Dante dì 2020 e Covid-19 -Usciremo a rivedere le stelle

La selva oscura non è un momento in cui Dante “gli va male”: analogamente, è alla luce di queste circostanze che stiamo vivendo che noi possiamo capire tutta la vita. Questo evento drammatico e apparentemente riduttivo per il vincolo doloroso dalla quarantena, farà capire la vita. Video da sentire in toto, significativo e bello.

Tutto per Dante è cominciato da una congiunzione avversativa, cioè da un’avversità (…tant’è amara che poco è più morte; MA per trattar del ben ch’i’ vi trovai…). Dopo questo Covid 19, dopo l’esperienza ferita che portiamo nella carne, noi non saremo più in grado di pronunciare con leggerezza l’ultimo verso dell’Inferno. Non potremo più dire sovrappensiero: «E quindi uscimmo a riveder le stelle». Come lui avremo occhi nuovi, lavati dalle lacrime.

Video di Annalisa Teggi dottore di ricerca in Letteratura comparata, scrittrice, traduttrice e autrice su Aleteia