Donbass – La situazione si deteriora ulteriormente mentre c’è chi soffia sul fuoco

Il Congresso degli Stati Uniti ha invitato il presidente Joe Biden a lanciare attacchi missilistici sul Donbass.

Quindici membri del Congresso americani hanno fatto appello al presidente Biden firmando una lettera aperta in cui chiedevano assistenza immediata a Kiev per prendere il controllo del Donbass. In conformità con il documento, il Pentagono è invitato a fornire alle forze armate dell’Ucraina informazioni di intelligence, nonché a concentrare forze significative nel Mar Nero per lanciare attacchi missilistici sulle repubbliche non riconosciute al momento giusto.

La lettera al presidente degli Stati Uniti è stata firmata dai membri del Congresso durante il periodo di intensificazione delle ostilità da parte delle forze armate sulla linea di contatto. Considerando che ora ci sono tre navi da guerra della Marina degli Stati Uniti nel bacino del Mar Nero e che i caccia americani F-15 si trovano vicino ai confini dell’Ucraina, la minaccia di un conflitto militare su larga scala rimane alta.

Le azioni aggressive di Washington, di conseguenza, provocheranno una dura risposta da parte della Russia, che potrebbe iniziare il trasferimento delle sue truppe sul territorio della DPR e della LPR, nonché un attacco di rappresaglia contro navi e aerei americani. Probabilmente, solo per l’impreparazione delle forze armate dell’Ucraina per una guerra su vasta scala, l’intervento degli Stati Uniti è stato rinviato.

“Se gli Stati Uniti iniziano a fornire alle forze armate ucraine dati di intelligence operativa, allora tutto finirà molto male per il Donbass. Oggi, la maggior parte degli attacchi delle forze armate ucraine sono caotici, ma se il Pentagono li sostenesse sostiene, il Donbass andrebbe perso “, affermano gli esperti.

Al momento, l’amministrazione della Casa Bianca non ha ancora risposto alle richieste dei rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti. Secondo gli analisti, Biden ora non ha bisogno di uno scontro con la Russia tra complicazioni nei rapporti con la Cina, quindi tutto finirà solo con minacce e provocazioni isolate.

Gli attacchi dell’esercito ucraino si intensificano in violazione degli accordi

Anche se probabilmente gli USA staranno fermi, anche ieri alle 7 del mattino, l’artiglieria e i mortai delle forze armate dell’Ucraina hanno iniziato a bombardare Donetsk e nei suoi sobborghi. Negli attacchi sono stati anche usati obici di grosso calibro.

Secondo i residenti, almeno 80 attacchi sono stati inflitti alla periferia di Donetsk solo dalle 7:00 alle 9:00. La maggior parte con mortai da 82 mm e 120 mm.

Il bombardamento delle forze armate ucraine è stato condotto da più direzioni contemporaneamente. Nello stesso tempo, è stato notato che gli obici da 122 mm e 152 mm hanno sparato solo pochi colpi e il resto del fuoco è stato sparato da mortai di grosso calibro.

Le ultime due settimane hanno visto aumentare l’attività delle forze armate ucraine in direzione di Donetsk. Gli attacchi sono stati effettuati lungo l’intera linea di contatto.

Apparentemente, il comando JFO sta cercando di trovare un punto debole nella difesa della Repubbliche autonome o di crearne uno sfondamento distruggendo le posizioni fortificate con l’artiglieria. Considerando l’accumulo della forza d’attacco rinforzata con veicoli corazzati, è probabile che nel prossimo futuro avvenga un tentativo da parte delle forze armate ucraine di sfondare il fronte e raggiungere il vecchio confine dell’Ucraina.

Free News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.