Corea del sud: Trump suggerì di spostare 10 milioni di abitanti ‘a rischio’

Trump suggerì a tutti i 10 milioni di residenti di Seoul di spostarsi per evitare la minaccia nordcoreana

Molto prima che il presidente Donald Trump chiamasse il leader nordcoreano Kim Jong Un “piccolo uomo razzo” o lo incontrasse di persona, Trump aveva un’idea per salvaguardare milioni di sudcoreani dall’ira del dittatore: spostarli. Spostali tutti.

Secondo un estratto dal nuovo libro di Peter Bergen Trump and His Generals: The Cost of Chaos, pubblicato da Time giovedì mattina, il presidente ha fatto un commento sorprendente durante un briefing di metà aprile 2017 sulla Corea del Nord.

Dopo aver visto un’immagine satellitare che mostrava che Seoul – la capitale della Corea del Sud, che ospita 10 milioni di abitanti – si trova a sole 15 miglia a sud del confine fortemente militarizzato del paese con il Nord, Trump ha chiesto: “Perché Seoul è così vicina al confine con la Corea del Nord?”

Ha poi realizzato un’idea poco ortodossa dando il suggerimento: “Devono trasferirsi”, ha detto Trump, riferendosi ai residenti della città. “Devono muoversi!” ha ripetuto. I partecipanti al briefing dello Studio Ovale erano incerti se Trump stesse scherzando o meno, scrive Bergen.

Trump, osserva Bergen, era già stato informato numerose volte sul pericolo che Seoul affronta ogni giorno. La città è nel raggio di tiro diretto di migliaia di pezzi di artiglieria nordcoreana che sono già allineati lungo il confine tra i due paesi, noto anche come zona demilitarizzata (DMZ). Circa il 70% delle forze di terra della Corea del Nord si trova entro 90 miglia dalla ZDC, presumibilmente pronte a spostarsi a sud in un attimo.

Le simulazioni di un combattimento di artiglieria su larga scala tra il Nord e il Sud producono risultati piuttosto deprimenti. Un esercitazione di guerra realizzata a tavolino dalla rivista Atlantic nel 2005 prevedeva che un attacco nordcoreano avrebbe ucciso 100.000 persone a Seoul solo nei primi giorni. Altri indicano stima ancora più alta. Un gioco di guerra menzionato dal National Interest ha predetto che Seoul potrebbe “essere colpita da oltre mezzo milione di proiettili in meno di un’ora”.

Evidentemente, Trump non si era reso conto di quanto fossero vulnerabili i 10 milioni di cittadini della città finché non ha visto quella foto satellitare. Quindi il suo allarme è comprensibile. E certo, forse stava scherzando. Ma data la storia di Trump che è noto per suggerire idee politiche selvaggiamente irrealizzabili o addirittura illegali, è anche del tutto possibile che fosse serio.

Spingere 10 milioni di persone – all’incirca la popolazione di un intero paese come Svezia – più a sud della penisola sarebbe una cosa quasi impossibile. È semplicemente troppa gente da spostare e costerebbe una fortuna sia in trasporto che in trasferimento, e ovviamente la Corea del Nord noterebbe una tale migrazione di massa.

Inoltre, la Corea del Nord ha armi che possono raggiungere tutta la Corea del Sud, il che significa che gli abitanti di Seoul dovrebbero lasciare completamente il paese per essere più sicuri. Ora che la Corea del Nord ha dimostrato di avere un missile che potrebbe raggiungere gli Stati Uniti – che potenzialmente può trasportare una bomba nucleare – è difficile capire dove potrebbero andare quei milioni per evitare qualsiasi pericolo.

È un problema che anche Steve Bannon, ex lead strategist di Trump, ha lamentato in un’intervista dell’agosto 2017 con l’American Prospect. “Lascia perdere”, disse. “Fino a quando qualcuno non risolve la parte dell’equazione che mi mostra che dieci milioni di persone a Seoul non muoiono nei primi 30 minuti a causa delle armi convenzionali, non so di cosa stai parlando, non c’è una soluzione militare, loro conducono il gioco».

Tuttavia Trump dopo primi giorni della sua presidenza ha cambiato tono. Non ha chiesto più misure drastiche come un movimento di massa di civili, preferendo invece coinvolgere direttamente Kim per convincerlo a smantellare il suo programma nucleare. Questo sforzo è svanito e sembra che, a meno che non vengano compiuti presto reali progressi, la Corea del Nord abbandonerà la diplomazia a favore di un ulteriore aumento dello sviluppo delle proprie armi.

“Il dialogo propagandato dagli Stati Uniti, in sostanza, non è altro che uno stupido trucco escogitato per mantenere la RPDC vincolata al dialogo e utilizzare questa fittizia volontà di dialogo  a favore della situazione politica e [avvantaggiarsene] nelle elezioni negli Stati Uniti”, ha detto Ri Thae Song, vice ministro incaricato di affari degli Stati Uniti, ha detto questa settimana all’agenzia di stampa statale coreana, utilizzando le iniziali del nome ufficiale della Corea del Nord.

“La RPDC ha ascoltato più che abbastanza la retorica del dialogo sollevata dagli Stati Uniti ogni volta che si trova in una situazione difficile”, ha continuato Ri. “Quindi, nessuno presterà più orecchio agli Stati Uniti”.

dal blog  ‘Markozen’

Exit mobile version