Cosa ne pensi di Halloween? La risposta di un insegnante

La deriva materialista della società ha travolto non solo la festa di Ognissanti, istituita dal papa Gregorio IV nell’anno 840, ma anche la ritualità pagana ed il suo peculiare senso del sacro. Ma giacché questa festa ormai non si può estirpare e non esiste un luogo ‘Halloween Free’, interessante è la riflessione di un blog cattolico, che ripropongo.

Halloween contro il mondo

di Carlo Fraune

Ogni anno, come insegnante, quando si avvicina Halloween, ho faticato a rispondere in modo esauriente alla domanda “Cosa ne pensi di Halloween?” Ogni anno, quindi, ricercavo le tradizioni e la storia di Halloween e mi avvicinavo a fornire una risposta più completa.

La mia giovinezza ribelle di godermi Halloween per scopi malvagi, che era legata alla depressione e all’ansia che affliggevano quel periodo della mia vita, mi ha condizionato, dopo la mia conversione, a vedere molti aspetti dell’esperienza americana di Halloween come malvagia.

Tuttavia, in realtà è vero che il macabro e il ricordo dell’orrore della morte e della morte stessa non sono in realtà contrari allo spirito del cristianesimo né al significato e alla teologia di “Hallowtide” (All Hallow’s Eve through All Souls Day).

La morte porta la vita

La salvezza è stata offerta all’umanità come risultato della morte brutale di Dio fatto uomo. Anche molti dei grandi santi che hanno cambiato il mondo furono brutalmente martirizzati. La morte di Cristo e la morte dei Santi sono ricordate continuamente, nelle opere d’arte, nella poesia, nei libri e negli inni.

La morte stessa, oggi, però , è vista in una luce molto diversa rispetto al passato. Temiamo ed evitiamo la morte, ma allo stesso tempo la celebriamo. Siamo una strana generazione. Preserviamo le nostre vite su questo pianeta con ogni mezzo possibile, ma glorifichiamo la morte nei film e nei videogiochi e la celebriamo nei “diritti” dell’aborto e nella spinta all’eutanasia contro gli anziani e gli indesiderati. La morte in passato, nell’antica cristianità, era vista come un fatto della vita e non come il nemico dell’umanità. La morte era il sigillo della propria vita e il momento in cui la porta dell’eternità si spalancava. La morte ha portato l’uomo alla sua fine e al suo giudizio. La vita era orientata verso la morte, perché la morte iniziava la seconda e ultima tappa della vita: la vita oltre la tomba.

Il cattolicesimo e il mondo caduto hanno entrambi una visione e una prospettiva riguardo alla morte. Queste due visioni sono piuttosto opposte l’una all’altra. Uno scheletro, ad esempio, per un cattolico è un vero e proprio promemoria della realtà della morte e della necessità di prepararsi adeguatamente. Uno scheletro, per il mondo caduto, è una fonte di intrattenimento per coloro che amano essere spaventati, o rappresenta uno scomodo promemoria della propria mortalità.

Uno scheletro può essere usato da un cattolico per dimostrare di non temere la morte, o dal mondo caduto per dimostrare che non rispetta la vita.

Che cosa è diventato Halloween?

Oggi, però, cosa è diventato Halloween? Che cos’è “Halloween” se qualcuno ti chiede “Cosa fai per Halloween?” Questa è una domanda molto difficile a cui rispondere e deve essere qualificata in base al pubblico. Con i liceali, questo è ancora più interessante.

Quindi, poniamoci alcune domande importanti:

Halloween fa parte di una festa cattolica? sì

Halloween è un derivato di All Hallow’s Eve, la Veglia di Ognissanti, essendo quest’ultima una solennità e un giorno santo di precetto. Si tratta di un’antica festa istituita dalla Chiesa nell’VIII secolo. Pertanto, questo è davvero un giorno di festa cattolico molto speciale, abbastanza unico e importante per tutte le anime e quindi degno di essere preservato e persino difeso.

