Documenti segreti militari britannici rinvenuti vicino alla fermata di un bus londinese: la GB prevedeva una furiosa reazione russa all’incursione in Crimea

La Gran Bretagna ha riflettuto su cosa avrebbe potuto fare Mosca se avesse inviato una nave da guerra in acque contese, vicino alla Crimea, secondo documenti “segreti” presumibilmente trovati a una fermata dell’autobus. La fuga di notizie è arrivata dopo che Londra è stata scoperta diaver mentito sull’incidente.

Secondo quanto riferisce il dossier di 50 pagine rinvenutodietro una fermata dell’autobus del Kent martedì mattina, il viaggio dell’HMS Defender attraverso il Mar Nero, è stato programmato come provocazione deliberata. La persona che ha scoperto i documenti, ha contattato la BBC dopo aver realizzato la loro natura sensibile. Il dossier include e-mail e presentazioni PowerPoint e si ritiene che sia stato sottratto nell’ ufficio di un alto funzionario del Ministero della Difesa britannico.

Un portavoce del ministero ha affermato che un dipendente ha segnalato la perdita di documenti sensibili, aggiungendo che sarebbe “inappropriato” commentare ulteriormente. Ora è in corso un’indagine per determinare come i documenti siano finiti alla fermata dell’autobus, ha detto la BBC.

Il Ministero della Difesa  aveva reagito alle dure proteste russe, definendo la missione del cacciatorpediniere della Royal Navy, come un “passaggio innocente attraverso le acque territoriali ucraine”. Il dossier illustra che i pianificatori militari britannici credevano così di  avere una “motivazione forte e legittima” per passare attraverso l’area contesa e dissero che avere giornalisti a bordo della nave da guerra avrebbe aiutato a fornire “verifica indipendente” delle azioni della nave .

Tuttavia, il dossier dimostra che le forze russe avrebbero probabilmente visto l’ itinerario di viaggio dell’HMS Defender in modo diverso.

In altri termini ,  nel dossier classificato si prevedeva che ci sarebbe stata una”festa di benvenuto”.

Una serie di diapositive preparate dal quartier generale congiunto permanente del Regno Unito (PJHQ) ha offerto due potenziali percorsi attraverso il Mar Nero, con uno descritto come “un transito diretto sicuro e professionale da Odessa a Batumi”. Il piano prevedeva un breve tratto attraverso uno “schema di separazione del traffico” situato vicino alla punta sud-ovest della Crimea. La scelta di questa rotta – dice il dossier – “offrirebbe l’opportunità di impegnarsi con il governo ucraino… in quelle che il Regno Unito riconosce come acque territoriali ucraine”.

La BBC ha affermato che il dossier smarrito delineava potenziali risposte russe, che andavano da “sicure e professionali” a “né sicure né professionali”.

I documenti hanno anche previsto la possibilità di tenere l’HMS Defender lontano dalle acque contese. Questo piano eviterebbe qualsiasi potenziale scontro, ma consentirebbe anche alla Russia di affermare che il Regno Unito era “spaventato” o “scappava”, affermava il dossier segreto.

Una delle presentazioni contenute nella raccolta di documenti riservati ha osservato che i contatti tra le forze russe e britanniche nell’area sono stati in gran parte “irrilevanti” ma che, “in seguito al passaggio dall’attività di ingaggio della difesa all’attività operativa, è altamente probabile che. . le interazioni diventeranno più frequenti e assertive.”

Mosca ha detto che la missione di mercoledì l’ha spinta a sparare colpi di avvertimento contro la nave. Cosa che è stata rapidamente smentita dal Ministero della Difesa del Regno Unito , sostenendo che la nave stava effettuando “un passaggio innocente attraverso le acque territoriali ucraine in conformità con il diritto internazionale” e che i colpi russi facevano parte di un’esercitazione di artiglieria pre-programmata.

Giovedì sera, è emerso un video che mostra le forze russe che chiedono ripetutamente che i britannici lascino le loro acque e, dopo diversi avvertimenti, tirano colpi di avvertimento contro la nave intrusa. (vedi qui i video: https://www.vietatoparlare.it/provocazione-di-cacciatorpediniere-britannico-in-acque-russe-la-difesa-territoriale-spara-colpi-di-avvertimento/ )

I giornalisti che all’epoca si trovavano a bordo della nave da guerra britannica hanno suggerito che lo scontro con le forze russe era previsto. Un giornalista ha osservato che “allarmi sempre più ostili sono stati emessi via radio” dalla guardia costiera russa.

La Russia ha convocato l’ambasciatore britannico, così come l’addetto militare del Regno Unito a Mosca, per protestare contro l’incidente


fonte Sott.net (https://www.sott.net/article/454762-Secret-British-military-docs-found-near-BUS-STOP-reveal-UK-foresaw-furious-Russian-reaction-to-Crimea-incursion)

Exit mobile version