Cosa succede a Idlib dopo la conclusione del nuovo accordo tra Russia e Turchia?

1. Prima del cessate il fuoco, i militanti hanno organizzato un massiccio bombardamento delle posizioni dell’esercito siriano e di Hezbollah nell’area di Sarakib e in numerosi altri settori, ma non hanno registrato progressi. Sembrava tutta una manifestazione di rabbia impotente dopo che la loro prossima promessa di “arrivare a Damasco” si rivelò essere un’altra sconfitta sia tatticamente (falliti i tentativi di ieri di prendere Daddykh e Sarakib) sia operativa (per mantenere almeno il controllo diretto del fuoco sul M-5), ma questi propositi sono falliti.

2. Dopo la proclamazione del cessate il fuoco, il fuoco come era prevedibile non si è completamente fermato, ma l’intensità del fuoco è nettamente diminuita, principalmente a causa di una diminuzione dell’attività delle forze armate turche e dell’aviazione russa. Di notte e al mattino si sparava ancora, ma non così attivamente come nel mezzo delle precedenti intense ostilità. Se la Turchia è davvero determinata a realizzare un cessate il fuoco, ci vorranno diversi giorni prima che il fronte diventi relativamente tranquillo. Ciò sarà facilitato dal fatto che entrambe le parti devono compensare le perdite di persone e attrezzature dopo perdite significative dell’ultimo mese e organizzare un punto d’appoggio alle nuove frontiere.

3. E’ rilevante che Jiulani and Co. si sono rifiutati di mantenere una tregua, il che significa che il HTS rimane il principale fattore di destabilizzazione, il che può portare al fatto che la tregua e l’accordo di Mosca crolleranno. Alla luce di ciò, è degna di nota la dichiarazione del capo del partito al potere in Turchia secondo cui la Turchia è pronta insieme alla Russia a combattere contro l’HTS, che però solo la scorsa settimana ha ricevuto vari equipaggiamenti dall’esercito turco. Come sarà implementato il processo di allontanamento di HTS dalla prima linea e se questo effettivamente avverrà è una grande domanda.

4. Nella regione di Sarakib, l’iniziativa è dei siriani, Afes rimane dietro di loro, il che significa che l’intera autostrada M-5 nella sua intera lunghezza sarà sotto il loro pieno controllo. È stato riferito che le Tigri sono appostate ad Afes, ma non sono ancora state confermate. Durante la giornata di oggi, questo problema sarà finalmente chiarito, così come la effettiva sicurezza stradale sull’autostrada M-5 da Maarat-en-Numan ad Aleppo.

5. I siriani riferiscono che parte dei posti di osservazione turchi situati nella parte posteriore dell’esercito siriano saranno evacuati. In precedenza, servivano come prova del fatto che la Turchia non era d’accordo sul fatto che Assad occupasse questo territorio, ed era Erdogan a richiedere che le truppe di Assad fossero ritirate per la loro linea. Dopo che Erdogan ha accettato un nuovo status quo lungo l’autostrada M-5, anche la loro esistenza perde questo significato, quindi si prevede che spariranno nel prossimo mese.

6. La Turchia inoltre sta rallentando l’attacco all’Europa per mezzo dei rifugiati – la polizia ha smesso di cercare di guidare i rifugiati in Grecia con la forza e gli stessi rifugiati sono stati informati che la Grecia non avrebbe aperto le porte al confine. Lo strumento è stato utilizzato, l’effetto è stato blando. Tuttavia, gli europei sono riusciti a spaventare abbastanza.

7. Per quanto riguarda il trolling di Erdogan, i negoziati si sono svolti in una sala dove c’erano una statua di Caterina la Grande e composizioni in onore della guerra russo-turca del 1877-1878. Sì, è stato un evidente simbolismo, sebbene le opere riguardanti alla guerra russo-turca sia spesso vista anche in altri incontri che si sono svolti in quella stanza. Ma questa volta era molto in consona alla situazione. Erdogan, se avesse capito questo suggerimento, non avrebbe gradito le foto e i video ufficiali.

