Cosa possono dirci le guerre civili del passato sulla Siria e sulla sua strada verso la ripresa?

Cosa possono dirci le guerre civili del passato sulla Siria e sulla sua strada verso la ripresa? 1

Non condivido pienamente l’articolo che segue – di cui riporto solo uno stralcio –  in molti punti, innanzitutto perché la guerra siriana non è una guerra civile ma una guerra indotta dall’esterno lungo i solchi delle divisioni etnico-religiose che erano da anni in fase di miglioramento e ricomposizione. Non posso però non approvare che non basterà la riconciliazione per rimarginare ferite che dureranno per generazioni e che quando si è fatto del male o lo si è subito, solo la fede può portare alla vera riconciliazione di cui l’uomo da solo raramente è capace. (@vietatoparlare)

Di Robert Fisk – 10 aprile 2019 – The Indipendent-

Quando i soldati del governo siriano riconquistarono per la prima volta il piccolo villaggio di Deir Hafar da Isis nel 2017, trovarono la “corte” islamica, dipinta di nero ma frettolosamente abbandonata, disseminata di pile di documenti.

Queste centinaia di pagine contenevano prove terribili di come i civili siriani si fossero comportati in almeno tre anni di occupazione di Isis.

Sono arrivato nel villaggio insieme all’esercito siriano dopo che gli aerei russi avevano bombardato ISIS per le strade – gli islamisti stavano ancora sparando proiettili mentre si ritiravano, uccidendo un alto comandante siriano – ed ho raggiunto l’edificio della corte della sharia, una caserma di cemento accanto a tre barre di crocifissione di ferro ugualmente dipinte di nero su una piattaforma sopra la strada.

Ma i giornali sul pavimento del tribunale erano la vera storia di Deir Hafar.

I giudici erano stati egiziani e la loro giurisdizione si estendeva fino all’allora “capitale” islamica della Siria nella città di Raqqa.

I documenti hanno rivelato che la gente del villaggio aveva usato la “giustizia” islamista per tradire i propri vicini – in un caso hanno segnalato cugini di famiglia come potenziali spie, in un altro hanno accusato un giovane di incontrare segretamente la sua ragazza quando avrebbe dovuto partecipare alla serata preghiere. Altri vicini si sono accusati a vicenda di furto. Un uomo che presumibilmente raccoglieva denaro per un generatore elettrico aveva intascato il denaro per sé. Una potenziale spia – forse per il governo siriano – è stata consegnata per la “giustizia” al “Tribunale rivoluzionario della polizia islamica”.

In questi archivi, itestimoni dell’accusa, gli imputati, e a volte le loro guardie “islamiste” erano precisamente citate  .

E non sorprende quando, un’ora dopo che mi sono imbattuto in queste centinaia di documenti [che giacevano] sul pavimento del “tribunale”, un grosso gruppo di tristi cittadini sorridenti provenienti da 27 villaggi intorno a Deir Hafar vestiti con lunghe e sudice tuniche marroni, è arrivato nella strada principale attraverso il villaggio, per cercare gli ufficiali dell’esercito siriano.

Hanno portato con loro una petizione congiunta firmata dai loro mukhtar e capi villaggio in cerca di “riconciliazione” con il governo siriano.

I soldati non erano interessati. Accettarono la petizione con indifferenza e con vivacità raccontando agli uomini dolorosi, a testa bassa, di mettersi in contatto con le autorità di Aleppo e Damasco se volevano chiedere perdono.

Entrambe le parti hanno capito la realtà. Quando la tua casa è occupata da un altro esercito – quando il tuo villaggio è occupato da una forza rivale – devi collaborare per sopravvivere. O almeno, cooperare. Perché il momento dell’occupazione diventa il momento della collaborazione.

Il regime siriano, ora che ha effettivamente vinto la sua guerra, è inondato di “commissioni di riconciliazione” – alle cui misericorde gli abitanti del villaggio attorno a Deir Hafar hanno indubbiamente fatto appello. Ma porre fine alle guerre è una cosa; porre fine a guerre civili in cui la stessa gente di una nazione si oppone al proprio governo è una questione diversa. E se non c’è riconciliazione – o risoluzione – allora faremmo meglio a prendere in considerazione la seconda parte dello stesso conflitto.

