Continuano gli indizi di un raffreddamento degli Stati Uniti verso Zelensky

Come già detto precedentemente, ci sono indizi secondo i quali gli Stati Uniti nutrono riserve in crescendo rispetto alla leadership ucraina attuale. Certo, cosa abbiano in mente gli americani nessuno può dirlo; la leadership statunitense ci ha abituato spesso a cambiamenti repentini. Tuttavia, gli esperti rilevano un certo raffreddamento degli USA verso Zelensky (pur mantenendo gli aiuti militari a lungo termine).

In merito, è interessante l’articolo “Il terreno sotto i piedi di Zelensky comincia a mancare” dell’ottimo blog Indian Punshline:

DI MK BHADRAKUMAR | PUNCHLINE INDIANO | 27 AGOSTO 2022

Leggendo e rileggendo la dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden   lunedì scorso in occasione del Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina, viene in mente il verso immortale del poeta inglese John Keats: “Le melodie ascoltate sono dolci ma quelle non ascoltate sono più dolci”. Pertanto, tre cose colpiscono.

Biden ha ripetutamente confermato la natura duratura delle relazioni degli Stati Uniti con il popolo ucraino. Ma nell’intera dichiarazione, non ha mai menzionato il governo ucraino o la   leadership del presidente Volodymyr Zelensky. Un’omissione imprudente?

In secondo luogo, Biden ha sottovalutato al punto da ignorare l’intenso partenariato tra Stati Uniti e Ucraina a livello statale. Terzo, cosa più importante, Biden ha taciuto sulla guerra in quanto tale, che al momento è in una fase decisiva.

Quando ha parlato dell’ultima tranche di armi per l’Ucraina del valore di 2,98 miliardi di dollari, Biden ha espresso la speranza che i sistemi d’arma possano garantire che l’Ucraina “possa continuare a difendersi a lungo termine “. (Enfasi aggiunta.)

Questo merita attenzione. Gli analisti americani stimano che il pacchetto di armi da 2,98 miliardi di dollari è radicalmente diverso nel suo meccanismo di erogazione rispetto alle armi precedentemente fornite. Pertanto, mentre gli aiuti militari finora sono stati prelevati da scorte preesistenti di armi e attrezzature statunitensi, questa volta il pacchetto di aiuti sarà acquistato o ordinato da appaltatori della difesa.

John Kirby, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, ha ammesso ai giornalisti che alcuni degli aiuti nell’ultimo pacchetto potrebbero essere erogati più lentamente rispetto ad altre parti del pacchetto a seconda delle scorte attuali degli appaltatori della difesa. Ha detto vagamente: “Dipenderà, francamente, dall’oggetto di cui stiamo parlando. Alcune cose probabilmente avranno ancora bisogno di un po’ di tempo per la produzione per essere sviluppate”.

In effetti, il complesso militare-industriale potrebbe avere più cose da celebrare nell’annuncio di Biden rispetto a Zelensky. L’amministrazione Biden si sta allontanando dall’attingere fino all’esaurimento delle attuali scorte statunitensi, come stanno facendo anche gli alleati europei.

Secondo  Mark Cancian , consulente senior del programma di sicurezza internazionale presso il CSIS, l’ultimo pacchetto da 2,98 miliardi di dollari di Biden “sosterrà l’esercito ucraino a lungo termine, ma richiederà mesi o addirittura anni per essere implementato completamente… Quindi, questo (pacchetto) sosterrà l’esercito ucraino militare a lungo termine, probabilmente nel dopoguerra, piuttosto che aumentare le sue capacità a breve o medio termine…”

“Ciò significa che la capacità degli Stati Uniti di fornire rapidamente attrezzature potrebbe diminuire… L’amministrazione potrebbe dover chiedere presto più soldi al Congresso. Sebbene il consenso bipartisan per sostenere l’Ucraina rimanga forte, potrebbe esserci una lotta con la sinistra progressista e la destra isolazionista sulla saggezza di inviare denaro all’estero quando ci sono bisogni urgenti in patria”.

Questa è quasi la stessa situazione che stanno affrontando gli alleati europei degli Stati Uniti. Il prestigioso think tank tedesco, Kiel Institute for the World Economy  , ha riferito la scorsa settimana : “Il flusso di nuovo sostegno internazionale per l’Ucraina si è esaurito a luglio. Nessun grande paese dell’UE come la Germania, la Francia o l’Italia ha fatto nuovi impegni significativi”.

Ha affermato che la Commissione europea sta spingendo per pacchetti di aiuti più ampi e regolari all’Ucraina, ma l’entusiasmo manca a livello di paese membro: “I principali paesi dell’UE come Francia, Spagna o Italia hanno finora fornito pochissimo sostegno o sono rimasti molto opaco circa il loro aiuto.

