Cosa accadrà dopo la caduta di Bashir? Il punto di vista del ‘Think Thank’ USA Washington Institute

Quella che segue – anche se si dice il contrario – è la valutazione ufficiale del governo degli Stati Uniti su ciò che sta accadendo nel Sudan dopo la destituzione del dittatore Bashir. Nel quadro di questi eventi anche Papa Francesco ha manifestato la sua speranza che la tensione in quell’area si plachi e si apra un nuovo capitolo di pace e prosperità.

Nella lettura dell’articolo – pubblicato sul prestigioso think thank statunitense – però si nota che l’importante non è se un governo sia o meno islamico radicale ma che sia “politicamente e tatticamente abbastanza flessibile da effettuare correzioni di rotta come richiesto dalle circostanze”. Questa politica della ‘flessivilità’ descrive esattamente l’attuale politica statunitense ‘molto indulgente’ con i movimenti islamisti radicali quando si tratta di utilizzarli nelle improbabili ‘guerre per la democrazia’ supportate in varie parti del mondo.

Pubblicità

Infine nelle ultime tre righe  si descrivono i movimenti di protesta sorti in questi ultimi anni in Africa come ‘spontanei’ e si afferma che su questi Washington farà affidamento per  mettere in guardia il futuro governo sudanese “il pubblico che guarda gli eventi in Sudan si estende ben oltre Khartoum. Mesi di azione politica concertata da parte di manifestanti pacifici in Algeria e Sudan hanno stimolato la rimozione di leader di lunga data “.

E’ indubbio che esistono ‘sale di regia’ esterne che intercettano il malcontento indirizzandolo poi verso soluzioni politiche ‘addomesticate e amichevoli’ che si sposano bene con gli interessi e l’influenza degli Stati Uniti. Con tutto questo, non dico che la situazione attuale non si apra a possibilità migliori rispetto alla dittatura di Bashir ma sarà meglio aspettare e giudicare il futuro quando si vedrà direttamente…

patrizio ricci by @vietatoparlare

After Bashir’s Fall, What’s Next for Sudan?

Alberto Fernandez – 11 april 2019

Per forgiare un futuro migliore, il paese deve rompere il circolo vizioso del dominio militare seguito da un governo incompetente e corrotto sotto la stessa stanca classe politica.

Il regime di maggior successo del Sudan – se misurato solo in termini di permanenza al potere e miseria della gente – non è stato in grado di celebrare il trentesimo anniversario della sua ascesa al potere. – non raggiungerà il suo trentesimo anniversario. Era il 30 giugno 1989 quando un oscuro generale delle forze armate sudanesi, Omar al-Bashir, rovesciò il governo democraticamente eletto Sadiq al-Mahdi.

Almeno questo è quello che sembrava dall’esterno.  In realtà, fu un violento colpo di stato islamico guidato dal fondamentalista estremista Dr. Hassan al-Turabi, che lavorò in cooperazione con elementi militari che condividevano le sue stesse idee.

Pubblicità

In una squisita scena teatrale, Turabi e alcuni dei suoi committenti furono arrestati all’inizio del colpo di stato, creando confusione su chi fosse effettivamente al comando e camuffando la vera natura del regime risultante.

Nel corso degli anni, tuttavia, divenne chiaro che il regime di Bashir era essenzialmente un regime islamista. Se qualcuno vuole vedere cosa accadrebbe se un governo di Fratelli Musulmani riuscisse a estendere la sua presa sulla leadership di uno stato arabo nel lungo periodo, il Sudan è un esempio migliore di Gaza controllato da Hamas o del breve regno in Egitto di Mohamed Morsi.

