Coronavirus: ancora una volta la tentazione di costruire un “uomo nuovo”?

L’ articolo è scritto da una giornalista franco-russa Karine Bechet . Ritengo che la situazione illustrata non sia molto diversa dalla nostra: probabilmente siamo in mezzo ad un cambiamento epocale che ancora non riusciamo a realizzare pienamente e bisognerà vedere fino a che punto ‘naturale’. Sono utili queste riflessioni che partono dalla realtà. Per questo non intendo minimizzare il problema.  Ma vedremo se sono percezioni precognitive o meno. Intanto ci saremo un po’ allenati il cervello e l’anima. Il che non guasta.

@vietatoparlare

******************************************
Coronavirus for ever

Karine Bechet dal blog Russie Politics

Sempre più insistentemente i progressisti dicono che dopo la pandemia il mondo non può essere come era “prima” …  – ma perché, quale interesse [è in gioco]? – , è la volontà di creare “una nuova realtà”. Come affermano i “progressisti”, è una realtà in cui l’uomo è costretto, cancellato.  Vuol dire che anche il deconfinamento non impedirà di notare il desiderio di un profondo cambiamento comportamentale. Maschere e distanza, sfiducia anziché contatto, virtuale (salutare) contro reale (contaminato), la regola di suggestione e modellistica utilizzata per modificare il comportamento dei pazienti sembra ispirare ampiamente questi “innovatori”. Il fanatismo è tornato e con esso sempre la stessa fantasia del “nuovo uomo”.[su_spacer]

Le dichiarazioni si susseguono e si assomigliano, il deconfinamento non significa tornare alla normalità – lo standard deve cambiare .

“Le  misure di barriera  e  le distanze fisiche e sociali  saranno ancora  in vigore a maggio, e probabilmente a giugno e questa estate e forse per molto tempo”  avverte Jérôme Sallomon 
(Jérôme Salomon è medico francese di malattie infettive e un funzionario di alto rango. È il direttore generale francese della Santé dall’8 gennaio 2018. È diventato noto in Francia dalla pandemia di coronavirus del 2020. NDR)

Confermato dal Primo Ministro:[su_spacer]

I francesi non ritroveranno  ” immediatamente e probabilmente  per molto tempo” la loro  “vita prima”  della crisi del coronavirus, ha avvertito domenica Edouard Philippe[su_spacer]

