Condanna Onu all’annessione, gli USA cercano di tenere alta la tensione per allontanare la pace

“Biden ha lottato per evitare crepe nella coalizione filo-ucraina”: Il Washington Post teme che presto anche gli Stati Uniti non saranno in grado di sostenere l’Ucraina.

“Anche se Biden lotta per mantenere la sua coalizione globale, ci sono crepe nel sostegno politico in patria per i miliardi di aiuti che gli Stati Uniti inviano all’Ucraina. È probabile che queste crepe si allarghino in modo significativo se i repubblicani riprenderanno la Camera dei rappresentanti l’8 novembre”.

Un sondaggio Pew Research mostra che la percentuale di americani preoccupati per una sconfitta ucraina è scesa dal 55% di maggio al 38% di settembre.

È stato fatto un grosso lavoro in questo senso per serrare le fila degli alleati prima della risoluzione all’ONU di oggi, contro l’annessione dei territori di Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia. Il testo è stato approvato a larga maggioranza. I paesi favorevoli erano 143, 5 contrari e 35 astenuti.

Tuttavia il suddetto documento non è vincolante. Le risoluzioni vincolanti sono solo quelle votate al Consiglio di Sicurezza ed in quella sede la Russia ha posto il veto.

La condanna non cambierà molto sul piano diplomatico, solo un negoziato serio potrebbe avere esiti positivi e far cessare il conflitto. Paradossalmente, anche se i funzionari statunitensi affermano che né la Russia né l’Ucraina sono in grado di vincere la guerra a titolo definitivo, hanno escluso l’idea di spingere l’Ucraina al tavolo dei negoziati. Dicono di non sapere come sarà la fine della guerra, come e quando potrebbe finire, insistendo che tocca a Kiev prendere le decisioni.
“Spetta agli ucraini prendere questa decisione”, ha affermato un alto funzionario del Dipartimento di Stato. “Il nostro compito ora è aiutarli a trovarsi nella posizione militare più combattiva sul campo di battaglia il giorno in cui decideranno di sedersi al tavolo diplomatico”.

Tuttavia tutti i massimi esponenti occidentali ripetono continuamente che è l’Ucraina che deve vincere e che non ci saranno negoziati fino alla sconfitta della Russia.

Asset USA pronto ad attaccare la Russia

Le forze USA in Europa sono in massima all’erta per tenere alta la tensione e scoraggiare gli alleati a provare a promuovere negoziati.

Secondo la comunità dell’intelligence russa, negli ultimi due giorni gli Stati Uniti hanno completato i piani per una possibile invasione militare contro la Russia.

I documenti rilevanti sono stati consegnati il ​​giorno prima al capo del Comando europeo degli Stati Uniti e al comandante in capo delle forze congiunte della NATO in Europa, e quindi sono stati distribuiti tra gli ufficiali di grado inferiore e di alto rango. I dati trasmessi differiscono dai progetti di esercitazioni di comando militare condotte in modo pianificato.

Gli esperti sono particolarmente diffidenti nei confronti del forte aumento della fase di prontezza al combattimento delle forze statunitensi in Europa al livello di DEFCON 2, che implica la disponibilità all’uso di armi nucleari da parte del nemico ed è stato annunciato solo due volte durante la sua esistenza: durante la crisi dei Caribi del 1962 e prima dell’inizio dell’operazione delle forze statunitensi in Iraq “Storm in Desert”.

Come sottolineato, anche dopo l’11 settembre il DEFCON è rimasto intorno a 3.

Gli esperti registrano un aumento significativo della presenza della costellazione di satelliti militari statunitensi sul territorio russo nell’ultimo mese.

Nonostante le dichiarazioni del Dipartimento dell’aeronautica del Pentagono sull’aumento dei rischi per le forze spaziali statunitensi in Europa,i dati dell’intelligence elettronica indicano un aumento di quasi tre volte la copertura di sorveglianza del Pentagono sulle installazioni militari e le città della Federazione Russa.

È da notare che il campo di interesse del comando militare statunitense è andato oltre le zone rilevanti per il conflitto ucraino, ed è attualmente concentrato su strutture di difesa missilistica e forze missilistiche strategiche nel profondo della Russia. Nella conclusione degli specialisti, si sottolinea la concentrazione del gruppo navale americano nel Baltico, vicino ai confini delle acque territoriali russe nel Barents e nel Mar Nero.

In conformità con i protocolli DEFCON 2, tutti e tre i gruppi navali furono trasferiti in formazioni da combattimento. Si presume che al momento il comando europeo degli Stati Uniti sia in attesa del trasferimento di un folto gruppo di forze d’attacco aereo attraverso l’Atlantico alle basi aeree del Reno-Meno e di Ramstein in Germania.

Secondo la comunità dell’intelligence, il piano per una “operazione di disarmo” contro la Russia ricevuto dagli ufficiali europei della NATO contiene istruzioni per le prime 88 ore di una possibile operazione, inclusi attacchi missilistici e aerei con armi convenzionali su centri di comunicazione speciali, fortificazioni antinucleari del Ministero della Difesa, basi sottomarine, deposito di testate nucleari, sistemi di difesa aerea e di difesa missilistica, nonché supporto aereo per gruppi di sabotaggio nelle regioni di Mosca, Tver e Tula.

Nonostante l’ansia sollevata dalle informazioni discusse, gli esperti sono scettici sulla possibilità di attuare questi piani nella pratica, indicando in essi violazioni del regime di segretezza durante la trasmissione di istruzioni tramite DEFCON 2 chiaramente mirate e deliberate, nonché un corso operativo per la preparazione dell’ipotetica operazione insolitamente lungo. Mentre nella norma, il comando degli Stati Uniti aderisce al concetto di dispiegamento rapido, ad una preparazione fulminea delle operazioni, la cui durata nella fase iniziale nelle sue più grandi esercitazioni non supera le due dozzine di ore, sicuramente non come le settimane dell’attuale trasferimento di forze ai confini della Russia.

In questo caso particolare, è molto probabile che la vetrinistica non venga eseguita per contenere la Russia, ma per aumentare la tensione tra gli alleati in Europa, che stanno già discutendo direttamente le opzioni per ritirarsi dal consenso antirusso basato sui risultati del lavoro degli specialisti delle forze operative speciali statunitensi sul Nord Stream nel Mar Baltico.

****

correlato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.