È vero che Bashir alla fine ha destituito Turabi nel 1999, ma i migliori quadri, assistenti  islamici di al-Turabi  (ad esempio Ali Osman Taha, Nafie Ali Nafie) hanno continuato a svolgere un ruolo importante per anni. Sebbene i governanti del regime siano diventati più anziani e ricchi in virtù dei loro guadagni illegali, il regime ha continuato a perseguire l’Islam politico, almeno come strumento per mantenere la sua credibilità davanti al popolo. Prova di ciò è il processo di un insegnante britannico che ha permesso ai suoi studenti di scrivere ”Muhammad” su un orsacchiotto nel 2007, o di imprigionare nel 2014 il cittadino cristiano Maryam Ibrahim nel 2014 con l’accusa di apostasia.

Chi è in carica ora?

L’11 aprile, il neo-costituito Consiglio militare transitorio sudanese ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava la rimozione di Bashir dal potere, ma molte domande sono rimaste senza risposta. Indipendentemente dalla personalità che ha reso la dichiarazione sulla televisione nazionale – il ministro della Difesa Awad Mohammed bin Auf, uno dei pilastri dell’apparato di sicurezza del regime – la domanda è: chi altro è in carica? La dichiarazione si riferiva alle forze armate sudanesi, alla polizia, ai maestosi servizi nazionali di sicurezza e intelligence e alle “forze di supporto rapido”(RSF)   paramilitari come partecipanti istituzionali al processo di transizione, ma chi sono gli individui specifici che mantengono l’equilibrio del potere? I funzionari più giovani hanno denominatori più comuni con le migliaia di cittadini che hanno organizzato proteste in Sudan per mesi, ma hanno qualche influenza sul processo decisionale in materia di sicurezza?

Per quanto riguarda Ibn Auf, sembra un improbabile riformatore. Oltre ad affrontare le sanzioni statunitensi derivanti dalla repressione violenta del regime nel Darfur, non è né amato né fortemente posizionato all’interno delle forze armate. Infatti, Bashir lo ha in passato allontanato dalle forze armate e mandato a servire come ambasciatore in Oman prima di riabilitarlo.

Il popolo è certamente contento della risposta dell’esercito al suo appello per la partenza di Bashir. Ma molti temono che l’istituzione di un consiglio militare transitorio sia un chiaro tentativo di frustrare le persone e mantenere il potere nelle mani degli stessi cattivi attori che erano complici del dominio di Bashir – in altre parole, correggere un corso sotto il regime stesso piuttosto che rovesciare il regime. Questa impressione iniziale è comprensibile perché le autorità istituzionali provvisorie nominate finora non sembrano in grado di soddisfare le aspirazioni del popolo longanime del Sudan.

Alcuni critici hanno anche notato che la decisione del Consiglio di detenere Bashir “in un luogo sicuro” non è abbastanza, chiedendo che venga processato (anche se probabilmente preferirebbero vederlo giudicato in Sudan, potrebbero essere disposti a farlo mandare davanti al Tribunale penale internazionale, fintanto che lui e i suoi attivatori devono affrontare la giustizia). Altri potrebbero non essere contenti di altri due annunci chiave: il primo è che lo stato di emergenza durerà per tre mesi e il secondo è che non si terranno elezioni tra due anni. Va notato che lo stato di emergenza e il coprifuoco sono particolarmente problematici in quanto sembrano aprire la strada a scontri diretti e immediati tra la giunta militare e i manifestanti.

Presto altre domande urgenti verranno presto alla ribalta. Con il governo sciolto, chi gestirà il paese? In che misura la governance sarà davvero diversa se la maggior parte delle stesse persone è rimasta al potere? Chi supervisionerà l’economia e le finanze del Sudan un momento in cui molti manifestanti si stanno concentrando su problemi di reddito, con un’inflazione superiore al 60%? Qual è il destino del Partito del Congresso Nazionale dominante e del suo leader appena nominato, condannato per la guerra al criminale Ahmed Harun? Mentre la dichiarazione del Consiglio conteneva il linguaggio comune a sostegno dei diritti umani, ci sarà davvero una libertà di espressione o di riunione in Sudan sotto lo stato di emergenza e il regime militare di transizione?

