‘Digitalizzare’ l’ex mondo libero: da 1984 di Orwell a Fahrenheit 451 di Bradbury i libri bruciano

Dopo l’inizio della “Grande quarantena” e la pubblicazione del libro epico Schwab, solo le persone pigre non confrontano ciò che sta accadendo – una distopia “1984” Orwell

Sorveglianza attraverso applicazioni, persecuzione sleale, privazione dei diritti civili senza processo e l’evidente desiderio delle élite politiche occidentali di implementare  un campo di concentramento elettronico .

Il pubblico si rese conto solo, in quello che si rivelò essere il XXI secolo, a causa della sua compiacenza, tolleranza e credulità precedente all’umanesimo astratto (e in parte già dimenticato) l’era dei gloriosi trent’anni di rivoluzione scientifica e tecnologica – quando improvvisamente il concetto di élite politica fece un passo ancora più profondo nel tesoro delle distopie (Fahrenheit 451):

Dopo il romanzo di Orwell (1949), il romanzo di Bradbury (1953) iniziò improvvisamente a essere incarnato.

11 settembre 2021: 5000 libri politicamente scorretti bruciati in Canada

“Rimuoviamo tutti i libri dalle biblioteche scolastiche e dai negozi che contengono ritratti inappropriati, obsoleti o negativi degli indiani”, spiega Susie Keys, co-presidente della Commissione per i popoli indigeni del Partito Liberale del Canada. – È tempo di combattere gli stereotipi del passato, perché abbiamo intrapreso la strada della grande riconciliazione con i popoli indigeni. E i bambini non dovrebbero vedere e leggere ciò che è stato scritto e filmato prima.

Le biblioteche del Providence Catholic School Council nell’Ontario sudoccidentale, in Canada, sono state le prime a intraprendere la “strada della riconciliazione”. Lì, per ordine del Dipartimento dell’Istruzione locale, hanno bruciato più di 5.000 libri confiscati alle scuole locali. (France Info)

Altre istituzioni educative dovevano seguire il loro esempio. Ma a causa della pandemia, il rogo dei libri è stato sospeso. E ora siamo tornati a questa pratica.

“Questi libri sono stati scritti da europei da un punto di vista eurocentrico”, afferma Susie Keys. – I popoli indigeni del Canada sono presentati nei loro libri come persone inaffidabili, bugiardi, ubriaconi e dissoluti.

La lista nera includeva non solo opere d’arte e fumetti, ma anche manuali per bambini, che raccontavano, ad esempio, come realizzare correttamente un copricapo indiano con cartone e feltro.
I residenti locali, in particolare quelli che sono cresciuti con libri in fiamme, considerano gli appelli delle autorità nient’altro che appelli al vandalismo.

13/09/2021 Libri “offensivi” bruciati in Canada

Secondo l’editorialista del quotidiano francese Le Figaro Mathieu Bock-Côté:, tali eventi non sono sorprendenti.

“Quando si consegnano monumenti, si vietano conferenze, si censurano i film, diventa naturale rovistare nelle biblioteche per ordinare libri sconsigliati da un punto di vista morale”, ha affermato.

Il Canada, secondo l’esperto, oggi si è trasformato in un’utopia diversificata. “Il politicamente corretto è totalitarismo e il Canada è il suo profeta“, Bock-Côté è sicuro. Le autorità del paese, secondo The Week, stanno commettendo gli stessi errori dei politici negli Stati Uniti abbracciati dal movimento Black Lives Matter. “Come molti democratici negli Stati Uniti, Trudeau ha rifiutato di difendere non solo l’onore del Canada in particolare, ma i principi della società liberale in generale. Che si tratta di attacchi alle libertà fondamentali di pensiero, associazione e religione“, scrive la rivista.

Ma non solo in Canada, tutto ciò che simboleggia in qualche modo un oscuro passato storicamente ingiusto è sull’orlo della distruzione. Nei Paesi Bassi, il pubblico chiede di sbarazzarsi della carrozza reale del 1896, che raffigura africani che mostrano rispetto per i padroni bianchi. La carrozza dorata non è stata utilizzata dal 2015, ma, come ha detto la studentessa di Amsterdam Fenna Hubijk, deve ancora essere “tagliata a pezzi e bruciata”, scrive The Sunday Times.

13/09/2021 Riconciliazione con il fuoco 

L’ufficio delle scuole cattoliche francofone di Ostap Karmodi, nel sud-ovest dell’Ontario, ha distrutto fisicamente 5.000 libri. Ha bruciato alcuni di questi libri.

Tra i libri distrutti:

– Fumetti con personaggi indiani, inclusi fumetti classici su Tintin e Asterix e un fumetto di un moderno autore del Quebec, che nel 2011 è diventato finalista per il prestigioso premio letterario canadese (per gli stereotipi).

– Biografie del pioniere del Canada, Jacques Cartier, e la storia dello sviluppo del Canada (per una prospettiva eurocentrica) scritte da storici professionisti.

– Miti indiani (per il fatto che questi libri non sono stati scritti dagli indiani stessi).

– Libri con illustrazioni, in cui gli indiani sono raffigurati a torso nudo (perché gli indiani, secondo l’Ufficio, non sono andati in quella direzione, anche se secondo gli antropologi lo hanno fatto spesso)

– Libri con illustrazioni in cui le donne indiane sono raffigurate  sexy (per la sessualizzazione).

