Die Welt: brutte notizie per la Germania, ora dovrà gestire un'altra Italia

[ad_1]
Per il prestigioso quotidiano di Amburgo il discorso di Macron di lunedi’ sera segna il definitivo spostamento dell’equilibrio interno all’unione monetaria in favore del Club Med (Spagna e Italia). L’uomo di Berlino a Parigi, il giovane Macron, ha deluso le aspettative dei neoliberisti tedeschi, come era accaduto con Renzi in Italia, e ora i tedeschi dovranno capire come sarà possibile gestire un’altra Italia nella stessa unione monetaria. Ne scrive su Die Welt Olaf Gersemann, responsabile sezione economia nonché commentatore di spicco.
In Germania, il salario minimo legale è di 8,84 euro all’ora. E i malumori per il passaggio a fine anno a 9,19 euro sono relativamente pochi – dopotutto il paese si sta dirigendo verso la piena occupazione, almeno fino a quando l’attuale fase di crescita non porterà ad una recessione.
In Francia il salario minimo legale è molto più alto, 9,88 euro l’ora, e anche la disoccupazione è molto più alta – nel confronto europeo la Francia è al quarto posto, solo Grecia, Italia e Spagna riescono a fare peggio.
Se all’Eliseo ci fosse un riformatore con qualche ambizione, saprebbe cosa fare: assicurarsi che il salario minimo aumenti solo modestamente o, nel migliore dei casi, per niente. Non sarebbe una condizione sufficiente, ma comunque necessaria affinché la disoccupazione possa almeno iniziare a scendere in maniera simile a quanto accade su questa sponda del Reno.
Emmanuel Macron tira fuori le pistole. Per settimane, i giubbotti gialli hanno imperversato in Francia, lunedì sera, il presidente francese ha risposto con un discorso televisivo. Quella sarebbe stata l’occasione per contrastarne gli eccessi. Quella era l’occasione giusta per passare all’offensiva, per proporre la visione di una Francia prospera che richiede anche dei sacrifici da parte dei suoi cittadini sulla strada necessaria per raggiungere l’obiettivo.
Macron non solo ha perso un’opportunità. Ma ha legittimato le rivolte ex-post proclamando lo “stato di emergenza economica e sociale” e strisciando incontro alla folla che incendia le auto di piccola cilindrata.
Aumento del minimo salariale di quasi il sette per cento
La più simbolica delle sue concessioni: il salario minimo dovrebbe salire di 100 € al mese. Cioè, in un colpo solo, un aumento pari a tutti gli aumenti degli ultimi sei anni messi insieme. Il salario minimo salirà di quasi il sette percento, a 10,54 euro all’ora.
Che la disoccupazione in seguito a questo aumento rischia di crescere ancora, lo sa bene anche Macron. Ecco perché dovrebbe essere lo stato a pagare i 100 euro. Tra le altre cose, è disposto anche ad accettare il superamento da parte della Francia del limite di deficit del 3% in rapporto al PIL fissato dai criteri di Maastricht; Parigi nel 2017, per la prima volta a partire dal 2007, aveva rispettato il criterio unicamente grazie alla politica dei tassi a zero della BCE. Devi essere davvero cinico allora, se pensavi di rimettere in questo modo la Francia “En Marche” – in movimento.
La speranza è sempre stata quella che Macron potesse trasformarsi nel Gerhard Schröder francese: un uomo che, se necessario, avrebbe messo in pericolo il suo mandato pur di riuscire a fare la giusta politica economica. Invece Macron si è fatto piccolo ed è diventato la versione francese di Matteo Renzi. Il primo ministro italiano è stato presidente del consiglio dal 2014 al 2016, anche lui era di bell’aspetto, giovane e dinamico, e a suo tempo prometteva le stesse cose di Macron: formule magiche senza effetti collaterali.
Alla fine l’Italia, lungo la strada che porta alla bancarotta dello stato, ha perso solo del tempo prezioso. Ad avvantaggiarsene politicamente sono stati i ciarlatani dell’estrema destra e dell’estrema sinistra che ora a Roma dirigono le operazioni.
 
Brutte notizie per la Germania
La Francia, un paese che in realtà avrebbe ancora il potenziale economico per contendere alla Germania il primo posto in Europa, ora rischia di inciampare dietro all’Italia lungo la strada che porta in terza divisione. Difficilmente potrà permettersi un altro presidente conciliante: la lenta e strisciante caduta del paese, a partire dalla crisi finanziaria ha subito un’accelerazione e ora rischia di trasformarsi in una retrocessione permanente.
Per la Germania si tratta di una brutta notizia. Economicamente. Ma anche politicamente. Già al culmine della crisi dell’euro, in considerazione del suo peso economico, è sempre dipeso tutto dalla Francia: se Parigi sta dalla parte di Berlino, si può evitare che l’unione monetaria finisca sotto l’influenza del Club Med informale guidato da Italia e Spagna e scivoli nell’unione di trasferimento. D’altra parte, se Parigi si mette dalla parte di Italia e Spagna – o se rimane neutrale – allora l’intera costruzione si ribalta.
Per 15 mesi la Berlino politica si è occupata maniacalmente del modo in cui si poteva rispondere alle proposte di riforma dell’euro e dell’Europa, presentate da Macron nel settembre 2017 subito dopo le elezioni tedesche in occasione del discorso alla Sorbonnne di Parigi. Proposte che fondamentalmente mirano a spillare il denaro e la sovranità dei contribuenti tedeschi.
Memori della performance di Macron nella disputa sui gilet gialli, ora a Berlino ci si potrà occupare con fiducia di altre cose. Cose più urgenti. La questione consiste esattamente nel modo in cui si dovrà gestire una situazione in cui la Germania all’interno dell’Unione monetaria e nell’UE, non avrà piu’ a che fare con una sola Italia. Ma con due.

Source link

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.