Halloween è usato da satanisti e streghe? sì [religione Wicca]

Particolarmente oggi, nell’era dell’ascesa dell’occulto, il satanismo e la stregoneria usano questo giorno per celebrazioni malvagie. Quando si ricerca questo, è importante ricordare che questi due gruppi non hanno un’organizzazione centrale. C’è una banda sciolta di individui con mentalità simile. Molti si riuniscono e formano alleanze attorno a credenze comuni e molte cose sono in comune a tutti. Tuttavia, queste non sono religioni rivelate e molti aspetti di esse hanno meno di duecento anni. Tuttavia, le streghe moderne fanno le loro ricerche e molte incorporano la “saggezza degli antichi” nelle loro pratiche. Ci sono alcune prove che i druidi consideravano il 31 ottobre un giorno speciale in cui le anime dei morti e gli spiriti maligni vagavano per la terra e i vivi dovevano rispondere in modo appropriato per confortarli o evitare i loro danni.

È stato corrotto dall’intrusione del secolarismo nella vita dei cristiani? sì

L’ascesa dell’occulto non è l’unica minaccia alla sacralità della celebrazione pubblica di Halloween, Ognissanti e Ognissanti. La secolarizzazione della maggior parte dei cristiani è un fattore determinante. Poiché la preoccupazione per il paradiso e la fede nel Purgatorio e nell’Inferno sono praticamente scomparse con l’emergere di quello che Papa Benedetto ha chiamato un “ateismo pratico” tra i cattolici, qualsiasi sacralità a All Hallow’s Eve andrebbe completamente persa. Di fronte a forti tendenze culturali che non hanno nulla a che fare con il cristianesimo, i cristiani moderni semplicemente cederanno alla cultura.

I costumi dei santi, che onorano la festa, lasciano il posto a costumi laici e innocenti, che non hanno nulla a che fare con la festa, portando infine a costumi occulti, che si oppongono alla festa.

A quel punto, non c’è “rima o ragione” cristiana per tutto ciò che facciamo ad Halloween.

Halloween è chiaramente una tradizione cattolica che si è evoluta nel tempo e che quindi potrebbe continuare a farlo? sì

La festa di Tutti i Santi e dei Morti, e Halloween con loro, è stata una festa in evoluzione con tradizioni in evoluzione per oltre mille anni. Certo, la Festa è ormai consolidata nel calendario, ma le usanze cattoliche che nascono intorno ad Halloween non lo sono. L’usanza moderna di travestirsi e andare di porta in porta per le caramelle è la versione americana delle antiche tradizioni irlandesi e inglesi, così come altre. Sebbene possa somigliare alle antiche pratiche druidiche, deriva anche, e più chiaramente, dalla tradizione di andare di porta in porta per scambiare i dolci dell’anima con le preghiere per i fedeli defunti in quella casa. Anche se vestirsi come i santi potrebbe non essere così antico (la mia ricerca è stata inconcludente), è un elemento appropriato da incorporare.

È appropriato concentrarsi sulla morte ad Halloween? sì

La morte è la fine misteriosa e spesso spaventosa di ogni vita umana. La morte è ciò che manda i Santi alla loro ricompensa in Cielo. La morte è ciò che manda i fedeli defunti alla punizione in Purgatorio. La morte è ciò che manda il peccatore alla sua condanna all’inferno. La morte non deve essere dimenticata.

Tempus fugit – Memento mori! Il tempo vola – Ricorda la morte!

Tuttavia, quando ricordiamo la morte ad Halloween, deve essere nello spirito della speranza cristiana nella grazia di Dio e nella risurrezione.

La festa di Cristo Re.

Nel 1925, papa Pio XI istituì la festa di Cristo Re, collocandola nel calendario appena prima di Ognissanti. Questa Festa è un giorno in cui ricordiamo la fine del mondo e il giudizio dell’umanità. La morte e il giudizio, quando rappresentati nell’arte, possono apparire macabro e spaventoso. La sua manifestazione nell’arte e nei costumi, mentre disturba, aiuta a fissare nella mente il ricordo della morte, essenziale per mantenere le nostre menti radicate nel fine ultimo della nostra vita: la morte e il giudizio e la prossima vita che meritiamo con le nostre azioni.

Come disse questo Santo Padre, Papa Pio XI, nella sua enciclica, a proposito della data di questa Festa:

L’ ultima domenica di ottobre sembrava la più conveniente di tutte a questo scopo, perché è alla fine dell’anno liturgico, e così la festa della regalità di Cristo pone il coronamento sui misteri della vita di Cristo già commemorati durante l’anno, e, prima di celebrare il trionfo di tutti i Santi, proclamiamo ed esaltiamo la gloria di colui che trionfa in tutti i Santi e in tutti gli Eletti .

