Der Spiegel pubblica documento segreto: la Nato non avrebbe accettato paesi dell’ex blocco sovietico

"Non possiamo offrire alla Polonia e al resto l'adesione alla NATO"

Reagan ha partecipato tre volte ai negoziati con Mikhail Gorbaciov: a Ginevra nel 1985, a Reykjavik nel 1986 e a Mosca nel 1988. Foto: Il segretario generale del Comitato centrale del PCUS Mikhail Gorbachev e il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan firmano il Trattato sull'eliminazione dei missili a medio e corto raggio alla Casa Bianca, 1987Biblioteca presidenziale Ronald Reagan

La pubblicazione tedesca Der Spiegel ha riportato la scoperta di un documento d’archivio, che, come dice l’articolo, rafforza la versione delle autorità russe secondo cui quando la Germania fu unificata, all’Unione Sovietica fu promesso che la NATO non si sarebbe espansa a est.

In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che Mosca è stata “imbrogliata, palesemente ingannata” dai paesi occidentali, i quali hanno promesso che l’Alleanza del Nord Atlantico non si sarebbe espansa “non un centimetro a est”. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, tuttavia, ha affermato che nessuno aveva fatto tali promesse all’Unione Sovietica.

Il documento, secondo  Der Spiegel, è stato scoperto nei British National Archives dal politologo americano Joshua Shifrinson, professore alla Boston University. In precedenza, il documento era classificato come “Segreto”, ma poi è stato declassificato.

Si tratta del verbale della riunione dei direttori politici dei ministeri degli esteri di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania, tenutasi a Bonn il 6 marzo 1991. Il tema era la sicurezza nell’Europa centrale e orientale.

L’organizzazione del Patto di Varsavia a quel punto stava già implodendo , e i politici dei paesi del blocco sovietico avevano segnalato ai paesi occidentali il loro interesse ad aderire alla NATO. Tuttavia, come osserva Der Spiegel, dal documento è chiaro che inglesi, americani, tedeschi e francesi convennero che l’adesione dell’Europa orientale alla NATO era “inaccettabile”.

Secondo la nota, il direttore politico del ministero degli Esteri tedesco, Jurgen Hrobog, argomentò quanto segue: “Lo abbiamo chiarito al negoziato 2 più 4 (sull’unificazione della Germania, con la partecipazione della Repubblica federale di Germania e della DDR, oltre a USA, URSS, Gran Bretagna e Francia.  – “Kommersant” ) che non stiamo espandendo la NATO oltre l’Elba (il testo chiarisce inoltre che non stiamo parlando dell’Elba, ma del fiume Oder. –  “Kommersant ” ). Pertanto, non possiamo offrire alla Polonia e ad altri l’adesione alla NATO”. Secondo Jürgen Hrobog, questa posizione è stata concordata con il cancelliere federale Helmut Kohl e il ministro degli Esteri Hans-Dietrich Genscher.

Il rappresentante degli Stati Uniti Raymond Seitz, afferma il documento, ha concordato: “Abbiamo chiarito all’Unione Sovietica – nei colloqui 2 più 4, così come in altri negoziati – che non intendiamo beneficiare del ritiro delle truppe sovietiche dall’est Europa… La NATO non dovrebbe espandersi ad est né formalmente né informalmente”.

VP News – via Kommersant

Exit mobile version