i video che mostrano Biden smarrito ed estraniato, come ‘fake’

La vicepresidente Kamala Harris ha accolto alla Casa Bianca...
Exit mobile version