Dopo aver eliminato la libertà di movimento, ci viene tolta la libertà di espressione per renderci ancor più irrilevanti

Gli italiani sono tenuti chiusi in casa per il coronavirus (e va bene lo accetto se è per necessità). Ma insieme al coronavirus passano provvedimenti restrittivi la libertà che non c’entrano affatto con l’emergenza sanitaria: innanzitutto – dopo dopo un farsesco e poco credibile  ruggito del coniglio – viene silenziato l’approvazione del MES, poi comprimono libertà costituzionali fondamentali come la libertà di opinione istituendo a Palazzo Chigi una task force per scovare le  fake news e ‘fonti tossiche’ che mettono a ‘repentaglio la coesione sociale e la democrazia’..

Il governo ha già tirato i remi in barca riguardo al MES. I media fanno il loro mestiere: minimizzano. Le soluzioni alternative neanche esaminate, preclusione totale ad emanciparsi al giogo di una Unione che non esiste. Al perverso e malato processo di distribuzione della moneta a debito alle banche private italiane, si aggiungeranno altri vincoli in un periodo di recessione mondiale senza precedenti. Accanto a questo, è sospesa la democrazia (e questo non c’entra con il coronavirus). Prova ne è la forte ed improvvisa preoccupazione per le fake news. Si elimina così l’unica possibilità di espressione durante l’isolamento sociale, ovvero la possibilità di esprimersi liberamente e di  orientarsi attraverso un pluralismo informativo.

Cari amici, ascoltate quanto dice nel video dice Gianluigi Paragone, giornalista, conduttore televisivo e politico italiano sull’ultimo provvedimento statale sulla libertà di opinione, libertà fondamentale costituzionale.

“Ci hanno limitato la libertà personale. Adesso vogliono comprimere anche la libertà di espressione. Io non voglio assolutamente comitati contro Fake News legittimati da Palazzo Chigi!”

E’ da prendere maledettamente sul serio. Se volete approfondire , ne ho già parlato qui: https://www.vietatoparlare.it/istituita-una-nuova-task-force-governativa-vigilera-sulle-fake-news/

patrizioricci by @vietatoparlare