Colonnello francese in Iraq e Siria: la coalizione usa bombardare indiscriminatamente

Propongo il seguente articolo dell’Opinion. Per la prima volta un colonnello francese in missione [anti-ISIS] in Siria critica le regole di ingaggio statunitensi che sì permettono di ridurre a zero le perdite di personale USA ma sono un disastro in termini di distruzione di infrastrutture e perdite di vite civili.

@vietatoparlare

Operazione Chammal: l’articolo del Colonnello Legrier non piace a Parigi

“Scrivi! ” Ha detto il Generale Lecointre, capo di stato maggiore degli eserciti, affrontando i militari, esortandoli a uscire dal” silenzio militare “in cui eserciti sono” bloccati “a volte in una” situazione di “comodo”. Un colonnello sembra aver preso il consiglio un po ‘troppo alla lettera. François-Régis Legrier, comandante del 68 ° Reggimento d’artiglieria d’Africa, ha pubblicato un articolo sull’ultimo numero del National Defense Review.

François-Régis Legrier, comandante del 68 ° Reggimento d’artiglieria La Valbonne, ha pubblicato un articolo sull’ultimo numero del Review Defense National. Il colonnello Legrier ha comandato la ‘task force Wagram’ in Iraq, cioè il distaccamento di obici che supporta la coalizione.

artiglieria francese

Il suo articolo di sette pagine è una “retex feedback” [ovvero un  racconto di esperienze militari passate] sul coinvolgimento dell’artiglieria nel conflitto in corso, con un focus speciale sulla battaglia di Hajin (settembre 2018 / gennaio 2019). La conclusione dell’articolo, ben documentata, accusa le forze armate statunitensi di uso sproporzionato della forza.

La rivista specializzata militare RDN ha deciso di rimuovere l’articolo dal suo sito Web, ma l’articolo rimane comunque disponibile nella versione cartacea e in pdf per gli abbonati .

Ecco la sua conclusione:

Sì, la battaglia di Hajin è stata vinta, almeno sul terreno ma rifiutando l’impegno di base [delle truppe terrestri], abbiamo inutilmente prolungato il conflitto e così abbiamo contribuito ad aumentare il numero di vittime tra la popolazione.

Abbiamo massicciamente distrutto le infrastrutture e dato alla popolazione un’immagine disgustosa di quella che potrebbe essere una liberazione in stile occidentale che lascia i semi di un’imminente risorgere di un nuovo avversario . Non abbiamo in alcun modo vinto la guerra per mancanza di una politica realistica e perseverante e una strategia adeguata.

Quanto Hajin ci vorranno per capire che abbiamo torto?

L’autore critica l’approccio statunitense a questa guerra:

Pubblicità

La questione è se la liberazione di una regione può essere fatta solo a costo della distruzione delle sue infrastrutture (ospedali, luoghi di culto, strade , ponti, abitazioni, ecc.). Questo è semplice l’approccio  adottato ieri e oggi dagli americani; ma non ci appartiene.

Attaccare il grande alleato americano, ovviamente, non è gradito a  Parigi. Ma sul posto, il colonnello Legrier è stato in grado di valutare l’estrema dipendenza dei francesi dagli americani. Non è l’unico: anche il ministro Florence Parly ha visitato l’unità di artiglieria  TF Wagram lo scorso fine settimana – dove è stato accolto dal colonnello Legrier – a bordo di un American Osprey V-22.

French major of Wagram Task Force, Francois-Regis Legrier (left), gestures as he speaks to French Defense Minister Florence Parly (center) and General Jean-Marc Vigilant (right) in charge of the “Operation Chammal”, the French military operation within “Operation Inherent Resolve”, the international coalition against Daesh on Saturday, near Al-Qaim, a few kilometers away from the last scrap of territory held in eastern Syria. — AFP

Il colonnello Legrier ha fatto indubbiamente l’errore di non sottoporre il suo articolo alle sue autorità prima della pubblicazione, soprattutto perché sarebbe servito da tappo al momento della stesura e della pubblicazione. Il colonnello ora Légrier sta terminando la sua missione di quattro mesi, ed il 68° francese distaccamento sta per essere ritirato.

Ufficiale e intellettuale, figlio di un generale, Francesco Regis Legrier ha recentemente pubblicato un libro di riflessione “Se vuoi la pace, prepara la guerra – saggio sulla guerra giusta” (Via Romana, 2018), nutrito dal pensiero cattolico e sponsorizzato nello stesso numero del RDN.

Ad ogni modo, il messaggio che verrà ricevuto nella comunità militare sarà probabilmente il seguente: se vuoi scrivere di argomenti diversi dal “militarismo” o dell”etica”, è meglio essere d’accordo con il capo. Avviso ai dilettanti.

fonte: l’Opinion

nota: da febbraio a maggio 2018, il 68 ° Reggimento di artiglieria di La Valbonne impiega circa 300 soldati in Siria, nell’operazione Sentinel. Da agosto 2016 fino a febbraio 2017, circa centosessanta soldati hanno combattuto a fianco degli americani e degli iracheni per liberare la città di Mosul. Il reggimento ha istituito un campo base, ha tenuto le prime posizioni. Gli artiglieri hanno lanciato con precisione sui nemici migliaia di proiettili a 40 km di distanza. La missione anti-Daesh è continuata successivamente in Siria.

  • alcuni link sono stati aggiunti da vietatoparlare

Facebook Comments