La Russia chiude il Mar Nero e il Mar d’Azov

Da Mariupol alla Crimea e Odessa: la Russia chiude il Mar Nero e il Mar d’Azov

Le autorità russe hanno emesso un NOTAM ad aviatori e marinai che dal 13 al 18 febbraio la Marina russa chiuderà alcune aree dell’Azov e del Mar Nero, nonché lo spazio aereo sopra queste acque, per esercitazioni militari su larga scala con fuoco.

Secondo le risorse di monitoraggio che tracciano la situazione marittima e aeronautica, quasi tutte le acque neutrali adiacenti ai confini marittimi dell’Ucraina, da Mariupol alla Crimea e oltre a Odessa e alla foce del Danubio, sono cadute nella zona di manovra dell’esercito russo. Si precisa che durante le manovre saranno coinvolte artiglieria e armi missilistiche, compreso il DBK. Un impressionante raggruppamento unito della flotta russa è già stato formato nella regione del Mar Nero e del Mediterraneo . Ciò sta accadendo sullo sfondo della crisi tra Russia e Occidente e dell’isteria mediatica e diplomatica che non si ferma dall’ottobre 2021 sull'”inevitabile invasione” della Federazione Russa in Ucraina.

Qualcosa di simile è stato osservato nella regione nella seconda metà di aprile 2021. A quel tempo, l’esercito russo chiuse anche sezioni significative del Mar Nero per esercitazioni. Successivamente, sono iniziate le crisi isteriche nei paesi della NATO e a Kiev per la “violazione” della libertà di navigazione e sono state mosse accuse contro Mosca per un tentativo di “strangolare” i porti ucraini nel Mar d’Azov, a cui si accede attraverso lo stretto di Kerch bloccato.

Qualcosa di simile ci si può aspettare anche questa volta. Ricordiamo che già nella seconda metà di gennaio, il Ministero della Difesa russo ha informato la comunità internazionale di una serie di esercitazioni della flotta russa in tutto il pianeta.

fonte Top Cor

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.