Continuano gli sforzi dell’Egitto per riportare la Siria nel consesso delle nazioni arabe

Recentemente, l’Egitto ha compiuto sforzi significativi per risolvere la crisi siriana e il successivo ritorno di Damasco nel mondo arabo, ha dichiarato il 2 ottobre il ministro degli Esteri Sameh Shukri. Al Monitor osserva che il Cairo è contro il “cambiamento demografico” nel nord della Siria.

Il 27 ottobre, durante una conferenza stampa congiunta con il suo omologo rumeno Klaus Werner Yohannis, il presidente egiziano Abdul-Fattah al-Sisi ha affermato “che l’Egitto rifiuta qualsiasi tentativo da parte degli attori regionali di imporre un fatto compiuto, sia attraverso la violazione della sovranità del Paese che attraverso la modificazione della demografia.” L’annuncio di Sisi è coinciso con il riavvicinamento ufficiale dell’Egitto al governo siriano e gli sforzi del Cairo per espandere il proprio ruolo nella risoluzione della crisi siriana. Secondo il ministero degli Esteri egiziano, Shukri ha incontrato il suo omologo siriano, Faisal al-Mikdad, il 24 settembre.

Il 2 ottobre, a seguito dell’incontro, Shukri ha dichiarato in un’intervista televisiva che “l’Egitto non ha preso parte in alcun modo agli eventi che hanno avuto luogo durante la crisi siriana decennale. Allo stesso tempo, il Cairo cerca di sostenere la Siria nel ripristinare la sua posizione nella struttura della sicurezza nazionale del mondo arabo”. Shukri ha osservato che “lo scopo dell’incontro con il ministro degli Esteri della Siria era quello di scoprire come il Cairo può contribuire a porre fine alla crisi, aiutare la Siria a ottenere l’indipendenza e facilitare il suo ritorno nel mondo arabo”.

In un discorso televisivo del 28 ottobre, il segretario generale della Lega degli Stati arabi, Ahmed Aboul Gheit, ha dichiarato: “La Siria potrebbe essere nuovamente ammessa alla Lega degli Stati arabi al prossimo vertice. Ma per questo serve il consenso di tutti i Paesi partecipanti, molti dei quali non sono contrari a uno scenario del genere”.

Per tutto ottobre, Shukri ha raddoppiato i suoi sforzi per risolvere la crisi in Siria. Il 4 ottobre il ministro degli Esteri egiziano ha discusso della questione siriana con il suo omologo russo Sergei Lavrov. Secondo Shukri, “l’Egitto è interessato a che la Siria esca dalla crisi e diventi parte attiva del mondo arabo”. Il 14 ottobre ha incontrato l’inviato Onu per la Siria Geir Pedersen, durante il quale hanno discusso delle vie d’uscita dalla crisi.

Gli Emirati Arabi Uniti condividono il punto di vista dell’Egitto sulla Siria. Il 20 ottobre, lo sceicco Muhammad bin Zayed Al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, ha discusso al telefono con il presidente siriano Bashar al-Assad le modalità di sviluppo delle relazioni tra i due paesi.

La corte reale giordana, a sua volta, ha annunciato che il 2 ottobre il re Abdullah ha tenuto i primi colloqui telefonici con Assad dall’inizio della guerra siriana nel 2011.

Tariq Fahmi, politologo dell’Università del Cairo, ritiene che “Giordania, Egitto ed Emirati Arabi Uniti stiano facendo sforzi congiunti per far partecipare la Siria al prossimo vertice arabo, previsto per marzo in Algeria”.

Ad agosto, il ministro degli Esteri algerino Ramtane Lamamra ha dichiarato che “il suo Paese sostiene la proposta di ammettere la Siria nella Lega araba. Ripristinare l’appartenenza del paese all’organizzazione è importante in termini di ripristino della sua partecipazione agli affari del mondo arabo “.

Secondo Fahmi, “il rapporto tra Egitto e regime siriano si è notevolmente rafforzato rispetto ai passati periodici incontri di sicurezza”.

Il 19 agosto, l’amministrazione presidenziale libanese ha annunciato che gli Stati Uniti avevano informato Michel Aoun, leader del Paese, che stava sviluppando un piano congiunto con Giordania, Siria ed Egitto per risolvere la crisi che stava dilaniando il Paese.

Tuttavia, gli Stati Uniti continuano a opporsi al ripristino dei rapporti con Damasco. In una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed il mese scorso, il segretario di Stato Anthony Blinken ha affermato che Washington non sosterrà gli sforzi per normalizzare le relazioni con Damsk fino a quando “il paese non avrà compiuto progressi politici irreversibili”.

 

(https://www.al-monitor.com/originals/2021/11/egypt-intensifies-efforts-bring-syria-back-arab-fold)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.