Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti rispetto alla situazione attuale

Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti rispetto alla situazione attuale 2

Il giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti, il 4 luglio 1776, nasceva un interessante documento storico. Il Testo diceva: “(…) “Noi riteniamo che sono per se stesse evidenti queste verità: che tutti gli uomini sono creati eguali; che essi sono dal Creatore dotati di certi inalienabili diritti, che tra questi diritti sono la Vita, la Libertà, e il perseguimento della Felicità; che per garantire questi diritti sono istituiti tra gli uomini governi che derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tende a negare questi fini, il popolo ha diritto di mutarla o abolirla e di istituire un nuovo governo fondato su tali principi e di organizzarne i poteri nella forma che sembri al popolo meglio atta a procurare la sua Sicurezza e la sua Felicità.

Certamente, prudenza vorrà che i governi di antica data non siano cambiati per ragioni futili e peregrine; e in conseguenza l’esperienza di sempre ha dimostrato che gli uomini sono disposti a sopportare gli effetti d’un malgoverno finché siano sopportabili, piuttosto che farsi giustizia abolendo le forme cui sono abituati. Ma quando una lunga serie di abusi e di malversazioni, volti invariabilmente a perseguire lo stesso obiettivo, rivela il disegno di ridurre gli uomini all’assolutismo, allora è loro diritto, è loro dovere rovesciare un siffatto governo e provvedere nuove garanzie alla loro sicurezza per l’avvenire” .(Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti).

Mai nella storia, né prima né dopo, si è raggiunta tale brevità, chiarezza e universalità della presentazione dei seguenti principi di legittimità del potere politico:
1) Finalità. Il governo legittimo mira a proteggere i diritti di ogni cittadino.
2) Consistenza. La struttura del governo è concordata con la maggioranza dei cittadini.
3) Imperfezione. Comprendere che il governo a volte commette errori e danneggia i cittadini.
4) Controllabilità. Per errori sistematici, il governo è soggetto a rovesciamento.

Dopo una serie di rivoluzioni e guerre per i successivi 170 anni (verso la metà del XX secolo), una tale concezione del potere politico divenne comune a tutti i paesi civilizzati e sembrò che questo, se non per sempre, almeno per un tempo molto lungo. Ma passarono altri 70 anni e tutti e quattro i punti subirono un silenzioso smantellamento successivo. Negli anni ’20, menzionare uno di questi punti suscita solo un sorriso scettico o una risata di scherno da parte del pubblico.

Qui, naturalmente, ogni ragionevole seguace del materialismo storico (anche non necessariamente marxista) obietterà che il potere politico ha sempre ignorato questi quattro punti e ne darà una definizione storica: “lo Stato è un’organizzazione politica della classe dirigente del paese, guidato dal governo e dai suoi organi, che hanno il compito di preservare l’ordine esistente e la soppressione degli oppositori di classe ”

Ma probabilmente sarà d’accordo che nella seconda metà del 20 ° secolo nei paesi sviluppati, il potere politico ha rappresentato con successo seguendo i quattro punti di legittimità. Quelli. il potere politico ha almeno evitato una aperta violazione pubblica di questi quattro punti.

Ma nel 21° secolo, le violazioni sono diventate pubbliche e dal 2020 – dimostrative. Così, il potere politico si è completamente delegittimato e (improvvisamente) si è rivelato essere solo una delle forme di terrorismo – secondo la definizione accettata: “Il terrorismo è un metodo per raggiungere obiettivi politici, ideologici, economici e religiosi attraverso la violenza e l’intimidazione di civili”

Vp News

Exit mobile version