Lui continua:

La celebrazione annuale di questa festa ricorderà alle nazioni che non solo i privati, ma anche i governanti e i principi sono tenuti a rendere pubblico onore e obbedienza a Cristo. Ricorderà loro il pensiero del giudizio finale, in cui Cristo, che è stato cacciato dalla vita pubblica, disprezzato, trascurato e ignorato, vendicherà severamente questi insulti ; poiché la sua dignità regale esige che lo Stato tenga conto dei comandamenti di Dio e dei princìpi cristiani, sia nel legiferare che nell’amministrare la giustizia, sia nel provvedere ai giovani una sana educazione morale.

Liturgicamente, il famoso inno Dies Irae viene cantato il giorno di tutti i morti . Riguarda la morte e il giudizio e la paura di quella sentenza finale e dove potremmo finire quando le nostre azioni saranno pesate sulla bilancia della Giustizia Divina dopo che i giorni della misericordia si saranno prosciugati.

La “Danza della morte”

Questo può sembrare inquietante per noi oggi, ma è un’antica pratica che ha avuto origine nei paesi cattolici a causa della costante esposizione alle piaghe e alla morte. Questa pratica si adatta bene all’enfasi del Papa nel ricordare il nostro giudizio sulla solenne Festa che viene immediatamente prima di Hallowtide.

La Danza della Morte emerse in un’epoca (metà del XIV sec.) di frequenti epidemie e morte. “In queste commedie”, afferma la Catholic Encyclopedia , “la morte non appariva come il distruttore, ma come il messaggero di Dio che chiamava gli uomini al mondo oltre la tomba, una concezione familiare sia alla Sacra Bibbia che agli antichi poeti”.

Prosegue, affermando,

Lo scopo di queste commedie era insegnare la verità che tutti gli uomini devono morire e devono quindi prepararsi a comparire davanti al loro giudice. La scena della commedia era solitamente il cimitero o il cimitero, anche se a volte potrebbe essere stata la chiesa stessa. Lo spettacolo è stato aperto da un sermone sulla certezza della morte pronunciato da un monaco.

Alla fine del sermone uscì dall’ossario, che di solito si trova sul sagrato, una serie di figure abbigliate con la tradizionale maschera della morte, un abito attillato di lino giallastro dipinto in modo da assomigliare a uno scheletro. Uno di loro si rivolge alla vittima designata, che è invitata ad accompagnarlo oltre la tomba.

La prima vittima era solitamente il papa o l’imperatore. L’invito non viene accolto con favore e vengono addotte varie ragioni per declinarlo, ma questi si trovano insufficienti e alla fine la morte allontana la sua vittima. Un secondo messaggero prende quindi la mano di una nuova vittima, un principe o un cardinale, seguita da altri rappresentanti delle varie classi della società, il numero consueto è di ventiquattro. Il gioco è stato seguito da un secondo sermone che rafforzava la lezione della rappresentazione.

La prova di queste commedie è stata trovata in Germania, Spagna, Belgio, Francia, Inghilterra e Italia. L’Italia aveva anche qualcosa conosciuto come il “Trionfo della Morte”. Viene fornita la seguente descrizione dell’aspetto di questo evento:

Dopo il tramonto un enorme carro, drappeggiato di nero e trainato da buoi, percorse le vie della città. Alla fine del pozzo si vedeva l’Angelo della Morte che suonava la tromba. In cima al carro c’era una grande figura della Morte che portava una falce e circondata da bare. Intorno ai carri erano coperte tombe che si aprivano ogni volta che il corteo si fermava.

Uomini vestiti di abiti neri su cui erano dipinti teschi e ossa uscirono e, seduti sul bordo delle tombe, cantarono nenie sulla brevità della vita umana. Davanti e dietro il carro apparivano uomini in bianco e nero con torce e maschere mortuarie, seguiti da stendardi con teschi e ossa e scheletri a cavallo di ronzini ossuti. Mentre marciavano, l’intera compagnia cantava il Miserere [ Sal. 50 ] con voci tremanti.

Queste scene di “danza della morte” furono infine dipinte sulle pareti dei cimiteri, sugli ossari, nelle cappelle mortuarie e nelle chiese.

