Covid 19 – in aumento le file per il cibo in tutto il mondo

A causa della pandemia la  disoccupazione e la povertà è aumentata in tutto il mondo. L’emergenza mette sempre più alla luce un sistema dove aumentano le diseguaglianze e dove fette sempre più grandi di popolazione vivono correntemente a livelli minimi di sopravvivenza. L’epidemia di Covid 19, sta mettendo chiaramente alla luce che il sistema dei massimi guadagni – ottenuti tramite la globalizzazione e le pratiche speculative finanziarie – non regge. Lo dimostra l’emergenza sanitaria che ha innescato un effetto domino in tutto il mondo, con esiti impressionanti:

Sudafrica

In Sudafrica, uno dei paesi più benestanti in questo continente, le file per ricevere generi primari di sussistenza sono stati chilometriche . “Migliaia di persone fanno la fila al mattino presto nel quartiere Iterileng di Pretoria, la capitale sudafricana, per ricevere cibo, maschere, sapone e disinfettante per le mani per i più svantaggiati, duramente colpiti da contenimento”. (BfmTv)

[su_spacer]

Cile

In Sudamerica, nella capitale del Cile, Santiago, sono iniziate le rivolte per la fame. Le persone non hanno lavoro e e quindi non hanno possibilità di acquistare cibo. I problemi sono aggravati dal coprifuoco e dalla mancanza di lavoro. I residenti della città definiscono la situazione una “pandemia di fame”. La pubblicazione El Mostrador scrive che molti residenti della capitale cilena sono scesi in piazza. Si armarono di pentole, in fondo alle quali bussarono a tutti. Il maggior numero di insoddisfatti a El Bosque, dove vivono persone con un reddito estremamente basso. Anche i residenti di altri comuni hanno preso parte alle proteste, spiegando questo con il desiderio di sostenere i concittadini. Alcuni ribelli iniziarono a costruire barricate. Ammettono di non aver paura del coronavirus come della “pandemia della fame”, che si intensifica solo ogni giorno. La polizia ha cercato di pacificare la gente affamata, ma in risposta ha ricevuto solo una grandinata di pietre.

Il Cile non è l’Europa. Ma per gli standard dell’America Latina, la popolazione cilena godeva di un tenore di vita più alto che in Bolivia, Ecuador, Colombia, Venezuela, ecc. Quindi questi eventi sono molto significativi e dicono che anche nella maggior parte dei paesi del sud del mondo considerati ad un livello medio nella classifica, la fame e le rivolte stanno diventando inevitabili e quotidiane.

In un paese che fino a poco tempo fa si vantava di essere un’oasi di calma e prosperità in America Latina, di avere uno dei migliori sistemi sanitari, dove poche settimane fa si parlava di una nuova normalità e di un ritorno sicuro, all’improvviso siamo di fronte alla fame … (El Mostrador)

Per quanto riguarda l’Europa, non si può dire cosa accadrà, ma il processo è in corso.

Spagna

I nostri media nazionali non ne parlano, ma tramite la rete possiamo informarci sui i media esteri e i segnali sono preoccupanti: sono settimane che ci sono lunghe fila a Madrid: migliaia di spagnoli non possono nutrirsi. La pandemia ha portato la quarantena e con la quarantena si è registrato una forte disoccupazione, un forte deterioramento delle condizioni di vita. Migliaia di spagnoli devono fare la fila per ottenere pacchetti con una serie di elementi essenziali. Solo a Madrid, secondo le associazioni distrettuali, oltre centomila persone si sono rivolte a servizi sociali e organizzazioni di beneficenza per chiedere aiuto.. (vedi BBC)

Svizzera

La pandemia ha colpito persino la Svizzera: anche nel paese elvetico, lunghe fila per mangiare. Sabato scorso, in una delle città più ricche del mondo, Ginevra, migliaia di persone hanno fatto la fila per avere cibo gratuito. Nella città famosa per banche private, orologi di lusso e boutique di moda, le persone bisognose hanno iniziato a fare la fila alle 5 del mattino e quattro ore dopo, quando è iniziata la distribuzione di cibo, la colonna si è allungata per 1,5 chilometri, ha affermato l’associazione Caravane de Solidarite. Secondo il capo dell’associazione, Sylvanas Mastromatteo, l’evento di beneficenza di sabato era già il sesto, e ogni volta sempre più persone vengono allo stadio di hockey di Vernets, dove viene distribuito il cibo.

Un preoccupante aumento della precarietà. Il 23 maggio sono stati distribuiti 2.900 pacchi alimentari, 600 in più rispetto alla settimana precedente.

 

Exit mobile version