Congo, mentre Ebola infuria, c’è chi chiede sesso in cambio di vaccini

Congo, mentre Ebola infuria, c'è chi chiede sesso in cambio di vaccini 2

Gli operatori sanitari nella Repubblica Democratica del Congo stanno offrendo servizi correlati all’Ebola, comprese le vaccinazioni, in cambio di favori sessuali. 

Il Guardian .riferisce che un  recente rapporto delle ONG presentato a una riunione della task force nazionale nella città della Repubblica Democratica del Congo di Beni, le donne – che sono in gran parte responsabili dell’assistenza ai malati – sono state accusate di non aver impedito la diffusione della malattia.

Secondo il rapporto, alle donne sfruttate sono stati offerti posti di lavoro nel settore sanitario in cambio di dosi del vaccino «altamente efficace».

«Questa regione della Repubblica democratica del Congo ha una lunga storia di violenza sessuale e sfruttamento di donne e ragazze. Anche se scioccante, questo è un problema che si sarebbe potuto prevedere – ha detto Trina Helderman, consulente senior in salute e nutrizione – gli attori umanitari avrebbero dovuto essere più preparati a mettere in atto misure di sicurezza per impedire che ciò accadesse».

«Giovedì, il ministero della salute ha esortato a segnalare a chiunque offra servizi come vaccinazioni o altri trattamenti in cambio di denaro. Il ministero ha detto di essere a conoscenza di voci separate, diffuse sui social media, che alle donne che lavoravano al contenimento del virus Ebola erano stati assegnati posti di lavoro in cambio di favori sessuali. In una dichiarazione, ha affermato di aver preso sul serio tali affermazioni e ha avvisato che le donne dovrebbero incontrare solo i reclutatori che indossano un distintivo ufficiale».

«Gli avvertimenti arrivano mentre esperti internazionali di salute esortano l’OMS a prendere in considerazione l’emissione di una segnalazione globale in relazione all’epidemia èche si va espandendo].  The Lancet dice che la risposta all’epidemia è complicata a causa di una “tempesta di fattori dannosi”, tra cui instabilità politica, conflitto e un gran numero di persone in movimento» scrive The Guardian.

L’epidemia di Ebola (DRC) è la seconda più grande nella storia, avendo 811 persone con i sintomi riportati. Di questi, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) 750 sono risultati positivi all’ebola , che ha avvertito  che esiste un alto rischio di diffusione dell’epidemia nei vicini Uganda, Ruanda e Sud Sudan, riporta il sito Zerohedge.

Finora ci sono stati 510 decessi a causa del virus.

A gennaio, il numero di nuovi casi è aumentato da circa 20 a settimana a oltre 40, secondo Save the Children.

 

Nonostante l’efficacia del vaccino, l’attuale epidemia ha un tasso di mortalità di quasi il 63%.

«I sospetti nutriti da autorità e agenzie sanitarie hanno ulteriormente ostacolato gli sforzi per contenere la risposta, ha affermato Eva Erlach, della Federazione internazionale delle società della Croce rossa e della Mezzaluna rossa. L’agenzia ha analizzato il feedback di migliaia di persone che vivono nelle aree colpite dall’Ebola. In tutte le località ci sono un sacco di persone che non pensano che l’Ebola sia reale, che sia solo un modo per le organizzazioni umanitarie di fare soldi, o che sia stato usato solo per rinviare le elezioni» ha detto Erlach sempre al Guardian

«È fondamentale convincere le comunità che l’Ebola è una preoccupazione urgente e reale – ha dichiarato Heather Kerr, direttrice nazionale di Save the Children – le persone hanno interrotto i funerali perché non credevano che il defunto si fosse arreso al virus: gli operatori umanitari sono stati minacciati perché si credeva che diffondessero l’Ebola. Dobbiamo aumentare i nostri sforzi per raggiungere i giovani e i leader della comunità per costruire fiducia e aiutarci a cambiare questa tendenza. Curare le persone che sono malate è essenziale, ma impedire che l’Ebola si diffonda ulteriormente è altrettanto importante».

Anche secondo le organizzazioni di salute globale  il numero  di bambini infetti durante l’attuale epidemia è insolitamente alto.

«I bambini, che corrono un rischio maggiore rispetto agli adulti di morire di virus, rappresentano circa il 30% di tutti i casi, di cui 116 sono di età inferiore ai 5 anni, secondo un rapporto del 7 febbraio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il braccio sanitario globale di le Nazioni Unite, che hanno ritenuto il rischio di trasmissione “molto alta” a livello nazionale e regionale, mentre il rischio rimane globalmente basso» scrive ABC News

fonte: Renovatio 

Exit mobile version