In altre parole, il cambiamento nel comportamento coinvolge principalmente a livello sociale, al di là della generalizzazione del telelavoro, quando possibile, si manterrà una distanza di un metro , il che implica che non ci si stringerà più la mano, per non parlare del tradizionale bacio francese e dell’indossare una maschera .[su_spacer]
La Germania sta iniziando: indossare la maschera sarà obbligatoria nei 16 Länder tedeschi a diversi gradi, il governo federale lo ha fortemente raccomandato – ma non solo raccomandato, il Lander l’ha ordinato. A Berlino, è prescritto solo sui trasporti, in altre località è disposto a chi  fornisce spazi pubblici, negozi, ecc. In alcune regioni della Russia si è già iniziato a farlo, anche prima del deconfinamento. Nella regione di Sverdlovsk (Urali), l’uso di una mascherina è obbligatoria dal 1 ° maggio nei trasporti, negozi e qualsiasi spazio chiuso, pena una multa. Altre entità federate hanno anche intrapreso questo percorso, ma sono in gran parte una minoranza: Sebastopole, le regioni di Novosibirsk, Vladimir, Ivanovo, Kamchatka, Khabarosvk e parte di Kuzbass. Le Francia esita.[su_spacer]
Ma la cosa più importante è la distanza sociale . La cosa sembra ancora più simbolica che sanitaria , perché rende possibile distruggere il legame sociale nell’estensione della virtualizzazione della comunicazione e quindi anche modificare la sfera della realtà. Possiamo dire che non importa non stringere la mano, non baciare. In linea di principio, non c’è nulla di grave [sotto il profilo sanitario]. Ma qual è lo scopo? L’uomo è considerato come un pericolo per gli altri uomini, una fonte di pericolo, dobbiamo starne alla larga. E quando ciò non è possibile, cari amici, i consigli sono chiari: voltate le spalle. Non è aneddotico, non è solo un momento e poi tutto passerà. Ricorda, il virus non passerà o se passerà non sarà presto e comunque ce ne sarà sempre un altro. Deve iniziare una nuova realtà, un nuovo standard di comportamento sociale. Questo è in sostanza quanto afferma il ministro britannico degli Affari esteri, Dominic Raab .[su_spacer]
Questo nuovo standard comportamentale fornisce risultati che vanno oltre i limiti dell’assurdo ma è destinato a essere messo in pratica. In Russia, l’Agenzia dei consumatori (che è in prima linea nella lotta contro il coronavirus …) ha spiegato lo scenario di ripresa dell’attività nel settore della ristorazione. Durante la prima fase di deconfinamento, ristoranti e caffè saranno in grado di aprire solo una parte della loro area (perché, più spazio c’è, meno persone sono vicine …) la misura è di 50 m2 con 5 tavoli , il che è uno spazio sufficiente ad ospitare solo una o due persone al massimo. Per chi esce da solo con il proprio smartphone, la serata sarà perfetta. Per chi cerca un’atmosfera calda, questo sembra compromesso … Quindi, possiamo mettere anche a 10 tavoli,ma  sempre con uno o due posti. Gli altri aspetteranno in strada? Ricorderà il periodo di massimo splendore di una restaurazione sovietica. L’approccio è davvero molto … innovativo . Qual è l’attrattiva di andare in un ristorante in queste condizioni?[su_spacer]
Tutta questa messa in scena ricorda la messa in pratica delle regole di suggestione e modellizzazione del comportamento. Per ottenere il comportamento desiderato in un paziente, è necessario procedere per fasi. Scegli all’inizio un comportamento che esiste già nel repertorio comportamentale e che è quindi facile da raggiungere. In linea di principio, le persone possono occasionalmente indossare maschere, non baciarsi quando hanno il raffreddore, non è una novità. Non vi è quindi nulla di grave, quando vengono annunciate queste misure nei confronti delle persone considerate colpite dal coronavirus. Successivamente, è necessario stabilire una sequenza di passaggi comportamentali per condurre al comportamento target: che tutti indossino maschere e sicuramente mantengano le distanze. Il controllo nelle prime fasi è molto forte (eccellente, discussione educativa/persuasiva da parte della polizia, applicazione su smartphone, ecc.) Tutto questo sarà ridotto quando il nuovo comportamento sarà diventato una norma. Nello stesso tempo, è ovviamente necessario motivare: il culto sanitario sarà allora pronto.[su_spacer]
Secondo le diverse scuole di psicologia clinica, le tecniche sono diverse, ma l’efficacia dipenderà dall’ambiente esterno e dall’ambiente interno . La solidarietà e la responsabilità  aiuterà ad intensificare la modifica del comportamento (il confinamento è giusto, è indispensabile). L’individuo non dovrebbe sentirsi solo in questa situazione, l’ attenzione all’altro lo aiuterà a produrre “i gesti giusti” – queste misure devono quindi essere generali . La persuasione verbale è qui fondamentale  – il monopolio della parola nei media aiuterà ad adempiere perfettamente questa funzione.L’importante è gestire l’equilibrio tra imposizione (immersione) e suggestione (osservazione e persuasione) .[su_spacer]
Infine, non dimentichiamoci della ricompensa : la deconfinazione, se tieni duro . Possiamo qui ricordare le delicate parole di Jerome Solomon che dichiarano che il successo del contenimento condizionerà il deconfinamento, o persino il capo dell’Agenzia russa per i consumatori, Popova , spiegando con arroganza che i russi possono intravedere il disimpegno da 12 maggio se non escono durante le vacanze. Ovviamente, non celebrare il 9 maggio (giornata della vittoria in Russia)  è fondamentale, ovviamente sul piano sanitario.[su_spacer]
Questi progressisti non sono i primi a voler creare un “nuovo uomo” per un “nuovo mondo”. In generale, [abbiamo visto in passato che] prima o poi finisce male . Ciò non impedisce di vedere regolarmente una rinascita del fanatismo, le cui forme possono variare, ma i cui effetti distruttivi rimangono gli stessi. Alla fine la domanda è fino a che punto li lasceremo andare prima che il nostro istinto di sopravvivenza si svegli …[su_spacer]
Exit mobile version