Discorso del presidente siriano alla nazione dopo il completamento della liberazione di Aleppo

TRADUZIONE INTEGRALE DEL DISCORSO DEL PRESIDENTE ASSAD
Presidente al-Assad : “Il nostro esercito non esiterà mai a svolgere i suoi compiti nazionali, e sarà come è sempre stato – un esercito dal popolo e per il popolo” – il discorso di oggi del Presidente Assad, dopo la vittoria definitiva in Aleppo

Il presidente Bashar al-Assad ha dichiarato oggi, nel discorso televisivo che Aleppo e la Siria hanno ottenuto la vittoria, aggiungendo che l’esercito siriano non esiterà mai a svolgere i suoi compiti nazionali.
Ha aggiunto che la battaglia di liberare tutta la campagna di Aleppo e Idleb continua.
Il presidente al-Assad ha iniziato il discorso salutando il popolo di Aleppo per la sua fermezza, fede, coraggio e sacrifici.
Ha dichiarato : “Quando la città di Aleppo è stata liberata alla fine del 2016, ho detto che ciò che era prima della liberazione della città di Aleppo non sarà lo stesso di quello che sarà dopo, e l’ho basato sulla mia conoscenza di dove i membri di le nostre forze armate mirano con i loro cuori e i loro menti. Ho basato ciò sulla mia convinzione che il patriottismo del popolo di Aleppo e la sua fedeltà alla loro terra natale e all’esercito della patria capovolgeranno i calcoli dei nemici.

“È quello che è successo, ma Aleppo ha dovuto pagare un prezzo eccezionale pari alla grandezza della sua gente e al patriottismo della sua posizione.
Anni di bombardamenti violenti e barbari che hanno colpito la maggior parte dei quartieri, decine di migliaia di martiri, feriti, orfani, persone che hanno perso figli e vedove. Anni di assedio senza acqua, elettricità o altre necessità di vita, tutto perché Aleppo si inginocchi e la sua gente si arrenda.

“Con ogni involucro insidioso che era caduto, le speranze dei nemici aumentavano che Aleppo diventasse un altro Aleppo, uno che non è mai esistito nel corso della storia, un Aleppo che non costituisce con il suo gemello Damasco le ali con cui la patria vola – piuttosto un Aleppo la cui gente starebbe con traditori davanti ai maestri, inginocchiandosi e prostrandosi davanti a loro, a partire da pochi dollari e molta disgrazia.”

“Era nei loro sogni – ma nel nostro mondo reale, con ogni proiettile caduto, la paura è sparita e la volontà di sfidare è cresciuta. Con ogni martire, lo spirito nazionalista cresce e la fiducia nella patria divenne più forte. Nel nostro mondo reale, è rimasto il vero Aleppo, l’Aleppo di storia, nobiltà e autenticità. E poiché è così, la sua gente non si è accontentata della fermezza solo nel senso di sopportare il dolore, la sofferenza e l’accettazione dello status quo, ma piuttosto nel senso del lavoro e della produzione che sono persistiti negli anni dell’assedio nonostante le condizioni che contraddicono qualsiasi senso economico.”

“Nonostante ciò, questa città ha continuato a contribuire – anche se come minimo – all’economia nazionale, e sono fiducioso che questo tipo di fermezza che riflette una volontà concreta e un profondo senso di appartenenza è ciò che solleverà Aleppo dalle ceneri di guerra per ripristinare la sua posizione di leader naturale nell’economia siriana “, ha affermato il presidente al-Assad.

Il presidente al-Assad ha aggiunto: “È vero che la liberazione della città nel 2016 non ha raggiunto la sicurezza desiderata per la città in quel momento, ed è rimasta sotto la minaccia di bombe insidiose e codardi, ed è anche vero oggi che la vittoria in una battaglia non significa la vittoria nella guerra, ma ciò è dovuto alla logica militare astratta che si basa su finali e risultati.
Tuttavia, secondo la logica nazionale, la vittoria inizia con l’inizio della fermezza, anche se era al primo giorno, e con quella logica, Aleppo è vittorioso e la Siria è vittoriosa. Siamo tutti vittoriosi per la paura che avevano cercato di instillare nei nostri cuori, vittoriosi per le illusioni che hanno cercato di instillare nelle nostre menti, vittoriosi per la frammentazione, l’odio, il tradimento e tutti coloro che rappresentano o portano o praticano queste qualità.

“Tuttavia, siamo pienamente consapevoli che questa liberazione non significa la fine della guerra, o il fallimento degli schemi, o la scomparsa del terrorismo o la resa dei nemici, ma certamente significa strofinare i loro nasi nella sporcizia come preludio per la completa sconfitta, prima o poi “, ha affermato il Presidente.

“Significa anche che non dobbiamo rilassarci – piuttosto dobbiamo prepararci per le prossime battaglie. Pertanto, la battaglia per liberare la campagna di Aleppo e Idleb continuerà a prescindere da alcune “bolle sonore vuote” provenienti dal nord, e continuerà anche la battaglia per liberare tutto il territorio siriano, schiacciare il terrorismo e raggiungere la stabilità “.

Il Presidente ha continuato dicendo : “Il nostro Esercito Arabo Siriano non esiterà mai a svolgere i suoi doveri nazionali, e sarà come è sempre stato : un esercito del popolo e per il popolo. Nel corso della storia, nessun esercito è emerso vittorioso a meno che il popolo non sia unito ad esso nella sua battaglia, e quando è unito al popolo nella sua visione e causa, e questo è ciò di cui abbiamo assistito ad Aleppo e in altre città siriane, dove il popolo ha abbracciato l’esercito lo ha protetto, difeso e fatto sacrifici.

“Mentre stiamo vivendo momenti di gioia, dobbiamo ricordare che questi momenti sono stati resi possibili da anni di dolore, angoscia e tristezza, per la perdita delle persone care che ha dato la vita per la vita e la felicità degli altri. Mentre ci inchiniamo in onore della grandezza dei nostri martiri e feriti, è anche nostro dovere rimanere in onore della grandezza delle loro potenti famiglie. Se la vittoria deve essere dedicata, allora è dedicata a loro, e se qualcuno dovrebbe ricevere credito per essa, allora loro meritano il merito. Li saluto per i bambini cresciuti e saluto i loro figli per i loro sacrifici. Saluto tutti gli eroi del nostro grande esercito e le forze alleate. Saluto la forza dei loro corpi nel freddo e nel gelo mentre noi , il resto, stiamo nel calore e nella sicurezza. ”

Il presidente al-Assad ha continuato a salutare “i nostri fratelli, amici e alleati che stavano spalla a spalla con l’esercito a terra e sono guardie aquile nel cielo, il loro sangue si mescola al sangue del nostro esercito che fu versato ad Aleppo, Aleppo fedele alla sua terra natale e alla sua storia, che non dimenticherà mai il sangue di coloro che ne fecero sacrifici e che tornerà com’era e più forte.

“La nostra amata gente ad Aleppo, mi congratulo con te per la vittoria della tua volontà, la volontà con cui condurremo la battaglia più grande: la battaglia per costruire Aleppo. Per volontà di tutto il popolo siriano costruiremo la Siria e continueremo la liberazione, a Dio piacendo ”, ha concluso il presidente al-Assad.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.