8. Le opinioni sono state divise tra i radicali turchi – alcuni credono che Erdogan abbia fatto un buon affare costringendo Assad a smettere di cercare di occupare l’intero Idlib, altri sono ancora sulla linea di Erdogan quando diceva che Assad doveva tornare dietro alle vecchie linee di Sochi. Quindi in Turchia le opinioni si dividono tra quelli che dicono che ”Erdogan ha battuto tutti” e i jihadisti che ieri hanno rimosso in massa le bandiere turche vedendosi deluse le aspirazioni associate al conflitto che non si sono concretizzate. Intanto i gruppi di supporto occidentali sono in lutto. Erdogan ha sicuramente unito tutto, l’occidente continua la collaborazione con l'”amico di Recep” che continua la collaborazione con la Russia e l’Iran.

In generale, se non c’è una ricaduta improvvisa delle ambizioni turche, o se Juliani e White Helmets si accoppiano con altre iniziative, allora stiamo assistendo alla fine effettiva della campagna invernale 2019-2020, che si è conclusa in un finale feroce e sanguinoso, in cui l’esercito siriano ha mantenuto tutto ciò che ha liberato in 2,5 mesi, ha dovuto resistere alla lotta con le forze che hanno ricevuto il sostegno diretto da uno degli eserciti più forti della NATO. Con l’aiuto della Russia e dell’Iran, i siriani hanno resistito e possono ora, in un’atmosfera più rilassata, sviluppare i territori liberati, sui quali non esiste alcun controllo del governo da 7 a 8 anni.

fonte: Col Cassad  – Traduzione Arkadi Dubov

[su_divider]

Quasi tutti i giornali turchi hanno plaudito l’accordo raggiunto, ecco i titoli:

Quasi tutte le prime pagine dei giornali turchi, parlando dell’incontro di ieri tra Putin ed Erdogan, hanno dichiarato un accordo sul cessate il fuoco a Idlib senza ulteriori indugi.

Akşam: abbiamo concordato un cessate il fuoco / compromesso storico a Mosca / Erdogan e Putin dopo un incontro di 6 ore concordato un cessate il fuoco e creato un “corridoio di sicurezza”

Akit: cessate il fuoco concordato / Idlib soldati turchi lasciano Idlib

Aydınlık: trappola Idlib

BirGün: guerra sul campo di battaglia, vertice di Mosca negli Stati Uniti / Durante un incontro a Mosca in Siria, un altro militare turco è stato ucciso.

Cumhuriyet: difficile contrattazione / Putin ha espresso condoglianze ai soldati morti, entrambi i leader hanno parlato per l’integrità della Siria

Evrensel: tregua russa / Sotto la rubrica tre punti sul cessate il fuoco e l’opinione di un professore del Dipartimento delle relazioni internazionali: Erdogan si ritira

Hurriyet: Il cessate il fuoco in Idlib / Le nostre relazioni non furono sacrificate per il regime di

Karar: Il vertice si è concluso con un cessate il fuoco / [Putin] espresse le condoglianze ai morti e difesa del regime

MilliGazete: Idlib nodo a Mosca non sciolto  / Erdogan: il nuovo status a Idlib inevitabile

Sabah: il difficile vertice si è concluso con un armistizio / Putin: ogni volta che nei momenti critici siamo stati in grado di trovare una via d’uscita, oggi è stata lo stesso

Sözcü: Il vertice si è concluso con un armistizio / Putin: Noi continueremo a lavorare nell’ambito del “formato Astana”. Erdogan: se il regime attaccherà colpiremo

Türkiye: firmata la tregua, Erdogan lancia un monito al regime

YeniÇağ: L’armistizio a Mosca / Putin ha espresso le sue condoglianze e ha detto che nessuno sapeva dove si trovasse l’esercito turco [dove è stato effettuato l’attacco aereo e sono stati uccisi 36 militari turchi]

YeniŞafak: Tutti gli occhi su Mosca: il vertice / giornale Idlib più critico ha portato alla ribalta una citazione dal discorso di Erdogan secondo cui è necessario portare le relazioni a un nuovo livello e Putin che “presumibilmente nessuno sapeva dove si trovasse l’esercito turco” (testo del giornale) e che l’esercito siriano ha subito gravi perdite.

Exit mobile version