Gli incisori si dedicarono all’arte della “danza della morte”, in particolare Hans Holbein, le cui opere sono state considerate le più famose e sono state riprodotte e ristampate da quando furono create a metà del 1500. Alfred Rethel, a metà del 1800 iniziò a produrre scene di danza della morte simili, come questa intitolata ” Danza della morte – La morte come amica “.

Un altro esempio del valore storico della riflessione sulla morte si trova nella famosa Cripta dei Cappuccini , che è piena, artisticamente, di 500.000 ossa di 3700 cappuccini di tutto il mondo e di poveri d’Italia da loro serviti. Queste ossa furono raccolte fino al 1870.

Perchè facciamo ciò che facciamo?

Molti dei problemi di Halloween ruotano attorno all’intenzione dell’individuo: perché stiamo facendo quello che stiamo facendo?

Ci vestiamo come uno scheletro nello spirito della “danza della morte” e del memento mori – oppure – ci vestiamo come uno scheletro per abbracciare uno spirito di morte e nichilismo?

Il contesto circostante può aiutare a rivelare l’intento della singola persona e aiutare i bambini, ad esempio, a capire il motivo per cui vedono cose come gli scheletri. La morte è qualcosa che non risparmia i bambini, ma anche loro non la comprendono ancora appieno. Ciò detto, sono capaci, particolarmente con l’aiuto della grazia divina e delle verità della Divina Rivelazione, di comprendere la morte e di prepararla adeguatamente.

Quindi, vedere la morte ad Halloween non è offensivo per il sentimento cattolico, anche se potrebbe aver bisogno di spiegazioni per i bambini.

Ma non è per questo che abbiamo feste, feste, spettacoli teatrali, stazioni della Via Crucis, vetrate, ecc.? Non stanno insegnando momenti e opportunità per conoscere la volontà e le vie di Dio e il sentiero che conduce alla vita eterna?

L’inferno affronta la furia del paradiso ad Halloween

Con tutte le opinioni contrastanti su Halloween, una cosa che possiamo veramente vedere è che gli agenti del Paradiso e gli agenti dell’Inferno sono, oggi, chiaramente in guerra ad Halloween.

Quando la Chiesa di Cristo, il Regno dei Cieli in terra, celebra la vittoria di Cristo che trionfa nei Suoi Santi e nei Suoi Eletti, l’Inferno si insinua sempre più sulla scena per minare quest’opera sacra.

Hallowtide non è un periodo in cui l’Inferno ha più potere, come credono molti pagani – al contrario – l’Inferno affronta la furia del Paradiso in modo particolare poiché vengono messe a disposizione dei fedeli più grazie, come le grazie del Giorno Santo e le indulgenze plenarie per le povere anime del Purgatorio.

L’inferno, quindi, attraverso il mondo caduto che abbraccia Satana e l’occulto, vorrebbe distrarre i cristiani da queste grazie e verso la paura e lo spavento della morte senza speranza.

Cosa fare

Analizza il tuo approccio ad Halloween. Purifica ciò che non orienta la tua famiglia alla santità.

Diventa creativo con i “dolcetto o scherzetto” che vengono alla tua porta, per opporsi al paganesimo che possono manifestare.

Rinvigorire la sacralità e la creatività cattolica della Festa.

Crea tradizioni nuove e sacre, come questa Veglia di Tutti i Santi [ qui e qui ]

Pregate e andate a Messa.

Fare del bene. Evita il male.

Invocare i Santi. Pregate per le povere anime.

Dipinto: Danse Macabre di Bernt Notke (XV sec.) nella chiesa di San Nicola, Tallinn.

Questo articolo è apparso per la prima volta sul sito web dell’autore .

 

autore Carlo Fraune

Charles D. Fraune è stato il fondatore dell’insegnante di teologia della Christ the King Catholic High School di Huntersville, NC ed è stato insegnante di teologia per dieci anni. Ha un Master of Arts in Teologia presso la Christendom College Graduate School e un Diploma Catechistico Apostolico Avanzato. È l’autore di Come Away By Yourselves , una guida (per cattolici impegnati) per fare un ritiro, Swords and Shadows: Navigating Youth tra le astuzie di Satana e Slaying Dragons: What Exorcist See & What We Should Know . Vive nella diocesi di Charlotte, NC con sua moglie e tre figli piccoli.

Exit mobile version