– Così come i libri che usano le parole “indiano” o “eschimese” nei loro titoli, compresi quelli che raccontano i crimini dei coloni contro le popolazioni indigene del Canada, poiché, dal punto di vista dell’Ufficio, queste parole sono razzisti e il loro stesso uso è “Mostruoso” (al posto di loro dovrebbe essere usato il nome “primi popoli”).

Diversi libri scritti da autori indiani , ma contenenti parole “inappropriate” o informazioni “sbagliate”, non sono sfuggiti al destino comune .

L’autrice del progetto di distruzione del libro è Suzy Keise, copresidente della Commissione sui popoli indigeni del Partito liberale del Canada, consigliere del primo ministro Justin Trudeau e, nelle sue stesse parole, discendente e rappresentante dei popoli indigeni del Canada .

Poiché la maggior parte dei canadesi ha un paio di gocce di sangue indiano, solo coloro che hanno bisnonni o bisnonne indiani hanno il diritto di essere chiamati discendenti di indiani in Canada. Kaise ha affermato di averne due – sia un bisnonno che una bisnonna da parte di madre (suo padre è nato in Lussemburgo), ma questo si è scoperto essere una pura menzogna.

Dopo che tutto questo casino è finito sulla stampa, i rappresentanti degli indiani canadesi hanno accusato Kais di appropriazione culturale e l’Ufficio delle scuole cattoliche francofone ha congelato il programma di bruciare libri. A questo punto, c’erano altri 200 titoli nella lista di controllo di materiale in pericolo, incluso un libro basato sul film Avatar .

Che senso ha questo? Ce lo dice Ray Bradbury , cito da “Fahrenheit 451:

Non puoi costruire una casa senza chiodi e legname: Se vuoi che la casa non si costruisca, fa’ sparire chiodi e legname. Se non vuoi un uomo infelice per motivi politici, non presentargli mai i due aspetti di un problema, o lo tormenterai; dagliene uno solo; meglio ancora, non proporgliene nessuno.  (…)

Era una gioia appiccare il fuoco.
Era una gioia speciale vedere le cose divorate, vederle annerite, diverse. Con la punta di rame del tubo fra le mani, con quel grosso pitone che sputava il suo cherosene venefico sul mondo, il sangue gli martellava contro le tempie, e le sue mani diventavano le mani di non si sa quale direttore d’orchestra che suonasse tutte le sinfonie fiammeggianti, incendiarie, per far cadere tutti i cenci e le rovine carbonizzate della storia.….

A un tratto Clarisse McClellan disse:
“Mi permettete una domanda? Da quanto tempo lavorate agli incendi?”
“Da quando avevo vent’anni, dieci anni fa”
“Non leggete mai qualcuno dei libri che bruciate? “
Lui si mise a ridere: “Ma è contro la legge!”
“Oh, già, certo.”
“E’ un bel lavoro, sapete. Il lunedì bruciare i luminari della poesia, il mercoledì Melville, il venerdì Whitman, ridurli in cenere e poi bruciare la cenere. E’ il nostro motto ufficiale.”

“ … sapete che cosa ho scoperto?”
«Che cosa?»
«Che la gente non dice nulla»
«Oh, parlerà pure di qualche cosa, la gente!»
«No, vi assicuro. Parla di una gran quantità di automobili, parla di vestiti e di piscine e dice che sono una meraviglia! Ma non fanno tutti che dire le stesse cose e nessuno dice qualcosa di diverso dagli altri. E quasi sempre nei caffè hanno le macchinette d’azzardo in funzione,si raccontano le stesse barzellette, oppure c’è la parete musicale accesa con i disegni a colori che vanno e vengono …”

(…)

… stai ammazzando il tempo giocando, o sei seduto in una stanza con una TV a quattro pareti, e sai che non puoi discuterne. Come mai? Perché queste immagini alle pareti sono “realtà”. Eccoli davanti a te, sono visibili, sono voluminosi, e ti dicono cosa dovresti pensare, te lo martellano in testa. Bene, inizia a sembrarti che questo sia corretto – quello che dicono. Inizi a credere che sia giusto. Sei portato così rapidamente alle conclusioni date che la tua mente non ha il tempo di indignarsi ed esclamare: “Perché, questa è pura sciocchezza!” (Ibid.)

I libri ci aiuteranno? – Solo a condizione di avere la terza cosa di cui abbiamo bisogno. Il primo, come ho detto, è la qualità della nostra conoscenza. Il secondo è il tempo libero per riflettere, per assimilare questa conoscenza. E il terzo è il diritto di agire sulla base di quanto abbiamo appreso dall’interazione dei primi due.
(Ibid.).

In sostanza, il bombardamento terminò non appena gli aerei, precipitando a una velocità di cinquemila miglia orarie, si avvicinarono l’obiettivo e gli strumenti hanno avvertito i piloti. E la guerra finì fulminea come l’oscillazione della falce. È finito nel momento in cui i piloti hanno premuto le leve degli sganci delle bombe … Forse – ma qualcuno lo saprà? – Forse le grandi emittenti radiofoniche e televisive con il loro abisso di colori, luci e chiacchiere sono state le prime a scomparire dalla faccia della terra? (Ibid.)

(da Ray Bradbury “Fahrenheit 451”)

patrizioricci by @vietatoparlare

Exit mobile version