Prendi la Jugoslavia . Sappiamo tutti che la guerra civile a cui abbiamo assistito negli anni ’90 ha avuto antecedenti storici. Per provare, leggi Il ponte sul Drina di Ivo Andric, vincitore del premio Nobel per il paese . Ma i veri e viziosi massacri civili in Jugoslavia che hanno dimostrato il fondamento del conflitto etnico iniziato nel 1991 hanno avuto luogo nella seconda guerra mondialequando l’invasione tedesca del 1941 produsse lo stato fascista della Croazia, i cui campi di sterminio – per i serbi jugoslavi, ebrei e musulmani – erano talvolta persino più osceni della varietà nazista. Il campo di Jasenovac aveva una camera a gas. Ma aveva anche squadre di forze di Ustashe addestrate a giustiziare le loro vittime, in stile Isis, con coltelli e seghe.

La resistenza anti-tedesca si divise in cetnici serbo-realisti e partigiani comunisti antagonisti, i primi a collaborare presto con gli occupanti tedeschi e italiani contro i comunisti, il secondo con il sostegno alleato e russo contro i nazisti, gli italiani e i cetnici.

Nel conflitto bosniaco degli anni ’90, i criminali di guerra sono stati in gran parte imprigionati su testimonianze oculari, raramente su prove di archivio. Ma la guerra civile jugoslava originaria era costellata di ordini scritti e resoconti di atrocità, firmati dai perpetratori. I partigiani di Tito non hanno mostrato pietà per i loro nemici interni serbi, croati o musulmani dopo la liberazione.

C’erano diversi intriganti resoconti della prima collaborazione britannica con Mihailovic – Churchill in seguito si rese conto che Tito era più efficiente nell’uccidere i tedeschi – ma i procedimenti giudiziari ufficiali furono pubblicati a livello internazionale dal momento che includevano tanto materiale documentario; Ho una copia originale in inglese, pubblicata dalle autorità comuniste a Belgrado nel 1946. E qui, per esempio, c’è il documento 370, un rapporto dal fiume Drina in Bosnia a Mihailovic da uno dei suoi luogotenenti chiamato Pavle Djurisic:

“I nostri distaccamenti hanno raggiunto la Drina durante la notte … e poi è iniziata la rimozione del territorio liberato … Tutti i villaggi musulmani sono stati completamente bruciati, così che non è rimasta nessuna delle loro case … Durante le operazioni abbiamo compiuto l’annientamento completo degli abitanti musulmani, senza riguardo al loro sesso ed età … Abbiamo perso un totale di 22 … Tra i mussulmani c’erano 1.200 combattenti e circa 8.000 altre vittime – donne, vecchi e bambini … Il morale delle nostre unità era molto alto. Alcune unità, con i loro leader hanno mostrato un valore eccezionale in ogni situazione, e meritano ogni lode. ”

Questo potrebbe essere stato un rapporto serbo dalla Bosnia nel 1992. Non sorprende che Mihailovic abbia risposto che “non avrebbe mai pensato” che Pavle Djurisic “lo avrebbe chiarito in questo modo”. Questo, naturalmente, fu un processo per i perdenti da parte dei vincitori e le leggi di Norimberga funzionarono a malapena nel Belgrado del dopoguerra, ma Mihailovic – un Milosevic del suo tempo – fu condannato dalle scartoffie lasciate dalle sue forze. Come nemico di Tito – che era il suo vero peccato – fu giustiziato il 17 luglio 1946. Ma tutto Tito fece per soffocare questi crimini di guerra – e quelli dei suoi partigiani che lanciarono uomini croati,

Gli incendi non furono spenti. Le ceneri furono semplicemente soffocate per meno di mezzo secolo. Poi, ancora una volta, abbiamo trovato i cetnici serbi avanzare nella valle della Drina per distruggere i musulmani, negli stessi villaggi in cui gli uomini di Mihailovic li avevano “annientati” con tale “valore” durante la seconda guerra mondiale.