Il Sudan rimarrà “flessibile”?

Pubblicità

Sebbene il regime di Bashir fosse costruito solidamente su una base islamica, era abbastanza tatticamente e politicamente abbastanza flessibile da rendere correzioni di rotta come richiesto dalle circostanze. In effetti, è stato un cinico regime che ha sostenuto Osama bin Laden e promosso il jihadismo in tutta l’Africa e il mondo musulmano negli anni ’90, poi ha fatto pace con il movimento di liberazione popolare sudanese di sinistra nel 2005, condividendo il potere (più o meno) con loro per sei anni e ha consentito al Sud Sudan di diventare indipendente nel 2011.

Allo stesso modo, anche se Bashir ha collaborato con gli Stati Uniti contro al-Qaeda e altri gruppi terroristici, ha usato l’odioso Esercito di resistenza del Signore contro avversari di regime nel Sud Sudan e nell’Africa centrale, e ha anche collaborato con l’Iran nell’aiutare i terroristi di Hamas. Il regime in seguito fece girare ancora un’altra ruota, abbandonando l’Iran come alleato e tornando con i sauditi in tempo per sostenere l’intervento del 2015 guidato dai sauditi contro i ribelli sostenuti dall’Iran in Yemen. Queste e altre acrobazie geopolitiche derivavano in parte dal fatto che un paese impantanato in difficoltà economiche e corrotto come il Sudan il Sudan non poteva ignorare partner ricchi come Riyadh, Qatar e Turchia. Ma il nuovo Sudan (assumendo che sia in realtà nuovo) seguirà lo stesso approccio o adotterà un diverso orientamento politico ed economico?

La gente della regione ha affrontato abbastanza [difficoltà]?

Qualunque cosa accada con i nuovi governanti militari del paese nel breve periodo, c’è qualche motivo di speranza in Sudan. A differenza di altri paesi arabi che hanno sperimentato colpi di stato negli ultimi anni (ad esempio, la Libia dell’epoca di Gheddafi), il Sudan ha una società civile vivace e opposizione politica, una tradizione di espressione aperta e libertà di stampa, e una diaspora di talento che include visionari come il  miliardario sudanese-britannico Mo (Mohammed) Ibrahim. Le dimostrazioni in corso scoppiate lo scorso dicembre sono state condotte non da partiti politici o gruppi armati, ma da gruppi della società civile come l’Associazione dei professionisti sudanesi, con l’entusiasta cooperazione di giovani, donne e poveri urbani. La pressione per rovesciare Bashir proveniva da attori locali e non da alcune “mani nascoste” straniere.

Tuttavia, se il paese potenzialmente ricco, ma perennemente indigente, avrà un futuro migliore, dovrà rompere il circolo vizioso in cui è stato catturato dagli anni ’60: cioè il dominio militare seguito da un governo incompetente e corrotto sotto la stessa stanca classe politica. Una popolazione irrequieta e schiacciante ha bisogno diuna nuova visione del mondo e di nuovi leader in grado di trovare soluzioni serie ai problemi chiave dello sviluppo, della povertà, della corruzione e dei cambiamenti climatici che affliggono i 43 milioni di abitanti del paese.

Infine, va notato che il pubblico che guarda gli eventi in Sudan si estende ben oltre Khartoum. Mesi di azione politica concertata da parte di manifestanti pacifici in Algeria e Sudan hanno stimolato la rimozione di leader di lunga data e l’intervento militare da parte delle autorità che hanno promesso vaghe riforme. Questi eventi dovrebbero essere un campanello d’allarme per quei leader regionali che sembrano credere di poter continuare a placare le popolazioni calde, affamate e arrabbiate con le stesse formule indefinitamente.

 

Nota di ”washington institute”: Alberto Fernandez è presidente di Middle East Broadcasting Networks. Le opinioni espresse nel presente documento sono esclusivamente quelle dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni ufficiali del governo degli Stati Uniti o di MBN.

 

 

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.