Giovedì, il cancelliere tedesco Olaf Schulz  ha fatto un’osservazione significativa  in un evento pubblico a Magdeburgo secondo cui Berlino non fornirà a Kiev armi che potrebbero essere utilizzate per attaccare la Russia. Scholz ha spiegato che l’obiettivo di Berlino nell’invio di armi è “sostenere l’Ucraina” e “impedire un’escalation della guerra in qualcosa che sarebbe molto diverso”. Ha detto che stava facendo eco al pensiero di Biden.

In effetti, negli ultimi due mesi, Washington ha ripetutamente segnalato che non sta cercando la vittoria, ma una soluzione finale al problema dell’Ucraina attraverso negoziati pacifici. Come in Germania, anche negli Stati Uniti c’è un’enorme pressione contro la guerra, soprattutto tra il Partito Democratico e l’élite accademica, così come alti funzionari in pensione e dirigenti d’azienda, che chiedono all’amministrazione di smetterla di riscaldare la situazione in giro per l’Ucraina.

È del tutto concepibile che la dichiarazione di Biden lunedì abbia tenuto conto del fatto che la guerra in Ucraina potrebbe prendere una svolta fondamentalmente diversa a causa delle pressioni politiche che si accumulano negli Stati Uniti a causa delle elezioni di medio termine e di un cambiamento nella dinamica del potere.

Già, l’attenuarsi dell’impatto delle sanzioni europee e statunitensi contro la Russia parla da sé. L’ Economist , che è un critico virulento del Cremlino, ha ammesso questa settimana che l’atteso colpo che avrebbe dovuto dare le sanzioni anti-Russia “non si è concretizzato”.

La rivista ha scritto: “Le vendite di energia genereranno un surplus di parte corrente di 265 miliardi di dollari quest’anno (per la Russia), il secondo più grande al mondo dopo la Cina. Dopo una crisi, il sistema finanziario russo si è stabilizzato e il Paese sta trovando nuovi fornitori per alcune importazioni, inclusa la Cina”. In una nota cupa, l’Economist ha scritto,

“Il momento unipolare degli anni ’90, quando la supremazia americana era incontrastata, è passato da tempo e l’appetito dell’Occidente di usare la forza militare è svanito dopo le guerre in Iraq e Afghanistan”.

È interessante notare che la rivista tedesca Spiegel ha  riferito  che anche Scholz sta affrontando il dissenso all’interno del suo stesso partito da parte di coloro che vogliono che Berlino smetta di fornire armi a Kiev e vogliono invece che il cancelliere si impegni in un dialogo con la Russia.

A livello internazionale, ovviamente, il sostegno all’Ucraina è diminuito drasticamente. La proposta di Kiev di condannare la Russia mercoledì ha attirato il sostegno di appena 58 dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite, mentre, nella sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 2 marzo, 141 paesi membri avevano votato per una risoluzione non vincolante per condannare Mosca.

Allo stesso modo, il rivestimento in teflon di Zelensky si sta staccando. La sua dipendenza dalla droga è cosa ormai pubblica. Il regime è traballante, come mostra l’ondata di epurazioni nell’establishment della sicurezza ucraino. Secondo il presidente turco Recep Erdogan, che ha incontrato Zelensky di recente a Lvov, quest’ultimo sembrava insicuro e incerto come se non fosse tenuto informato sulla situazione sul terreno.

Anche il comportamento irregolare di Zelensky non desta fiducia. Papa Francesco è l’ultima figura ad essere rimproverata da Kiev, perché il Pontefice ha rimarcato che Darya Dugina era “innocente”. L’ambasciatore vaticano è stato convocato alla Farnesina per ricevere la protesta di Kiev.

Il quotidiano tedesco  Handelsblatt ha scritto oggi che la “coesione interna” del governo ucraino “è in pericolo. Ci sono gravi accuse contro il presidente… A casa, il presidente ucraino, che all’estero è celebrato come un eroe di guerra, è sotto pressione… Il comico è diventato un signore della guerra… Il 44enne è stato finora in grado di cambiare e agire liberamente con la sua squadra, che è in parte composta da colleghi della sua casa di produzione televisiva. Ma ora il periodo di grazia sembra essere scaduto”. Il quotidiano prevedeva un imminente sconvolgimento politico entro l’inverno.

Biden ha preso accuratamente le distanze dal regime di Kiev e si è concentrato sulle relazioni interpersonali. Anche se gli americani conoscono i corridoi bizantini del potere a Kiev, non possono essere espliciti come l’ex presidente russo Dmitry Medvedev che la scorsa settimana ha predetto che l’  esercito ucraino potrebbe organizzare un colpo di stato  e avviare colloqui di pace con la Russia.

Indian Punchline

****

neretto: VPNews

Exit mobile version