Quindi uccidere i leader della parte perdente in una guerra civile segna un cessate il fuoco in un conflitto etnico, piuttosto che una fine definitiva. Puoi mettere l’angoscia in una ghiacciaia, ma nel momento in cui  il proprietario del frigorifero va via, la corrente viene spenta e le creature del passato tornano in vita. Poco prima che iniziassero le guerre del 1991, i Serbi e i Croati avevano iniziato ad aprire le fosse comuni della seconda guerra mondiale. “Perché stanno facendo questo?” Mi chiedeva retoricamente la mia anziana traduttrice serba. “Per versarvi altro sangue.”

I libanesi hanno lottato con gli stessi fantasmi sin da quando la loro guerra civile etnica di 15 anni – aiutata da una schiera di nazioni occidentali, Israele e Siria – si è conclusa nel 1990. La legislazione postbellica del 1991 ha efficacemente amnistiato ogni leader politico libanese e il loro assassini per le decine di migliaia di crimini di guerra commessi contro uomini, donne e bambini, compresi anche quei miliziani cristiani che nel 1982 massacrarono fino a 1.700 profughi palestinesi a Sabra e Chatila sotto gli occhi delle truppe israeliane.

Ma ci sono ancora circa 18.000 libanesi che sono semplicemente “scomparsi” – in fosse comuni scavate da cristiani e musulmani, o nelle prigioni siriane. E decine di migliaia di famiglie libanesi, ancora oggi, mantengono “vivi” i loro cari esigendo prove di ciò che è accaduto loro – e della posizione dei loro resti.

Il quotidiano cristiano francese L’Orient Le Jour coraggiosamente continua a ricordare queste anime perse e ovviamente morte permettendo loro, in forma fantasiosa, di parlare da soli in una serie regolare chiamata “Mantenere la speranza”.

Qui “parla” Raya Daouri, una vedova di 30 anni e madre di due figlie, Abir di sei anni e Nisrina di cinque anni, nell’edizione del 22 marzo 2017, pubblicata quasi quarant’anni dopo la sua “scomparsa” :

“Stavo andando verso Souk el-Gharb, per registrare Abir e Nisrine per la loro istruzione, quando sono stato rapito con altri quattro passeggeri a un posto di blocco sotto il museo di Beirut [antichità]. Samia, Mona, Hanane e Younes erano giovani studenti che tornavano in Siria … Siamo tutti scomparsi. Solo il nostro autista è stato rilasciato. Inoltre, è stato lui a portare la terribile notizia alle nostre famiglie … Non lasciare che la mia storia finisca qui. “

Le parole sono finzione, ovviamente. Ma sicuramente descrivono ciò che Raya avrebbe potuto dire se potesse parlarci.

Essendo persone molto introspettive e intelligenti, i libanesi hanno messo in discussione le loro emozioni molte volte, chiedendosi come tali talenti – nel senso più letterale del termine – e le comunità istruite abbiano potuto produrre atrocità su tale scala.

L’accademico e storico libanese Fawwaz Traboulsi ha esplorato il conflitto civile sia nella letteratura che nell’arte – nel lavoro del defunto poeta siriano Mohamed Marghout, che si è scatenato contro l’ingiustizia e i dittatori; [la stessa cosa ha fatto] Picasso e Caravaggio; e il cineasta bosniaco Ademir Kenovic (il suo The Perfect Circle è ambientato nell’assedio di Sarajevo degli anni ’90). Traboulsi doveva scoprire una costante mescolanza di figure di carnefici e vittime e ha citato Walid Jumblatt, il leader druso libanese – come l’unico grande intellettuale politico in Libano – perchè ha detto durante la guerra civile del 1986 che “il nemico è ora dentro ognuno di noi”.

Nel David di Caravaggio con la testa di Golia , Traboulsi ha detto in un’intervista due anni fa, il pittore ha dato le sue caratteristiche fisiche alla testa decapitata di Golia. E a Guernica , sosteneva lo scrittore, la riflessione di Picasso sul bombardamento tedesco della città basca nel 1937 riconobbe l’assassino nel corpo della vittima. Traboulsi crede che la pittura, il teatro e il cinema siano in grado di esprimere “l’essenza del conflitto civile” meglio dell’analisi politica o storica. 

(.. segue, tutto l’articolo è su  ” The Independent ” )

Exit mobile version